Tokudaia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tokudaia
Immagine di Tokudaia mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Tokudaia
Kuroda, 1943
Specie

Vedi testo

Tokudaia (Kuroda, 1943) è un genere di Roditori della famiglia dei Muridi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Tokudaia appartengono roditori di piccole dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 120 e 175 mm e la lunghezza della coda tra 100 e 125 mm.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta un rostro allungato e la porzione occipitale deflessa. Le ossa nasali e pre-mascellari si estendono oltre la linea degli incisivi superiori. I fori palatali anteriori sono larghi, il palato è stretto. Le bolle timpaniche sono piccole.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo è corto e tozzo. La pelliccia è densa, cosparsa di peli spinosi, lunghi fino a 21 mm sul dorso e 11 mm sul ventre. Le dita sono sottili, il pollice è funzionale e munito di un piccolo artiglio. Le orecchie sono ovali. La coda è generalmente più corta della testa e del corpo ed è ricoperta di pochi peli sparsi. Le femmine hanno due paia di mammelle inguinali.

Genetica[modifica | modifica wikitesto]

Nelle specie T.osimensis e T.tokunoshimensis è stata riscontrata l'assenza del cromosoma Y nel cariotipo, sostituito da un cromosoma di tipo X0. Nella specie T.muenninki, sebbene presente, questo risulta insolitamente grande, delle stesse dimensioni del cromosoma X [2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Questo genere è endemico delle Isole Ryukyu.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 3 specie.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999
  2. ^ Sutou S, Mitsui Y & Tsuchiya K, Sex determination without the Y chromosome in two Japanese rodents Tokudaia osimensis osimensis and Tokudaia osimensis spp., in Mammalian Genome, vol. 12, nº 1, 2001, pp. 17-21.
  3. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Tokudaia, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi