Too Shy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Too Shy
Too Shy.png
Screenshot del video
Artista Kajagoogoo
Tipo album Singolo
Pubblicazione 22 gennaio 1983
Album di provenienza White Feathers
Genere New wave
Synth pop
Etichetta EMI
Produttore Nick Rhodes
Colin Thurston
Arrangiamenti Kajagoogoo
Registrazione 1982
Formati 7", 12"
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito (1)[1]
(vendite: 200 000)
Dischi d'oro Regno Unito Regno Unito (1)
(vendite: 400 000)
Kajagoogoo - cronologia
Singolo precedente
The Fear Machine
come Art Nouveau
(1982)
Singolo successivo
Ooh to Be Ah
(1983)

Too Shy è il singolo di debutto del gruppo britannico Kajagoogoo, pubblicato dalla EMI nel 1983, singolo estratto dall'album White Feathers (1983).

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4/5 stelle[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Registrato verso la fine del 1982, pubblicato all'inizio del 1983, prodotto da Nick Rhodes, tastierista dei Duran Duran, e da Colin Thurston, già produttore dei primi due album degli stessi Duran Duran, con il testo scritto dal cantante solista Christopher Hamill (in arte Limahl) insieme al bassista e corista Nick Beggs, e con la musica composta da tutti i membri della band, Too Shy è presente sia sul lato principale del singolo 7" di debutto del gruppo, sia sul lato B in una versione strumentale leggermente remixata.

Il maxi singolo 12", che include le stesse facciate del singolo 7", aggiunge, sul lato B, l'inedito Take Another View, originariamente non compreso nell'album White Feathers. Nel 2004, proprio questo brano, insieme al citato strumentale, saranno inseriti tra le bonus track della ristampa dell'album.

Una versione live di Take Another View, brano frequentemente proposto dal gruppo in concerto, era già comparsa sul VHS/Laserdisc del White Feathers Tour, pubblicato nella primavera/estate del 1983, poco prima dell'uscita di Limahl dal gruppo.

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il brano ebbe immediato successo nel Regno Unito, dove, scalzando Down Under dei Men at Work, dal 13 febbraio 1983 rimase al primo posto nella UK Singles Chart per due settimane consecutive[3], per essere superato, a sua volta, da Billie Jean di Michael Jackson.

Coadiuvato dalla rotazione continua sull'allora neonata emittente musicale MTV, divenne ben presto anche una hit internazionale, lanciando i Kajagoogoo nel mito in Germania e negli altri stati di lingua tedesca dell'Europa centrale. Nonostante in questi paesi il gruppo si riconfermasse subito (1983) con i due singoli successivi da UK Top 10[3]: Ooh to Be Ah e Big Apple (quest'ultimo estratto dal secondo album Islands del 1984), oltreoceano, invece, fu relegato tra gli one-hit wonder, non riuscendo ad ottenere un successo altrettanto significativo[4].

Classifica (1983) Posizione
massima
Settimane
in classifica
Germania[5] Germania 1 20
Regno Unito[3] Regno Unito 1 13 (2 al 1°)
Belgio (Vallonia)[5] Belgio 1 8
Nuova Zelanda[5] Nuova Zelanda 2 16
Svizzera[5] Svizzera 2 10
Austria[5] Austria 4 14
Svezia[5] Svezia 4 8
Paesi Bassi[5] Paesi Bassi 5 10
Italia[6] Italia 9
Billboard Hot 100[4]
Mainstream Rock Songs
Hot Dance Club Play
Stati Uniti 5
23
25

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Singolo 7" originale (catalogo EMI 5359)
Lato A

  1. Too Shy – 3:41 (testo: Limahl, Nick Beggs – musica: Kajagoogoo)

Lato B

  1. Too Shy (strumentale) – 3:57 (musica: Kajagoogoo)

Maxi singolo 12" originale (45 giri, 12 EMI 5359)
Lato A

  1. Too Shy (Midnight mix) – 5:25

Lato B

  1. Too Shy – 3:40
  2. Take Another View – 4:17 (Kajagoogoo) – Produttore: Femi Jiya

Maxi singolo 12" US (33 giri, EMI America 7806-1)
Lato A

  1. Too Shy (Mark Kamins remix) – 5:44

Lato B

  1. Take Another View – 4:33

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2002, il brano è stato inserito dall'emittente americana VH1 al 25º posto tra i "100 migliori one-hit wonder" (VH1's 100 Greatest One-Hit Wonders)[7].
  • Nel 2006, la stessa emittente, lo colloca 27° tra le "100 migliori canzoni degli anni ottanta" (100 Greatest Songs of the 80's)[8].
  • Infine, nel 2009, lo piazza al numero 9 tra i "100 migliori one-hit wonder degli anni '80" (100 Greatest One-Hit Wonders of the 80's)[9][10].

Uso nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ricerca certificazione, British Phonographic Industry. URL consultato il 20 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Stewart Mason, Recensione, testo, pubblicazioni come brano di album su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 15 marzo 2014.
  3. ^ a b c (EN) UK Singles/Albums Chart, OCC. URL consultato il 14 marzo 2014.
  4. ^ a b (EN) Classifiche US di singoli e album su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 marzo 2014.
  5. ^ a b c d e f g (EN) Classifiche singolo e formati, ItalianCharts. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  6. ^ Classifica vendite singoli 1983, Hit Parade Italia. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  7. ^ (EN) VH1, VH1's 100 Greatest One-Hit Wonders in fierystage/list, Rate Your Music. URL consultato il 5 febbraio 2014. Classifica completa con i video originali.
  8. ^ (EN) VH1, Le 100 migliori canzoni degli anni ottanta in archive/2006, Rock On The Net. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  9. ^ (EN) Jim Macnie, 100 Greatest One-Hit Wonders of the 80's in Music/Tuner, VH1, 1º aprile 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  10. ^ (EN) Too Shy nella 100 One-Hit Wonder '80 in Music/Tuner, VH1, 2 maggio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica