Tomadio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tomadio
insediamento
(SL) Tomaj
Tomadio – Veduta
Localizzazione
StatoSlovenia Slovenia
Regione statisticaLitorale-Carso
ComuneSesana
Territorio
Coordinate45°45′17.82″N 13°51′19.8″E / 45.75495°N 13.8555°E45.75495; 13.8555 (Tomadio)Coordinate: 45°45′17.82″N 13°51′19.8″E / 45.75495°N 13.8555°E45.75495; 13.8555 (Tomadio)
Altitudine362 m s.l.m.
Superficie5,93 km²
Abitanti345 (2002)
Densità58,18 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale6221
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Tomadio
Tomadio

Tomadio[1][2][3][4] (in sloveno e in tedesco[5][6] Tomaj) è un paese della Slovenia, che si trova sull'altopiano carsico, frazione del comune di Sesana.

La chiesa parrocchiale è dedicata ai santi Pietro e Paolo ed è compresa nella diocesi di Capodistria. Presso il locale cimitero è presente una seconda chiesa dedicata alla Vergine Maria.[7]

A Tomadio visse la propria infanzia il poeta sloveno Srečko Kosovel.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La località è situata a 6,6 km a nord del capoluogo comunale e a 7,2 km dall'Italia.
Le alture principali sono Tabor (379 m) e Kamna Gorica (317 m).
Tomadio è rappresentata sulla mappa dell'IGM al 50.000.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fece parte del Patriarcato di Aquileia e poi della Signoria di Rifembergo[8], parte della Contea di Gorizia e Gradisca[9].

Con il trattato di Schönbrunn (1809) entrò a far parte delle Province Illiriche.

Col congresso di Vienna nel 1815 rientrò in mano austriaca sotto il Distretto di Schwarzenegg[8] come sede di un Hauptgemeinde (capo-comune); passò in seguito sotto il profilo amministrativo al Litorale austriaco nel 1849 come comune autonomo[6] che comprendeva gli insediamenti (naselja) di Croce di Tomadio (Križ), Dobraule di Tomadio (Dobravlje), Filippi (Filipčje Brdo), Gracovo di Tomadio (Grahovo Brdo), Seppuglie (Šepulje) e Uttoglie (Utovlje) dell'attuale comune di Sesana.

Dopo la Prima guerra mondiale, con le medesime frazioni del periodo asburgico, fu comune autonomo del Regno d'Italia nella Provincia di Trieste[4]; il comune s'ingrandì nel 1927 assorbendo il comune di Alber di Sesana[10].

Fu soggetto alla Zona d'operazioni del Litorale adriatico (OZAK) tra il Settembre 1943 e il maggio 1945 e tra il maggio 1945 e il 1947, trovandosi a ovest della Linea Morgan, fece parte della Zona A della Venezia Giulia sotto il controllo Britannico-Americano del Governo Militare Alleato (AMG); passò poi alla Jugoslavia e quindi alla Slovenia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il toponimo "Tomadio" a p. 66 sull'Atlante geografico Treccani, vol I, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008.
  2. ^ Atlante stradale d'Italia, Touring Editore, 1998, tav. 20.
  3. ^ Il Carso da Gorizia e da Trieste a Postumia - Mappa Scala 1:250000 - A. Vallardi & P. Corbellini, T.C.I.
  4. ^ a b Regio decreto 29 marzo 1923, G.U. 27 aprile 1923, n.99
  5. ^ Blatt 32-46 der Generalkarte von Mitteleuropa 1:200.000 der Franzisco-Josephinischen Landesaufnahme, Österreich-Ungarn, ab 1887
  6. ^ a b "Tomaj" e le frazioni del suo comune in: Gemeindelexikon, der im Reichsrate Vertretenen Königreiche und Länder. Bearbeit auf Grund der Ergebnisse der Volkszählung vom 31. Dezember 1900. Herausgegeben von der K.K. Statistischen Zentralkommission. VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland (Triest, Görz und Gradiska, Istrien). Wien 1906[collegamento interrotto]
  7. ^ Lista delle chiese della Diocesi cattolica di Capodistria, maggio 2008 Archiviato il 6 marzo 2009 in Internet Archive.
  8. ^ a b nota 126 in: La signoria di Schwarzenegg, Un feudo goriziano sul Carso alle porte di Trieste, Ugo Cova, Del Bianco Editore
  9. ^ rielaborazione G.I.S. con i confini attuali e quelli del Josephinische Landesaufnahme (1763-1787), in Isonzo-Soča n.79/80 - Ottobre/Novembre 2008, pg. 18-22, "La Contea di Gorizia tra vecchi e nuovi confini", Michele Di Bartolomeo
  10. ^ R.D. 8 settembre 1927, n. 1795

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]