Torre Civica di Varese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Civica o Torre Littoria
TorreCivicaVarese2.jpg
Foto diurna della Torre Civica: sul pennone sventola la bandiera della città di Varese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàVarese
IndirizzoPiazza Monte Grappa
Coordinate45°49′02.12″N 8°49′32.64″E / 45.817255°N 8.825734°E45.817255; 8.825734Coordinate: 45°49′02.12″N 8°49′32.64″E / 45.817255°N 8.825734°E45.817255; 8.825734
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Inaugurazione1933 [1]
AltezzaTetto: 54 m
Ascensorino
Realizzazione
ArchitettoMario Loreti
ProprietarioComune di Varese

«La Torre Civica abbia caratteri ben definiti. La sua posizione […] risulti secondo i migliori punti di visuale, in un complesso armonico, di emotività, e di comando, nel quadro urbanistico ed architettonico della Piazza […]»

(ing. Vittorio Mopurgo, Piano regolatore del Comune di Varese del 30 ottobre 1929[2])

La Torre Civica di Varese (anche nota come Torre Littoria o del Littorio fino al 1945) è un edificio situato nella città italiana di Varese, nella centrale Piazza Monte Grappa.

Progettata in stile razionalista dall'architetto romano Mario Loreti (attivo in città fino al 1942), nel quadro della vasta opera di riqualificazione del centro cittadino avviata sotto l'amministrazione fascista in occasione della promozione di Varese a capoluogo di provincia, fu costruita tra il 1937 e il 1938.

Onde ostentare reverenza verso l'autorità religiosa, si decise di mantenerla lievemente più bassa rispetto al vicino campanile di San Vittore (54 m contro 77,91).

Essa presenta un aspetto spoglio e squadrato: i muri esterni, rivestiti di serizzo della valle Antigorio, descrivono un profilo sfalsato costituito da due parallelepipedi sovrapposti (uno occidentale, che termina a livello della terrazza, ed uno orientale, che arriva fino al tetto). Sul lato rispondente sulla piazza, all'altezza del secondo piano, venne costruito un palco per comizi in porfido rosso, sormontato da un altorilievo marmoreo recante lo stemma cittadino. Al di sotto della terrazza sommitale, sui lati "lunghi" della torre (settentrione e meridione) sono collocati due quadranti d'orologio retroilluminati.

Nel secondo dopoguerra la torre venne progressivamente chiusa al pubblico e i locali interni caddero in disuso, fatti salvi i primi due piani: in alcuni si stabilirono alcune associazioni locali, in altri venne installato l'impianto di controllo delle telecamere di videosorveglianza del centro varesino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]