Tomb Raider: Curse of the Sword

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomb Raider: Curse of the Sword
Sviluppo Core Design
Pubblicazione Eidos Interactive, Activision
Serie Tomb Raider
Data di pubblicazione Nord America 1º luglio 2001
Europa 17 agosto 2001
Genere Avventura dinamica
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Game Boy Color
Supporto cartuccia
Fascia di età ESRB: E
Preceduto da Tomb Raider: The Nightmare Stone

Tomb Raider: Curse of the Sword è un videogioco sviluppato per Game Boy Color basato sulla famosa serie di Tomb Raider. Il gioco, pubblicato nel 2001, è il sequel di Tomb Raider: The Nightmare Stone, di cui condivide il sistema di gioco.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Durante una visita ad una vecchia amica, Jane, in uno scuro museo antico, Lara Croft è testimone del furto di una potente spada esposta. Nella confusione e nel caos del furto, viene tagliata con la spada. Il sangue sulla lama fa sì che il corpo di Lara sia scelto per un rituale. Successivamente i ladri vanno via per raccogliere gli oggetti rimanenti necessari per trasferire l'anima di Madame Paveau (un potente demone rinchiuso nella spada) nel corpo dell'archeologa. Lara inizia immediatamente a seguire il culto, nella speranza di salvare la sua anima. Nel finale riesce finalmente a recuperare la spada e la spezza in due, impedendo così a Madame Paveau di risorgere per sempre.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Lara Croft: L'intrepida archeologa protagonista, affronterà un lungo viaggio per salvare la propria anima.
  • Jane: Vecchia amica di Lara, lavora nel museo antico di New York. Ha dei capelli corti neri e una pella scura, resterà nel museo.
  • Madame Paveau: Una maga malvagia che in passato ha scatenato paura e dolore. Non si vede mai di persona.
  • Il culto: Seguaci di Madame Paveau con l'intento di riportarla in vita con il corpo di Lara.
videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi