Tomolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il tòmolo (anche tùmulo, tùmminu o tomolata) è un'antica unità di misura della superficie agraria, utilizzata in alcune province italiane.

Multipli[modifica | modifica wikitesto]

Multipli del tomolo sono:

  • salma, in genere equivalente a 16 tomoli (Ha 3.42.88)
  • sacco
  • versura
  • carro

Sottomultipli[modifica | modifica wikitesto]

Sottomultipli del tomolo sono: mondello, carozzo, quarto, quartullo, quartiglio, mezzetto, misura, passo, stoppello, coppo, canna, cozza.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il tomolo era utilizzato nelle province di Agrigento, Avellino, Bari, Benevento, Brindisi, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Catanzaro, Chieti, Cosenza, Crotone, Enna, Isernia, Lecce, Matera, Messina, Palermo, Pescara, Potenza, Ragusa, Reggio Calabria, Siracusa, Teramo, Trapani.

A partire dal 31 dicembre 2009 l'utilizzo del tomolo, come di tutte le altre misure non comprese nel sistema internazionale, è stato vietato.

Valore[modifica | modifica wikitesto]

Il valore del tomolo, espresso in m2, varia da provincia a provincia, considerando quello "comune" (mq. 2.143); il più utilizzato.


Agrigento 2444 m2
Avellino 3333 m2
Bari 4065 m2
Benevento 3065 m2
Brindisi 8516 m2
Caltanissetta 2712 m2
Campobasso 2352 m2
Catanzaro 3364 m2
Catania 2143 m2
Chieti 3243 m2
Cosenza 4004 m2
Enna 2176 m2
Isernia 2750 m2
Lecce 6298 m2
Matera 4088 m2
Messina 1091 m2
Palermo 1648 m2
Pescara 3243 m2
Potenza 4088 m2
Ragusa 1744 m2
Reggio Calabria 3333 m2
Siracusa 1744 m2
Taranto 6813 m2
Teramo 4016 m2
Trapani 2093 m2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Metrologia Portale Metrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metrologia