Torre Odeon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Odeon
Tour Odéon
Tour Odéon.jpg
Il prospetto del grattacielo
dalla spiaggia di Larvotto.
Localizzazione
StatoMonaco Monaco
LocalitàMonaco
Coordinate43°44′52.77″N 7°25′50.35″E / 43.747992°N 7.430653°E43.747992; 7.430653Coordinate: 43°44′52.77″N 7°25′50.35″E / 43.747992°N 7.430653°E43.747992; 7.430653
Informazioni generali
Condizionicompletato
Costruzione2009 - 2014
Inaugurazione2015
Usoresidenziale e commerciale
AltezzaTetto: 170 m
Piani48 f.t.
Area calpestabile48.000 m²
Ascensori6
Realizzazione
ArchitettoAlexandre Giraldi
IngegnereSNC Lavalin, Coyne et Bellier, Van Santen & Associé, MZA Structural Engineering
CostruttoreGroupe Marzocco,
Vinci Construction France
ProprietarioSCI Odéon

La Torre Odeon (in francese Tour Odéon) è il grattacielo più alto del Principato di Monaco e tra i più alti d'Europa a destinazione prevalentemente abitativa.[1]

L'edificio è stato completato nell'ottobre del 2014 e le prime consegne delle unità immobiliari sono state effettuate nell'estate del 2015.[2]

Tour Odéon
La Tour Odéon vista da Larvotto (2017)

Genesi del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni ottanta il principe Ranieri III aveva deciso di porre un limite alla costruzione di nuovi edifici pluripiano sul territorio del principato, preferendo lo sviluppo del territorio sottraendo spazio al mare. Gli sviluppi futuri sembravano quindi orientati nuovamente a ulteriori ampliamenti e vennero presentati anche progetti alquanto discutibili.[3][4] Questi prevedevano la realizzazione di atolli e isole artificiali nel golfo antistante ma l'idea venne abbandonata nel 2008 dal suo successore, il principe Alberto II. Tuttavia, la costante mancanza di spazio edificabile, spinse a rivalutare l'ipotesi di realizzare nuovi grattacieli tra cui, il più imponente di tutti, quello proposto nel 2008 dallo studio dell'architetto monegasco Alexandre Giraldi.

Il 12 febbraio 2009, l'autorizzazione edilizia per la sua costruzione è stata votata e deliberata dal Conseil National.[5][6]
Al fine di creare lo spazio necessario per la realizzazione dell'edificio, sono stati effettuati accurati studi di fattibilità e relativi sopralluoghi, che hanno evidenziato anche la necessità di modificare un edificio adiacente che ospita il Collège "Charles III". L'area del cortile dell'istituto scolastico è stata espropriata e ne è stata ricreata un'altra sul tetto dello stesso collegio mediante una struttura pensile.[7][8]

La costruzione dell'intero complesso ha avuto un costo complessivo di oltre 600 milioni di euro,[9] coinvolgendo imprese di costruzioni francesi e italiane come la Vinci Construction France, le progettazioni esecutive sono state eseguite dalla SNC Lavalin, dalla Coyne et Bellier e dalla Van Santen & Associé; la progettazione costruttiva delle strutture in acciaio e delle facciate strutturali della torre è stata invece curata dalla società italiana Mastropasqua-Zanchin & Associates Structural Engineering.[6][2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La Tour Odéon in costruzione nell'estate del 2013

Situato nel quartiere La Rousse - Saint Roman, l'edificio si erge per 58 piani di cui 10 interrati ed è composto da due corpi asimmetrici avvolgenti a profilo convesso, poggianti su un modulo di 7 piani alla base. Con i suoi 170 metri di altezza, la Tour Odéon è il grattacielo più alto del Principato di Monaco e il secondo più alto di tutta la costa mediterranea.[10][11]
Per via della sua altezza, della conformazione del terreno e per scongiurare ogni rischio sismico o idrogeologico, si è resa necessaria la realizzazione delle fondazioni a ben 46 metri di profondità.

Esternamente, la Tour Odéon è caratterizzata da una superficie vetrata che riveste finestre e terrazzi incassati, impiegando ben 35.000 m² di vetro strutturale. Una decorazione ondivaga in vetro azzurro e le sommità oblique, realizzate da 4 grandi vele di lunghezza fino a 30 metri, costruite interamente in acciaio inossidabile e vetro per un peso complessivo di 130 tonnellate, conferiscono ulteriore slancio all'intera struttura.
L'edificio ospita un ampio parcheggio sotterraneo, spazi commerciali ad uso ufficio nei primi 7 piani e appartamenti privati di lusso nel corpo delle due torri. Gran parte di questi sono riservati esclusivamente a residenti di nazionalità monegasca e assegnati dallo Stato a selezionati destinatari. Gli ultimi piani del grattacielo, ospitano le unità immobiliari più prestigiose: ovvero due attici e un grande superattico che disporrà di una terrazza privata con un'ampia piscina a sfioro e relativo scivolo fruibile dal piano superiore. Questa unità immobiliare è stata considerata l'immobile più costoso al mondo, con un prezzo di vendita che sfiora i 400 milioni di euro.[12][9][13]
Inoltre sono presenti svariati servizi ad uso dei residenti: una palestra, un centro benessere, una piscina coperta, una lavanderia, una caffetteria, un ristorante, negozi e vari spazi comuni.

La notevole profondità degli scavi raggiunta dalle fondazioni, ha permesso l'installazione di un complesso impianto di riscaldamento e climatizzazione.[14] Questo è costituito da una pompa di calore collegata ad un sistema di tubazioni che, sfruttando anche il calore sotterraneo, consente di produrre acqua a 60 °C; inoltre essi sono utilizzati come pozzi geotermici per il riscaldamento in inverno e per convogliare il calore di scarico dell'impianto di climatizzazione nei mesi estivi. Un secondo sistema, situato in cima all'edificio, gestisce invece la metà superiore della torre ed è costituito da una doppia pompa di calore aria/acqua (2 x 600 kW) e da un gruppo refrigerante da 500 kW; un particolare sistema di desurriscaldatori, inoltre, recupera il calore per riscaldare l'acqua ad uso domestico.
Infine, una batteria di turboventole situata sul lato più sommitale dell'edificio, contribuisce dissipare il calore dei mesi estivi.[2]

La suddivisione dei circa 48.000 m² calpestabili della Torre Odéon è la seguente:[15]

  • 543 posti auto sotterranei
  • 2.000 m² di locali dedicati a servizi comuni
  • 18.000 m² di locali commerciali ad uso ufficio (nel modulo basso di 7 piani)
  • 259 appartamenti (da 2 a 7 locali) di cui
    • 176 appartamenti da locazione (destinati a soli residenti di nazionalità monegasca)
    • 80 appartamenti privati
    • 2 attici Sky Duplex (da 1.200 m² ciascuno)
    • 1 superattico Sky Penthouse (di circa 3.300 m², distribuiti su 5 piani) con ampia terrazza e piscina privata

L'edificio è stato completato nell'ottobre del 2014 e le prime consegne delle unità immobiliari sono state effettuate nell'estate del 2015.

Contestazioni[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della tour Odéon ha richiesto importanti interventi sul territorio francese di Beausoleil, causando notevoli disagi alla popolazione locale; inoltre la sua sagoma imponente ha definitivamente messo in ombra e privato della vista mare diverse proprietà immobiliari, diminunendone il valore.

Di conseguenza, i lavori avrebbero dovuto essere autorizzati in maniera preliminare da una commissione mista franco-monegasca, ma nulla di tutto ciò è stato fatto; inoltre il cantiere ha cominciato i lavori abusivamente senza i necessari permessi di costruzione.[16][17]

Le segnalazioni della procura antimafia di Genova relative all'attività in Costa Azzurra di Giovanni Tagliamento, membro attivo della camorra, agli omologhi francesi hanno condotto a investigare su un amico del camorrista, Ange Romeo detto Lino Alberti, imprenditore monegasco. Nella residenza di Lino Alberti è stato rinvenuto un accordo scritto[18], fatto assai raro nei crimini di corruzione, intitolato «Odéon Gérard» e presumibilmente riguardante il sindaco di Beausoleil Gérard Spinelli, che prevedeva un'offerta commerciale di due milioni di euro, in cambio dell'astensione da ogni ricorso ai lavori di costruzione della torre, della rinuncia all'esercizio di eventuali diritti di prelazione per lo spazio paesaggistico attualmente facente parte del complesso che si trova sul territorio francese, nonché di autorizzare il transito dei veicoli da cantiere sul comune di Beausoleil.[19]

A seguito di una vasta inchiesta per corruzione, abuso di beni pubblici, riciclo di denaro sporco e frode fiscale, in data di dicembre 2016 il tribunale correzionale di Marsiglia ha richiesto tre anni di prigione e una sanzione pecuniaria per Gérard Spinelli, perseguito per aver ricevuto denaro da parte dei promotori fratelli Marzocco, a loro volta accusati di corruzione attiva e passiva, tramite l'intermediario Lino Alberti, per il quale sono stati richiesti cinque anni di prigione e una sanzione di un milione di euro.[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annonciade: feu vert pour la plus haute tour de Monaco, , Maville.com, 14 février 2009. URL consultato l'8 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2009).
  2. ^ a b c odeon.mc, 5 settembre 2008, http://www.odeon.mc.
  3. ^ E Alberto di Monaco si costruisce un'isola, LASTAMPA.it.
  4. ^ Vacanze a Montecarlo, è in arrivo l'isola artificiale, su viaggi.excite.it.
  5. ^ Il parlamento monegasco.
  6. ^ a b Conseil National[collegamento interrotto], Conseil-national.mc.
  7. ^ Charles-III: une cour de récré sur le toit en deus mois[collegamento interrotto], Maville.com, 8 agosto 2009. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  8. ^ Collège "Charles III", Dicembre 2015, https://web.archive.org/web/20140508092518/http://www.college-charles3.mc/ancien_site/index.php?option=com_wrapper&view=wrapper&Itemid=347 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2014).
  9. ^ a b repubblica.it, Dicembre 2015, http://www.repubblica.it/economia/2014/08/19/news/montecarlo_300_milioni_per_l_attico_dei_record-94078714/?refresh_ce.
  10. ^ Il più alto della costa mediterranea è l'Edificio Intempo di Benidorm.
  11. ^ intempobenidorm.com, Intempo - Benidorm http://www.intempobenidorm.com/ Intempo - Benidorm.
  12. ^ deluxeblog.it, Luglio 2013, http://www.deluxeblog.it/post/49201/attico-piu-caro-al-mondo-a-monaco-costera-388-milioni-di-dollari-appena-completato.
  13. ^ habimat.it, Dicembre 2015, http://www.habimat.it/a-monaco-la-penthouse-piu-lussuosa-del-mondo-tour-odeon/.
  14. ^ Bati Actu (2013), Tour Odéon: la tête dans les nuages et les pieds au frais, su batiactu.com, 7 luglio 2013. URL consultato l'8 luglio 2008.
  15. ^ Le Conseil National veut plus d'appartement, Nice Matin, 5 Settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2010).
  16. ^ Hélène Constanty, Razzia sur la Riviera, Fayard, 2015, ISBN 2213677514.
  17. ^ À Monaco, le mystère de la tour Odéon, su lexpress.fr.
  18. ^ A Monaco, l’argent douteux de la tour Odéon En savoir plus sur https://www.lemonde.fr/societe/article/2016/11/28/a-monaco-l-argent-douteux-de-la-tour-odeon_5039408_3224.html#77Ot0YW27rjsBQr1.99, su lemonde.fr.
  19. ^ Tour Odéon à Monaco: prison avec sursis requise contre Gérard Spinelli et les promoteurs, su france3-regions.francetvinfo.fr.
  20. ^ [Tour Odéon : 5 ans de prison ferme requise contre Lino Alberti https://france3-regions.francetvinfo.fr/cote-d-azur/alpes-maritimes/tour-odeon-5-ans-prison-ferme-requise-contre-lino-alberti-1148655.html].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale [1]
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura