Toni Iwobi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Toni Iwobi
Tony Chike Iwobi datisenato 2018.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Lombardia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Laurea in Scienza applicata
Università Pacific Western University
Professione Imprenditore

Toni Iwobi, all'anagrafe Tony Chike Iwobi (Gusau, 26 aprile 1955), è un politico italiano di origine nigeriana, primo eletto di origine africana al Senato della Repubblica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Gusau, nel nord della Nigeria, è figlio di una numerosa famiglia cattolica di madrelingua inglese.[1]

È sposato con una donna italiana e ha due figli.[2]

Ancora adolescente si trasferisce a Los Angeles, negli Stati Uniti d'America, per frequentare la Pacific Western University di Encino, dove si laurea in Scienza applicata a indirizzo informatica. Arriva in Italia nel 1976, a Perugia, con un visto da studente per l'Università per stranieri, ma si trasferisce stabilmente pochi mesi dopo a Spirano, in provincia di Bergamo, dove lavora da stalliere, muratore e idraulico. Tra il 1980 e il 1981 lavora da responsabile informatico e responsabile del personale nigeriano per la CimiMontubi; in seguito lavora all'Amsa di Milano, prima come spazzino, poi, riconosciuto il suo titolo di studio, come impiegato.[3][4][5][6][7]

Ha inoltre conseguito un diploma in economia aziendale a Manchester e in analisi contabile a Treviglio.[5]

Dal 2007 è direttore tecnico e commerciale della Dynamic Communications, ditta informatica di Roveredo, Svizzera.[4][8]

Iwobi si mette in proprio e nel 2011 fonda la Data Communication Labs s.r.l., e lavora per l'ospedale di Treviglio.[2]

Dal 2018 è consigliere generale della Fondazione Italia USA.[9]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Ispirato dal federalismo nigeriano e affascinato dalle idee di Gianfranco Miglio, nel 1993 si iscrive alla Lega Nord e viene eletto nel consiglio comunale di Spirano fino al 2014. Nel periodo 2010-2014 è stato anche assessore per i servizi sociali e presidente della commissione cultura, organizzando corsi di dialetto bergamasco e di toponomastica locale.[10] Alle elezioni regionali del 2013 è candidato consigliere in provincia di Bergamo e ottiene 1996 preferenze senza però essere eletto. Dal 2014 è nominato responsabile federale del Dipartimento Immigrazione e Sicurezza della Lega dal segretario Matteo Salvini.[1]

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto al Senato della Repubblica nella circoscrizione Lombardia.

Diviene il primo senatore di origine africana della storia d'Italia.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Nigeriano, immigrato, titolare d'azienda: eletto dalla Lega il primo senatore di colore, su milano.repubblica.it. URL consultato il 6 marzo 2018.
  2. ^ a b c (EN) Italy elects its first black senator: Toni Iwobi of the League, su thelocal.it. URL consultato il 6 marzo 2018.
  3. ^ Nigeriano, immigrato, titolare d'azienda: eletto dalla Lega il primo senatore di colore, su Repubblica.it, 6 marzo 2018. URL consultato il 9 agosto 2019.
  4. ^ a b Chi è Toni Iwobi, il primo senatore nero nella storia della Repubblica Italiana, su LifeGate, 9 marzo 2018. URL consultato il 9 agosto 2019.
  5. ^ a b Chi è Toni Iwobi, il primo senatore di colore in Italia, su lettera43.it. URL consultato il 6 marzo 2018.
  6. ^ Tony Iwobi [collegamento interrotto], su it.linkedin.com.
  7. ^ Stefano Zurlo, Il vero ius soli è targato Lega: è verde il primo senatore nero, su ilGiornale.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  8. ^ Tony Iwobi, nato in Nigeria, militante da 25 anni: è della Lega il primo senatore di colore, su L'HuffPost, 6 marzo 2018. URL consultato il 9 agosto 2019.
  9. ^ Staff della Fondazione Italia USA - italiausa.org
  10. ^ Account Suspended

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]