Tommaso Cuccioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«È uno dei primi e più rinomati fotografi romani dell'Ottocento»

(Dizionario biografico degli italiani - Treccani[1])

Tommaso Cuccioni (Roma, 1790 circa[2]23 agosto 1864) è stato un incisore e fotografo italiano. Collezioni delle fotografie e delle incisioni di Cuccioni sono custodite presso i più importanti musei del mondo[3][4] fra i quali l'International Museum of Photography and Film at George Eastman House[5] di Rochester (New York), il museo più antico dedicato alla fotografia.

Nuova Raccolta di vedute antiche e moderne e della città di Roma

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato diverse serie di vedute di piccolo formato e per il mercato turistico. Tra il 1820 e il 1840 pubblicò la Nuova Raccolta di vedute antiche e moderne e della città di Roma con 100 incisioni di monumenti romani (dimensioni circa 10x14 cm.) e il Numero cento vedute di Roma e sue vicinance (17,5 x 23,5 cm.). Dal 1852 iniziò la produzione di fotografie d'arte e di monumenti romani. Nel 1862 partecipò alla Grande esposizione di Londra. Dopo la sua morte l'azienda passò al fratello Gioacchino e la sua vedova Isabella, che ebbe anche l'uso di fotografie di altri fotografi.

Collezioni presso musei. Archivi e Database[modifica | modifica wikitesto]

Mostre personali e collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • Roma, 2008, (19 Gennaio 2008 – 9 Marzo 2008), Roma 1840-1870 - la fotografia, il collezionista, lo storico, (collettiva), Palazzo della Calcografia[6]
  • Modena, 2008, (15 marzo – 4 maggio 2008), Roma 1840-1870 - la fotografia, il collezionista, lo storico, (collettiva), Fotomuseo Panini[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cuccioni,Tommaso, su treccani.it. URL consultato il 16 guglio 2017.
  2. ^ di Tommaso Cuccioni «conosciamo la data di morte (1864), ma non quella di nascita. Poiché, comunque, un ritratto fotografico del C. (Piero Becchetti, 1983) del 1860 - attribuito a Giuseppe Ninci - ci mostra un uomo vicino alla settantina, è presumibile che sia nato verso il 1790». Cuccioni,Tommaso, su treccani.it. URL consultato il 16 guglio 2017.
  3. ^ Tommaso Cuccioni in Union List of Artist Names, su getty.edu. URL consultato il 16 luglio 2017.
  4. ^ Tommaso Cuccioni in Luminous-Lint - Photography: History, Evolution and Analysis, su luminous-lint.com. URL consultato il 16 luglio 2017.
  5. ^ Eastman Museum - Tommaso Cuccioni, su collections.eastman.org. URL consultato il 16 luglio 2017.
  6. ^ a b Roma 1840-1870 - la fotografia, il collezionista, lo storico, su grafica.beniculturali.it. URL consultato il 16 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Marina Miraglia, Dizionario Biografico degli Italiani - Cuccioni Tommaso, Volume 31, 1985. [1]
  • (EN) Rome in early photographs, the age of Pius IX: Photographs 1846-1878 from Roman and Danish collection, Copenaghen, Museo Thorvaldsen, 1977, ISBN 978-87-7521-042-8.
  • (EN) Images of Italy : photography in the nineteenth century, 8 February--14 March 1980, South Hadley, Mount Holyoke College Art Museum.
  • (DE) Saur, Allgemeines Künstlerlexikon, Bd. 23, München/Leipzig 1999, S. 1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59359170 · ISNI (EN0000 0001 0654 5042 · LCCN (ENno2010178444 · GND (DE1185196390 · BNF (FRcb149771340 (data) · ULAN (EN500003222 · BAV (EN495/13356 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010178444