Tom Belsø

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tom Belsø
Nazionalità Danimarca Danimarca
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1973-1974
Scuderie Iso Marlboro
GP disputati 5 (2 partenze)
 

Tom Belsø (Copenaghen, 27 agosto 1942) è un ex pilota automobilistico danese, il primo del suo Paese a prendere parte al Campionato mondiale di Formula 1.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Belsø, inizialmente, iniziò la sua carriera nel ruolo di meccanico negli anni '60.[1] Un giorno, però, ebbe la possibilità di guidare in una gara una Volvo da lui stesso messa a punto e riuscì a vincere.[1] A quel punto si dedicò a gare con vetture sport, ottenendo ottimi risultati nei campionati scandinavi.[1]

Nel 1970 decise quindi di passare alle monoposto e disputò il campionato di Formula Ford 1600 e l'anno seguente quello di Formula Atlantic britannica, concludendo al terzo posto.[1] Vista l'età avanzata, però, era ritenuto difficile che potesse ambire a disputare campionati nelle formule maggiori dell'automobilismo.[1] Passò dunque alla Formula 2 nel 1972, saltando il passaggio in Formula 3, ed ottenne il quarto posto nel Gran Premio d'Albi. La stagione fu però travagliata, sia a seguito di varie rotture meccaniche che dello scarso budget a disposizione che costrinse il pilota danese e saltare alcune corse.[1]

Nel 1973 corse con una Lola in Formula 5000 e, nonostante la scarsa competitività del mezzo riuscì ad ottenere discreti risultati, terminando il campionato al sesto posto.[1] Nello stesso anno venne iscritto in Formula 1 dalla Iso-Marlboro nel Gran Premio di Svezia, ma non poté prendervi parte per il mancato arrivo dello sponsor.[1] Prese parte anche ad alcune gare non ufficiali, tra cui la Race of Champions, che concluse al settimo posto. Belsø rimase in Formula 5000 anche nel 1974 ottenendo la sua prima vittoria e concludendo ottavo in classifica.

Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 riuscì, però, a partecipare a quattro gare di campionato, correndo per la Iso, il team di Frank Williams. Alla prima gara, in Sud Africa, su un circuito che non conosceva,[1] si qualificò ventisettesimo, ma fu costretto subito al ritiro a causa di un guasto alla frizione. Dopo aver fallito la qualificazione in Spagna, colse il suo miglior risultato di sempre in Svezia, giungendo ottavo. Ebbe poi la possibilità di disputare solamente un'altra gara, il Gran Premio di Gran Bretagna, ma fallì la qualificazione e qui terminò anche la sua carriera in Formula 1.

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

1973 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Iso Rivolta IR NP 0
1974 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa (1928-1994).svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Sweden.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Iso Marlboro FW Rit NQ 8 NQ 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Dopo la Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

Continuò la carriera in Formula 5000, partecipando anche alla Race of Champions 1975.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Tom Belsø - Biography, f1rejects.com. URL consultato l'11 dicembre 2011.