Torotrasto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Flacone di torotrasto

Il torotrasto è una sospensione contenente particelle del composto radioattivo diossido di torio: ThO2 Poiché la sospensione offriva un'elevata qualità dell'immagine e non aveva praticamente effetti collaterali immediati rispetto alle alternative disponibili al momento, il torotrasto divenne ampiamente utilizzato dopo la sua introduzione nel 1931.[1][2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La sospensione è stata usata come mezzo di contrasto nella diagnostica a Raggi-X negli anni trenta e quaranta (in alcuni paesi come gli Stati Uniti l'uso è continuato anche negli anni cinquanta).[3] Il medico portoghese Antonio Egas Moniz contribuì ampiamente al suo sviluppo.[4] I composti di torio producono immagini eccellenti a causa dell'elevata opacità del composto ai raggi X (ha un'alta sezione trasversale per l'assorbimento). Sfortunatamente, il torio è trattenuto nell'organismo, ed è radioattivo, risultando carcinogeno a causa dell'emissione di alfa nocive derivanti dal decadimento. L'uso del composto comporta infatti un aumento del rischio di sviluppo di alcuni tumori come i colangiocarcinomi e gli angiosarcomi del fegato. Ad oggi circa 2-10 milioni di pazienti in tutto il mondo sono stati trattati con Torotrasto.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal momento dell'introduzione all'uso radiologico, vi fu preoccupazione per la sicurezza di utilizzo del torotrasto. Dopo l'iniezione endovenosa, il farmaco si distribuiva ampiamente nell'organismo, in particolare nel sistema reticoloendoteliale nel fegato, milza, linfonodi e ossa. Dopo la rapida distribuzione iniziale il composto viene eliminato con estrema lentezza. In particolare l'emivita biologica è stimata in diverse centinaia di anni.[5][6] Nella pratica ciò significa che gli organi dei pazienti a cui veniva somministrato torotrasto restavano esposti alle radiazioni alfa provenienti dall'interno dell'organismo, per il resto della loro vita. Il significato di questa esposizione a lungo termine non fu pienamente compreso al momento dell'introduzione di torotrasto nel 1931.

A causa del rilascio di particelle alfa, il torotrasto è risultato estremamente cancerogeno. In tutti i pazienti trattati con torotrasto è stata dimostrata un'alta incidenza di diversi tipi di tumori. Queste neoplasie si verificano generalmente entro 20-30 anni dopo l'iniezione del mezzo di contrasto. Il rischio di sviluppare un cancro del fegato (oppure un cancro del dotto biliare o della cistifellea) nei soggetti precedentemente trattati con torotrasto è decisamente aumentato,[7][8] ed è stato calcolato essere ben oltre 100 volte il rischio del resto della popolazione.[9] In questi stessi soggetti il rischio di leucemia sembra essere 20 volte più alto.[10] L'esposizione al torotrasto è stata anche associata allo sviluppo di angiosarcoma. I pazienti tedeschi esposti a Torotrasto hanno avuto un'aspettativa di vita media ridotta di 14 anni rispetto a un gruppo di controllo simile non esposto.[11]

Il torio non è più usato nei mezzi di contrasto per esami radiologici a raggi X. Oggi le molecole iodurate idrofiliche (idrosolubili) sono universalmente utilizzate come agenti di contrasto per via iniettiva nelle procedure a raggi X.

Utilizzi attuali[modifica | modifica wikitesto]

Il torio viene utilizzato nel campo della ricerca per colorare campioni di tessuto neurale per eseguire successivamente un esame di tipo istoradiografico. L'azione colorante del torio, che è in grado di dare una colorazione specifica di sostanze mucose acide, deriverebbe dall'interazione con micelle colloidali cariche positivamente e sostanze acide (carbossili e solfati), presenti nei mucopolisaccaridi acidi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luis Felipe Fajardo,Morgan Berthrong,Robert E. Anderson, Radiation Pathology, 1st Edition, New York, Oxford University Press, 2001, ISBN 978-0-19-511023-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dickson WH, Thorotrast: A New Contrast Medium for Radiological Diagnosis, in Can Med Assoc J, vol. 27, nº 2, August 1932, pp. 125–9, PMC 402461, PMID 20318813. URL consultato il 19 marzo 2018.
  2. ^ A G N, Thorotrast: the new opaque medium for roentgenological diagnosis, in Can Med Assoc J, vol. 27, nº 5, November 1932, pp. 529–31, PMC 402602, PMID 20318925. URL consultato il 19 marzo 2018.
  3. ^ Ishikawa Y, Wada I, Fukumoto M, Alpha-particle carcinogenesis in Thorotrast patients: epidemiology, dosimetry, pathology, and molecular analysis, in J. Environ. Pathol. Toxicol. Oncol., vol. 20, nº 4, 2001, pp. 311–5, PMID 11797840.
  4. ^ R. Tondreau, Egas Moniz 1874-1955, in Radiographics, vol. 5, nº 6, 1985, pp. 994–997, DOI:10.1148/radiographics.5.6.3916824, PMID 3916824.
  5. ^ dos Santos Silva I, Malveiro F, Jones ME, Swerdlow AJ, Mortality after radiological investigation with radioactive Thorotrast: a follow-up study of up to fifty years in Portugal, in Radiat. Res., vol. 159, nº 4, April 2003, pp. 521–34, PMID 12643797.
  6. ^ Grosche B, Birschwilks M, Wesch H, Kaul A, van Kaick G, The German Thorotrast Cohort Study: a review and how to get access to the data, in Radiat Environ Biophys, vol. 55, nº 3, August 2016, pp. 281–9, DOI:10.1007/s00411-016-0651-8, PMID 27154786.
  7. ^ Travis LB, Hauptmann M, Gaul LK, Storm HH, Goldman MB, Nyberg U, Berger E, Janower ML, Hall P, Monson RR, Holm LE, Land CE, Schottenfeld D, Boice JD, Andersson M, Site-specific cancer incidence and mortality after cerebral angiography with radioactive thorotrast, in Radiat. Res., vol. 160, nº 6, December 2003, pp. 691–706, PMID 14640794.
  8. ^ van Kaick G, Bahner ML, Liebermann D, Lührs H, Wesch H, [Thorotrast-induced liver cancer: results of the German thorotrast study], in Radiologe, vol. 39, nº 8, August 1999, pp. 643–51, PMID 10460858.
  9. ^ van Kaick G, Dalheimer A, Hornik S, Kaul A, Liebermann D, Lührs H, Spiethoff A, Wegener K, Wesch H, The german thorotrast study: recent results and assessment of risks, in Radiat. Res., vol. 152, 6 Suppl, December 1999, pp. S64–71, PMID 10564940.
  10. ^ Gerhard van Kaick, Andreas Dalheimer, Sakiko Hornik, Alexander Kaul, Dagmar Liebermann, Hertha Lührs, Andreas Spiethoff, Kurt Wegener e H. Wesch, The German Thorotrast Study: Recent Results and Assessment of Risks, in Radiation Research, vol. 152, nº 6, 1º dicembre 1999, pp. S64-S71, DOI:10.2307/3580117, ISSN 0033-7587 (WC · ACNP), JSTOR 3580117.
  11. ^ N Becker, D Liebermann, H Wesch e G Vankaick, Mortality among Thorotrast-exposed patients and an unexposed comparison group in the German Thorotrast study, in European Journal of Cancer, vol. 44, nº 9, June 2008, pp. 1259–1268, DOI:10.1016/j.ejca.2008.02.050, ISSN 0959-8049 (WC · ACNP). URL consultato il 30 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]