Top of the Pops (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Top of the Pops
TOTP Logo.png
PaeseItalia
Anno2000-2011
Generemusicale
Durata90 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreRai Sarah Felberbaum (2000–2001), Stefano Scandaletti con la partecipazione di Chiara Tortorella (2001–2002), Alvin (2002–2003) con la partecipazione di Alessandra Bellini (2002–2003) ed Ilary Blasi (estate 2003), Ivan Olita con la partecipazione di Gaia Ranieri (2010–2011)
Mediaset: Daniele Bossari con la partecipazione di Silvia Hsieh (2003–2006)
RegiaRuggiero Montingelli, Alida Fanolli (2000–2003),
Claudio Asquini (2003–2005),
Ruggiero Montingelli (2006),
Lorena Sardi, Arnalda Canali (2010–2011)
Casa di produzioneEinstein Multimedia
Rete televisivaRai 2 (2000–2003, 2010–2011)
Italia 1 (2003–2006)
Italia Teen Television (replica versione Mediaset)

Top of the Pops è la versione italiana dell'omonimo programma televisivo britannico di genere musicale, in onda fra il 2000 e il 2011, su Rai 2 per quattro stagioni e su Italia 1 per altre tre.

Il programma debuttò nel 2000 su Rai 2,[1] dove veniva trasmesso il sabato pomeriggio fino al 2003 (poi sostituito da Cd: Live), ed in seguito su Italia 1 fino al 2 settembre 2006, quando venne chiuso per scarsi risultati di ascolto e per fondi insufficienti a finanziare il programma. Esso tornò in onda quattro anni dopo su Rai 2 (nella data del 27 febbraio 2010), con la conduzione di Ivan Olita e Gaia Ranieri[2]. Il 18 settembre 2010 era partita una nuova stagione del programma, sempre con la conduzione di Olita e Gaia Ranieri, e le incursioni di comici quali Carmine Faraco, Gigi e Ross e Dado[3].

A pochi giorni dalla prima puntata della stagione 20112012 (prevista per il 1º ottobre) lo show è stato cancellato dai palinsesti di Rai 2 a causa di uno share di ascolti ritenuto non soddisfacente e per incursioni serio-cattive[senza fonte], senza venire riproposto in seguito[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione