Torre Olevola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Olevola
Torre olevola.jpg
Torre
Statobandiera Stato Pontificio
Stato attualeItalia Italia
RegioneLazio
CittàSan Felice Circeo
Coordinate41°15′05.06″N 13°07′05.75″E / 41.251406°N 13.118265°E41.251406; 13.118265Coordinate: 41°15′05.06″N 13°07′05.75″E / 41.251406°N 13.118265°E41.251406; 13.118265
Mappa di localizzazione: Italia
Torre Olevola
Informazioni generali
Tipotorre
Stilemedievale
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Torre Olevola è una torre costiera del Lazio che si trova nel comune di San Felice Circeo, in provincia di Latina.

La torre fa parte di un sistema difensivo progettato per la difesa dalle continue incursioni dei pirati, soprattutto i saraceni. La sua origine risulta essere più antica delle altre quattro torri, volute da Papa Pio IV (torre Paola, torre Cervia, torre Fico, torre Moresca), ma costruite materialmente dai signori di Sermoneta e San Felice Circeo: la prima volta, infatti, che "turris Euole" viene citata in un documento storico è nel 1469. Troviamo inoltre una rappresentazione di questa torre in una mappa disegnata da Leonardo da Vinci raffigurante le zone sulle quali si doveva eseguire la bonifica al tempo di papa Leone X. La torre venne poi riedificata nel 1703 su ordine di Papa Clemente XI, e per questo è anche conosciuta come "torre clementina".

Nei pressi della torre è ubicata la stazione meteorologica di Capo Circeo, ufficialmente riconosciuta dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale.

Il capitano Giulio Cesare Grillo la Torre, Provveditore Generale della Marina Pontificia, così descrive la sua posizione nel 1617 (quindi prima che venisse ricostruita):

«La Torre è posta alle radici del monte Cercello verso Ponente, scopre tutta la spiaggia de Caprolace, Fogliano, Foce Verde, Asturi, sino al Capo d'Anzi. .... è Torre di grandissima considerazione e del continuo vi stanno delli vascelli assai e particolarmente l'estate tutti li vascelli che uengono dalla parte del Monte le sera si fermano detta torre per hauer fondo capace di qualsivoglia galera o altro vascello et per assicurarsi dalli corsari.»

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Torri costiere del Circeo, su circei.it. URL consultato l'11 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2008).
  1. ^ Agostino Mori, Francesco Redi, Torre Olevola : Storia di una torre costiera, in Palladio, rivista di storia dell'architettura e del restauro, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Monografia - Testo a stampa, gennaio giugno 2000, nº 25.