Tony Carey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tony Carey
Zöller & Konsorten - Flucht nach vorn Tour 2016 at Logo Hamburg 17.jpg
Tony Carey nel 2016 ad Amburgo
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereHeavy metal
Hard rock
Periodo di attività musicale1971 – in attività
StrumentoTastiera
Gruppo attualesolista
Gruppi precedentiRainbow
Sito ufficiale

Anthony Lawrence "Tony" Carey (Watsonville, 16 ottobre 1953) è un tastierista, cantante e produttore discografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È noto per essere stato il tastierista dei Rainbow. Fino agli inizi del 1975 aveva militato in una band chiamata "Blessings", poi Ritchie Blackmore lo chiama nei Rainbow al posto di Micky Lee Soule. Pur avendo registrato un solo album con i Rainbow ("Rising"), lascia una traccia indelebile nella storia della band, tanto da essere riconosciuto membro della formazione "classica" del gruppo. Memorabile è ad esempio l'introduzione di tastiera di Tarot Woman (traccia con cui comincia l'album). Durante il tour successivo alla pubblicazione del disco vengono pubblicati alcuni dischi live di quel periodo, in cui le sue doti, come del resto quelle di tutti gli altri componenti, vengono esaltate.
Nella primavera del 1976 Carey lascia i Rainbow e viene sostituito da David Stone. Nel 1978 si trasferisce in Germania: inizia allora la carriera solista, pubblicando una serie di dischi di successo. È stato poi il fondatore del Planet P Project con cui ha effettuato varie incisioni suonando numerosi strumenti.
Carey ha anche lavorato come produttore discografico per artisti come Joe Cocker, Milva, John Mayall, Anne Haigis, Eric Burdon, Jennifer Rush e altri.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Rainbow[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Zed Yago[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 – Yellow Power
  • 1982 – In the Absence of the Cat
  • 1982 – I Won't Be Home Tonight
  • 1982 – Explorer
  • 1982 – Heaven
  • 1982 – No Human
  • 1984 – T.C.P.
  • 1984 – Some Tough City
  • 1985 – Blue Highway
  • 1987 – Bedtime Story
  • 1989 – Wilder Westen Inklusive
  • 1989 – For You
  • 1990 – Storyville
  • 1990 - No Man's Land (con Eric Burdon e Anne Haigis)
  • 1994 – Cold War Kids
  • 1999 – The Boystown Tapes
  • 2007 – Live in Sweden 2006 - Volume 1
  • 2007 – The Voyager Files
  • 2008 – The New Machine

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232908397 · ISNI (EN0000 0001 1884 5077 · Europeana agent/base/76568 · LCCN (ENnb2008004656 · GND (DE134343514 · BNF (FRcb138921597 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb2008004656