Tommaso Bernabei detto il Papacello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tommaso Barnabei)

Tommaso d'Arcangelo Bernabei (o Barnabei), detto il Papacello (Cortona, 1505Cortona, 18 maggio 1559) è stato un pittore italiano.

Sala del Papacello, Storie di Roma, Palazzone Passerini, Cortona

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi probabilmente dapprima presso il concittadino Luca Signorelli[1] , successivamente, tra gli inizi degli anni Venti del Cinquecento e il 1524, entrò nell'orbita dei cantieri raffaelleschi a Roma, dopo la morte di Raffaello Sanzio, divenendo allievo diretto di Giulio Romano[2] . Durante gli anni romani partecipò alle decorazioni della Sala di Costantino, a quelle di Villa Madama e Villa Lante e mantenne forse intensi rapporti con la propria patria portando probabilmente a compimento diverse commissioni della bottega del suo primo maestro Luca Signorelli[1] . Nel 1524 alla partenza di Giulio Romano da Roma verso Mantova rientrò stabilmente a Cortona dipingendo fin da ottobre una pala, oggi perduta, per il monastero delle Santucce[3] . Nello stesso mese ricevette l'importante commissione di decorare gli interni del Palazzone Passerini presso Cortona. Qui assieme a vari collaboratori affrescò entro il 1525 il grande salone con storie romane ed entro il 1527 concluse completamente le decorazioni degli interni della residenza del Cardinal Silvio Passerini. Negli stessi anni, tra il 1525 e il 1528, dipinge la tavola dell'Assunta presso la chiesa del Calcinaio a Cortona e affresca una Madonna col Bambino e Santi all'interno dell'Abbazia di Farneta. Nel 1529 dipinge la Pentecoste per la chiesa di San Sebastiano a Cortona (oggi nel coro del Duomo di Cortona) e nello stesso periodo, entro i primi anni Trenta del XVI secolo, porta a compimento con Vittorio Cirelli la tavola con l'Annunciazione e Santi per San Fedele a Montone. Negli stessi anni lavora a Spoleto dove affresca la volta della Cappella Eroli nel Duomo e decora la facciata del Palazzo Racani[4] . A partire da questo periodo la maggior parte della sua attività si concentra tra Umbria ed area aretina. Nei primi anni Quaranta compie un ciclo di affreschi all'interno della chiesa di Santa Maria a Cesi (di cui oggi rimane solamente una Madonna col Bambino Benedicente), dipinge la lunetta del grande portale del Calcinaio e lavora a più riprese a Perugia, dove già nel 1543 partecipa alle decorazioni degli interni della Rocca Paolina (affreschi oggi perduti). A partire dalla metà del quinto decennio del XVI secolo lavora soprattutto a Perugia dove porta a compimento diverse tavole e affresca con Lattanzio Pagani alcune sale all'interno del Palazzo dei Priori (oggi si può ancora ammirare il fregio della sala della Congregazione Governativa con storie di Braccio da Montone). Passerà gli ultimi anni della sua vita a Cortona dove morirà il 18 maggio del 1559.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storie di Roma, 1524-1525, affresco, Cortona, Palazzone Passerini.
  • Assunzione della Vergine, 1525-1528, olio su tavola, Cortona, Chiesa del Calcinaio.
  • Madonna col Bambino e Santi, 1527 ca., affresco, Cortona, Abbazia di Farneta.
  • Pentecoste, 1529 ca., olio su tavola, Cortona, Duomo.
  • Annunciazione e Santi, 1532, olio su tavola, Montone, Museo Civico.
  • Decorazioni della volta, 1528-1530 ca., affresco, Spoleto, Duomo, Cappella Eroli.
  • Decorazioni della facciata, 1528-1530 ca., affresco, Spoleto, Palazzo Racani.
  • Madonna col Bambino Benedicente, 1540 ca., affresco, Cesi, Chiesa di Santa Maria.
  • Madonna col Bambino e Santi, 1543, affresco, Cortona, Chiesa del Calcinaio.
  • Storie di Braccio, 1545-1548, affresco, Perugia, Sala della Congregazione, Palazzo dei Priori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Daniele Simonelli, Nuove considerazioni su Maso Papacello cortonese, 2011 (Tesi di Specializzazione in Storia dell'Arte, Università di Firenze), pp.28-41.
  2. ^ Giorgio Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori , 1568, vol.I, p.329.
  3. ^ Laurence Kanter, Aggiunte e documenti per Tommaso Bernabei detto il Papacello, in Bollettino d'Arte, 1992, p.96, p.102.
  4. ^ Mario Gori Sassoli, Di un misconosciuto raffaellesco e preteso signorelliano: Tommaso Bernabei da Cortona detto il Papacello, in Bollettino d'Arte, 1988, p.27.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori , 1568.
  • Mario Salmi, Tommaso Barnabei detto il Papacello, in Bollettino d'Arte, 1923, pp.167-182.
  • Mario Gori Sassoli, Di un misconosciuto raffaellesco e preteso signorelliano: Tommaso Bernabei da Cortona detto il Papacello, in Bollettino d'Arte, 1988, pp.17-34.
  • Laurence Kanter, Aggiunte e documenti per Tommaso Bernabei detto il Papacello, in Bollettino d'Arte, 1992, pp.95-102.
  • Daniele Simonelli, Nuove considerazioni su Maso Papacello cortonese, 2011 (Tesi di Specializzazione in Storia dell'Arte, Università di Firenze).
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie