Torque - Circuiti di fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torque - Circuiti di fuoco
Titolo originale Torque
Paese di produzione USA
Anno 2004
Durata 84 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione
Regia Joseph Kahn
Sceneggiatura Matt Johnson
Casa di produzione Original Film
Fotografia Peter Levy
Montaggio David Blackburn, Howard E. Smith
Musiche Trevor Rabin
Scenografia Peter J. Hampton
Interpreti e personaggi

Torque - Circuiti di fuoco è un film del 2004 diretto da Joseph Kahn. Sulla scia di Fast and Furious, in questa pellicola sono protagonisti motociclisti e motociclette.

Il film racconta del motociclista Cary Ford, interpretato da Martin Henderson, che viene accusato dell'omicidio di un giovane deliquente, impegnato nel dimostrare la sua innocenza si ritroverà braccato dall'F.B.I e dalle gang a cui il giovane apparteneva.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film è presente una MTT Turbine Superbike, meglio nota come Y2K, veicolo presente anche nel Guinness dei primati come motociclo più potente e più caro al mondo (monta il motore Rolls Royce a turbina di un elicottero).
  • A metà film il protagonista dice: "vivo la mia vita a un quarto di miglia alla volta". È un chiaro riferimento al film The Fast and The Furious, realizzato dagli stessi produttori, dove Vin Diesel diceva la stessa frase riferendosi al quarto di miglio percorso negli spari delle gare clandestine.
  • Matt Schulze compare in Fast and Furious e Fast Five, dove interpreta la parte di "Vince" , miglior amico di Vin Diesel ( Dom ).
  • L'Aprilia RSV Mille utilizzata dal protagonista è l'unica moto che è stata lasciata originale di livrea.

Altre moto che si vedono sono la Yamaha R1, Yamaha R6, Triumph Daytona, Honda VTR 1000 Sp-2, Honda CBR 1000R, Kawasaki Ninja.

  • Le due auto che si sfidano ad inizio film sono una Mitsubishi Eclipse Spider terza serie 2001 (la rossa) e una Honda Integra type R Dc5 (la gialla).
  • Nelle scene sullo sterrato possono essere notate, anche ad occhio non esperto, le modifiche effettuate alle moto per poter correre fuori strada più agevolmente. All'anteriore sono state montate delle forcelle rialzate da Cross e manubri alti. Gli pneumatici sono tassellati. Come toccano l'asfalto le moto sono nuovamente in configurazione stradale.
  • All'inizio del film, quando si vede la moto sfrecciare via davanti alle due auto, facendo girare un cartello ad alta velocità con lo spostamento dell'aria, si può intravedere la scritta "Cars suck" sul cartello, ovvero "Le auto fanno schifo".
  • Sul petto della giacca da moto del protagonista, campeggia una toppa con la scritta latina "Carpe Diem".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema