Top Gun: Maverick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Top Gun: Maverick
TopGunMaverick.png
Maverick (Tom Cruise) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2022
Durata130 min
Rapporto2,39:1
1,90:1 (IMAX digitale)
Genereazione, avventura, drammatico, sentimentale
RegiaJoseph Kosinski
Soggettopersonaggi creati da Jim Cash e Jack Epps Jr.
storia di Peter Craig e Justin Marks
SceneggiaturaEhren Kruger, Christopher McQuarrie, Eric Warren Singer
ProduttoreJerry Bruckheimer, Tom Cruise, Christopher McQuarrie, David Ellison
Produttore esecutivoDana Goldberg, Chad Oman, Mike Stenson
Casa di produzioneParamount Pictures, Skydance Media, Jerry Bruckheimer Films, TC Productions, New Republic Pictures
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaClaudio Miranda
MontaggioEddie Hamilton, Chris Lebenzon
Effetti specialiShane Dzicek, Pete Kelley
MusicheLady Gaga, Harold Faltermeyer, Hans Zimmer, Lorne Balfe
ScenografiaJeremy Hindle
CostumiMarlene Stewart
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Top Gun Maverick logo.png
Logo ufficiale del film

Top Gun: Maverick è un film del 2022 diretto da Joseph Kosinski. La pellicola è dedicata alla memoria di Tony Scott, regista del film originale.

Si tratta del sequel di Top Gun del 1986 ed è interpretato da Tom Cruise, Miles Teller, Jennifer Connelly, Glen Powell, Jon Hamm, Ed Harris e Val Kilmer.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A più di 30 anni dal conseguimento del brevetto alla scuola Top Gun,[N 1] Pete "Maverick" Mitchell, ora Capitano di vascello della Marina degli Stati Uniti, è un pilota collaudatore. Nonostante i numerosi e illustri successi, la ripetuta insubordinazione, assieme al desiderio di non smettere di volare, gli hanno impedito la promozione ad ammiraglio. Il suo amico ed ex rivale alla scuola Top Gun, l'ammiraglio Tom "Iceman" Kazansky, è ora il comandante della Flotta del Pacifico degli Stati Uniti e da sempre impedisce che sia allontanato dalla Marina.

Quando il retroammiraglio Chester "Hammer" Cain prevede di chiudere il programma "Darkstar"[N 2] di Maverick a favore del finanziamento di droni, il capitano decide di salvare il programma cambiando l'obiettivo del test di quel giorno, portando il velivolo a Mach 10 anziché Mach 9, per soddisfare le specifiche del contratto del programma, ignorando gli ordini di Cain. Il prototipo raggiunge la velocità richiesta, ma poi viene distrutto quando Maverick, spinto dal suo continuo desiderio di sperimentare oltre i limiti, lo porta a velocità ancora più elevate. Per quel che ha fatto, Maverick viene rimproverato da Cain, che però poi gli comunica di non poterlo far congedare perché il capitano è stato chiamato per ritornare alla scuola Top Gun.

Giunto alla nuova base, Maverick viene informato che la Marina è stata incaricata di distruggere un impianto non autorizzato per l'arricchimento dell'uranio, localizzato in una profonda depressione alla fine di un canyon. È difeso da torrette equipaggiate con missili terra-aria SA-3 Goa, disturbatori GPS e aerei da caccia di quinta generazione. Il Comandante delle forze aeree, il viceammiraglio Beau "Cyclone" Simpson comunica al capitano che il suo compito sarà quello di addestrare un gruppo di diplomati Top Gun, anche se non gli nasconde di non avere fiducia in lui e che è lì solo per volontà di Iceman.

In un primo addestramento di combattimento aereo simulato, Maverick aggancia, uno dopo l'altro, tutti i caccia dei suoi scettici studenti, conquistando il loro rispetto, ma il suo modo di insegnamento anticonformista non piace a Cyclone. L'addestramento mette in risalto le differenze tra i piloti: da un lato c'è Bradley "Rooster" Bradshaw, figlio del defunto navigatore di Maverick Nick "Goose" Bradshaw, che per proteggere la propria squadra vola con eccessiva prudenza, mentre all'altro estremo c'è Jake "Hangman" Seresin, che pur di terminare la missione mette in pericolo la vita dei compagni.

Maverick intanto reincontra dopo anni l'ex fidanzata, Penny Benjamin, proprietaria del bar vicino alla base, alla quale rivela che la madre di Rooster gli aveva fatto promettere, prima di morire, che non avrebbe permesso al figlio di diventare un pilota, e per questo il capitano tentò di impedire al ragazzo di entrare in accademia, riuscendo però solo a ritardarne l'ammissione. Rooster, ignaro della promessa, è risentito nei confronti di Maverick per aver ostacolato la sua carriera militare e lo incolpa per la morte di suo padre. Maverick è riluttante a interferire ulteriormente con la carriera di Rooster, ma l'alternativa è mandarlo in una missione pericolosa: racconta i suoi dubbi a Iceman, il quale ha un cancro alla gola terminale, e l'ammiraglio lo incita ad andare avanti. Pochi giorni dopo, Iceman muore.

Con il protettore di Maverick andato, Cyclone lo rimuove come istruttore in seguito alla distruzione di un F/A-18 in addestramento e prende in mano gli ordini della missione, che sono resi più facili da eseguire, ma rendono la fuga molto più difficile e pericolosa. Prima che Cyclone possa terminare il proprio annuncio ai piloti, Maverick, esortato da Penny, effettua un volo non autorizzato attraverso il corso di addestramento, rispettando i parametri originali e dimostrandone la fattibilità. Nonostante l'atto di indiscutibile insubordinazione, a quel punto Cyclone non può fare altro che nominare Maverick come caposquadra.

Maverick guida il gruppo in testa con il suo F/A-18E, accompagnato da un F/A-18F equipaggiato con un designatore laser,[N 3] pilotato dai tenenti Natasha "Phoenix" Trace e Robert "Bob" Floyd. Rooster guida la seconda coppia di caccia, composta dai tenenti Reuben "Payback" Fitch e Mickey "Fanboy" Garcia. I quattro jet partono da una portaerei mentre la base nemica viene bombardata da missili tomahawk, per ridurre il rischio di essere intercettati. Le squadre distruggono con successo l'impianto, ma durante la loro fuga vengono ingaggiate dalle torrette con missili terra-aria. Rooster esaurisce le contromisure e Maverick sacrifica il suo jet per proteggerlo. Non volendo rischiare altre vite, agli altri viene ordinato di tornare alla portaerei. Rooster, però, disobbedisce agli ordini e torna sul luogo dello schianto, scoprendo che Maverick è stato espulso in sicurezza dal velivolo ed è sotto il fuoco di un Mi-24.

Dopo aver distrutto l'elicottero, Rooster viene a sua volta abbattuto. I due si incontrano a terra e rubano un F-14 Tomcat, aereo pilotato in passato da Maverick, dalla base aerea distrutta. Con il caccia antiquato, i due distruggono due caccia Sukhoi Su-57 nemici intercettatori decollati prima dell'attacco, per poi avvistarne un terzo quando si accorgono di aver esaurito le munizioni e le contromisure. Fortunatamente, i due sono salvati in extremis da Hangman, rimasto in standby alla portaerei, facendo tornare tutti gli aerei sani e salvi alla nave. La missione è compiuta, non ci sono state perdite umane, e Maverick da un lato ha ottenuto il rispetto di Cyclone, dall'altro si è finalmente riconciliato con Rooster. Qualche tempo dopo, Rooster aiuta Maverick nella sua officina poco prima che quest'ultimo e Penny volino verso il tramonto a bordo di un P-51 Mustang.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la distribuzione di Top Gun, venne scritta la sceneggiatura di un seguito del film originale. Tuttavia non fu possibile realizzarlo poiché la tecnologia militare era stata rinnovata e il Dipartimento della Difesa non voleva telecamere che riprendessero i nuovi strumenti.

Nel 2014 Jerry Bruckheimer annunciò lo svolgersi del seguito,[1] informazione poi confermata da Val Kilmer il 17 novembre 2015, ritornando ad interpretare Tom "Iceman" Kazansky.

Nel 2017 Tom Cruise, parlando con una testata giornalistica italiana, confermò l'inizio delle riprese per l'estate del 2018, anticipando anche il possibile nome di questo sequel: Top Gun: Maverick.[2][3]

L'aereo utilizzato è il Boeing F/A-18 Super Hornet, caccia intercettore imbarcato ora sulle portaerei della U.S. Navy, mentre ai tempi della prima pellicola era il Grumman F-14 Tomcat.

Le assenze rispetto al primo film[modifica | modifica wikitesto]

Sia Cruise che Kilmer riprendono i loro ruoli del precedente film. Manca, invece, tra gli interpreti Kelly McGillis, che nel primo film interpretava Charlotte "Charlie" Blackwood, l'astrofisica e istruttrice di cui Maverick si innamorava, qui sostituita dal personaggio di Penny Benjamin (impersonato da Jennifer Connelly, già citato in Top Gun). Nessuna citazione del suo personaggio è fatta nel sequel.

Due le possibili spiegazioni per questa assenza nel sequel: secondo il regista, è una precisa scelta tesa a tagliare alcuni fili col passato per guardare avanti. E questo spiegherebbe anche la mancanza di Meg Ryan, che impersonava Carole Bradshaw, moglie di Nick "Goose" Bradshaw (il cui personaggio, tuttavia, viene citato in alcuni flashback del film, essendo la madre di Bradley "Rooster" Bradshaw, e inoltre viene anche specificato da Maverick stesso che è morta, molto probabilmente di malattia).

Secondo Kelly McGillis, invece, la spiegazione sarebbe un'altra: "Sono vecchia, sono grassa e dimostro esattamente l’età che ho. Ma la faccenda non si esaurisce qui. Preferisco di gran lunga sentirmi a mio agio con me stessa, per l'età che ho, piuttosto che inseguire tutti quegli altri valori".[4][5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 31 maggio 2018, come annunciato dallo stesso Cruise sui suoi profili social, nella base navale di San Diego e sono terminate a metà marzo del 2019. Il budget previsto per la realizzazione del film è stato di 170 milioni di dollari.

Per la realizzazione del film, la casa di produzione ha ottenuto i permessi per l'utilizzo dei velivoli militari dal Pentagono. Per ogni ora di utilizzo del velivolo F/A-18E/F la produzione ha pagato la cifra di 11 374 dollari.

Tutti i velivoli durante le riprese erano pilotati da reali piloti militari della Marina e, per creare l'illusione che gli attori stessero effettivamente pilotando i jet durante le scene di volo, i produttori hanno installato delle speciali telecamere IMAX sulla parte posteriore della cabina facendo sembrare appunto che fossero gli attori a pilotare. Gli F/A-18F sono stati così attrezzati con 6 telecamere speciali per ogni velivolo (Sony Venice da 6K) per filmare l'attore sul sedile posteriore.

Tom Cruise ha progettato un "campo di pre-addestramento" di 3 mesi per addestrare gli attori ai ruoli di volo, per abituarli alle acrobazie aeree, alle forze G elevate e per insegnare loro la consapevolezza spaziale di cui avrebbero avuto bisogno per azionare l'attrezzatura della telecamera. Parte dell'addestramento è stato richiesto dalla Marina per i passeggeri in jet tattici, inclusa l'evacuazione subacquea. Monica Barbaro ha detto che il cast ha sopportato le acrobazie aeree volando come passeggeri sull'Extra 300L (biposto ad elica utilizzato dalla Red Bull per gli show acrobatici) pilotato da Chuck Coleman, prima di volare sugli F/A-18F, per garantire che i loro corpi avessero la tolleranza richiesta.

Gli attori hanno anche dovuto imparare a gestire l'illuminazione, la cinematografia e il montaggio per far funzionare correttamente le telecamere a bordo, perché, come ha detto Bruckheimer, "quando sono sul jet gli attori devono dirigersi essenzialmente da soli".

I velivoli di 5ª generazione del combattimento aereo finale, modellati secondo il Sukhoi Su-57 "Felon" russo, e il prototipo ipersonico pilotato da Maverick all'inizio del film sono stati ricreati totalmente al computer (Computer grafica CGI).

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato pubblicato il 18 luglio 2019,[6] mentre il secondo trailer è stato diffuso il 16 dicembre 2019. L'ultimo trailer è stato pubblicato il 29 marzo 2022, con data d'uscita del film confermata al 25 maggio 2022 in Italia.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita nelle sale cinematografiche statunitensi, rinviata più volte nel corso del 2020 a causa della pandemia di COVID-19[7][8], è stata dapprima programmata per il 2 luglio 2021[9], poi al 19 novembre successivo[10] ed infine al 27 maggio 2022 negli Stati Uniti.[11] In Italia è uscito in anteprima in alcune sale il 21 maggio 2022, anticipando l'uscita ufficiale del 25 maggio 2022.

Dopo quasi sei mesi di distribuzione al cinema, il film torna nelle sale italiane dal 1º dicembre 2022.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano e la sonorizzazione della pellicola sono stati effettuati dalla società Iyuno - SDI Group. I dialoghi e la direzione del doppiaggio sono a cura di Carlo Cosolo.[12]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Top Gun: Maverick ha incassato 718 milioni di dollari in Nord America e 770 milioni nel resto del mondo, per un totale di 1,488 miliardi,[13] diventando così il film con il maggiore incasso del 2022.[14] Il film è alla 12ª posizione nella classifica delle cinquanta pellicole con il maggior incasso nella storia del cinema. Top Gun: Maverick è ufficialmente il film di Tom Cruise con il maggior incasso di sempre, seguito poi da Mission: Impossible - Fallout.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene acclamato dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha un punteggio positivo del 96% con un voto medio di 8,2 su 10, basato su 450 recensioni. Il consenso critico del sito recita "Top Gun: Maverick realizza un'impresa ancora più complicata di una picchiata invertita a 4G, offrendo un sequel a lungo ritardato che supera il suo predecessore in uno stile selvaggiamente divertente ed esuberante".[15]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

In Microsoft Flight Simulator dal 25 maggio 2022 è disponibile il DLC Top Gun Maverick;[22] mentre in Ace Combat 7: Skies Unknown di Bandai Namco dal 26 maggio 2022 è disponibile un DLC a tema Top Gun Maverick.[23] In Digital Combat Simulator, dal 26 maggio 2022 sono state introdotte su F-14A e su F/A-18c Lot.20 le livree a tema TopGun. Per il videogioco War Thunder è stato pubblicato, negli stessi giorni della distribuzione della pellicola, un aggiornamento chiamato "Danger Zone", che ha introdotto l'F-14 Tomcat tra gli aerei disponibili.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ Come illustrato in Top Gun (1986).
  2. ^ Velivolo supersonico con motore Scramjet
  3. ^ F/A-18 a due posti utilizza il designatore laser sul bersaglio per aiutare altri aerei d'attacco a sganciare le loro bombe guidate, una tattica nota in inglese come buddy lazing. How the US Military Gave Notes on Top Gun: Maverick, su gq.com, 24 giugno 2022. URL consultato l'11 agosto 2022.
Fonti
  1. ^ Top Gun 2 | Tom Cruise | Jerry Bruckheimer.
  2. ^ Confermato Top Gun 2, su filmovie.it. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ Top Gun: Maverick, nuovi dettagli sui personaggi del film, su BadTaste.it, 27 ottobre 2017. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  4. ^ Top Gun Maverick: ecco perché non c’è Kelly McGillis alias Charlotte, su ComingSoon.it. URL consultato il 2 gennaio 2023.
  5. ^ Chiara Guida, Top Gun: Maverick, perché non c'è la Charlie di Kelly McGillis?, su Cinefilos.it, 30 maggio 2022. URL consultato il 2 gennaio 2023.
  6. ^ «Top Gun: Maverick», il trailer ufficiale (in italiano). E Tom Cruise torna a volare, su Corriere della Sera, 18 luglio 2019. URL consultato il 18 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Scott Mendelson, Tom Cruise's 'Top Gun: Maverick' Is Just One Summer 2020 Release Exploiting 1980s Nostalgia, in Forbes, 18 luglio 2019. URL consultato il 18 luglio 2019.
  8. ^ Andrea Bedeschi, Top Gun: Maverick, la Paramount rinvia a dicembre l’uscita del film con Tom Cruise, su badtaste.it, 2 aprile 2020. URL consultato il 2 aprile 2020.
  9. ^ Beatrice Pagan, A QUIET PLACE 2 E TOP GUN: MAVERICK POSTICIPATI AL 2021, su Movieplayer.it, 23 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  10. ^ Beatrice Pagan, TOP GUN: MAVERICK E MISSION: IMPOSSIBLE 7: DATA DI USCITA POSTICIPATA PER I DUE FILM CON TOM CRUISE, su Movieplayer.it, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  11. ^ Simona Carradori, Top Gun: Maverick e Mission: Impossible 7, ancora rinvii per i film con Tom Cruise, su Best Movie, 2 settembre 2021. URL consultato il 2 settembre 2021.
  12. ^ AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA CINEMA: "Top Gun: Maverick", su www.antoniogenna.net, 25 maggio 2022. URL consultato il 2 gennaio 2023.
  13. ^ (EN) Top Gun: Maverick, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 3 gennaio 2023. Modifica su Wikidata
  14. ^ Valentina D'Amico, Top Gun: Maverick è il primo incasso del 2022, battuto Avatar: La via dell'acqua, su Movieplayer.it, 2 gennaio 2023. URL consultato il 3 gennaio 2023.
  15. ^ rottentomatoes.com, https://www.rottentomatoes.com/m/top_gun_maverick.
  16. ^ "Oscar 2023 nomination, l'Italia c'è con il corto di Natale di Alice Rohrwacher", su repubblica.it, 24 gennaio 2023. URL consultato il 24 gennaio 2023.
  17. ^ (EN) Golden Globes: List of Nominees, su hollywoodreporter.com.
  18. ^ (EN) ‘Everything Everywhere All At Once’ Leads 2023 Critics Choice Awards Film Nominations, su hollywoodreporter.com.
  19. ^ (EN) Grammy Awards Nominations 2023: The Complete List, Led by Beyoncé, Kendrick Lamar, Adele, Brandi Carlile, su variety.com.
  20. ^ (EN) ‘Top Gun: Maverick’ Named Best Picture by National Board of Review, su variety.com.
  21. ^ (EN) ‘Top Gun: Maverick’ leads International Press Academy’s 27th Satellite Awards nominations, su awardswatch.com.
  22. ^ Microsoft Flight Simulator, l'espansione Top Gun Maverick ha finalmente una data - News Xbox Series X|S, su Console-Tribe, 10 maggio 2022. URL consultato il 10 maggio 2022.
  23. ^ Alessandro Zangrandi, Ace Combat 7, un trailer annuncia la data di uscita del DLC di Top Gun Maverick, su GamingTalker, 20 maggio 2022. URL consultato il 22 maggio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema