Antonio Dimitri (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tony Dimitri)
Jump to navigation Jump to search
Antonio Dimitri
Tony Dimitri interpreta re Solimano.png
Tony Dimitri nell'Orlando Furioso
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Folk
Periodo di attività musicale1965 – 1977
Strumentovoce
EtichettaCGD, CAM, Cipiti, Aris
Album pubblicati3
Studio3

Antonio Costanzo Dimitri, noto anche con gli pseudonimi Antonio Di Mitri, Tony Di Mitri, Tony Dimitri e George Stevenson (Manduria, 12 giugno 1931Roma, 8 dicembre 2019), è stato un attore e cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Dimitri negli anni sessanta

Antonio Dimitri nasce a Manduria da dove, giovanissimo, si trasferisce a Torino con la famiglia.[1] Qui interpreta i suoi primi spettacoli teatrali.[1] Un nuovo spostamento lo porta a Roma, dove frequenta l'Accademia nazionale d'arte drammatica, esordendo al Teatro greco di Siracusa nell'Ippolito di Euripide, con la regia di Orazio Costa.[1] In seguito affronta varie tournée teatrali con Enrico Maria Salerno.[1]

Nel 1953 esordisce al cinema nel film Il mercante di Venezia diretto da Pierre Billon e nel 1954 interpreta un soldato nel film Senso di Luchino Visconti.[2] Al cinema partecipa poi ai film: I normanni (1962), La cuccagna (1962), Sindbad contro i sette saraceni (1964), Frenesia dell'estate (1964), Quintana (1968), Dal nostro inviato a Copenaghen (1970), Una colt in mano al diavolo (1973), Il giustiziere di Dio (1973), Il colpaccio (1976).[1]

Nel 1962 interpreta il fotoromanzo "La campana sul grattacielo" (nel periodico "I romanzi di Sogno", n.139, 15 giugno 1962).

Tra il 1965 e il 1966 è protagonista con Amedeo Nazzari della commedia di Dino Verde Hanno rapito il presidente[3] e nello stesso 1965 Dimitri inizia la sua carriera di cantante, con lo pseudonimo Tony Di Mitri, pubblicando i tre singoli L'hanno ucciso a Roma e Hanno rapito il presidente, per la CGD, e Un velo bianco per la CAM.

Tony Dimitri negli anni settanta

Nel 1968 è protagonista insieme a Francesca Bertini della trasmissione televisiva La fiera dei sogni condotta da Mike Bongiorno e nel 1969 prende parte all'Orlando furioso di Luca Ronconi, interpretando il re saraceno Solimano, spettacolo che verrà poi trasposto nell'omonima miniserie televisiva, diretta dallo stesso Ronconi, nel 1975.[1]

All'inizio degli anni settanta, passato alla Cipiti Record, abbandona le canzoni a sfondo di cronaca e si concentra sulla musica tradizionale della sua terra, il Salento, pubblicando i due LP di musica folk I canti del prato verde - Antiche canzoni regionali popolari italiane (1972, come Antonio Di Mitri) e Taratatani - Antichi canti popolari della Puglia salentina (1974, come Antonio Dimitri).

Nel 1972 è di nuovo in televisione nello sceneggiato televisivo Joe Petrosino diretto da Daniele D'Anza, dove interpreta la parte del presunto omicida, e nel 1974, a fianco di Gigi Proietti, interpreta Yanez nello sceneggiato televisivo Le tigri di Mompracem di Ugo Gregoretti.[1]

Nel 1977, passato alla Aris, pubblica come Antonio Dimitri un ultimo album, Rutulì rutulà - Il mondo è una rotella, volta gira e se ne va.

Muore l'8 dicembre 2019 a Roma all'età di 88 anni.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni TV[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1972 - I canti del prato verde - Antiche canzoni regionali popolari italiane (come Antonio Di Mitri)
  • 1974 - Taratatani - Antichi canti popolari della Puglia salentina (come Antonio Dimitri)
  • 1977 - Rutulì rutulà - Il mondo è una rotella, volta gira e se ne va (come Antonio Dimitri)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1965 - L'hanno ucciso a Roma/Carnevale di sangue (come Tony Di Mitri)
  • 1965 - Hanno rapito il presidente/Il telefono dell'incubo (come Tony Di Mitri)
  • 1965 - Un velo bianco/La farfalla innocente (come Tony Di Mitri)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Tony Dimitri, su Activitaly. URL consultato il 9 novembre 2019 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2019).
  2. ^ a b Antonio Dimitri, in MYmovies.it, Mo-Net Srl. URL consultato il 9 novembre 2019.
  3. ^ Hanno rapito il presidente, su Teatro Bonci. URL consultato il 13 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]