Todd Lockwood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Todd Lockwood a Lucca Comics & Games 2018

Todd Willis Lockwood (Boulder, 9 luglio 1957[1]) è un artista statunitense specializzato in illustrazioni fantasy e fantascientifiche. Noto soprattutto per le sue illustrazioni per il gioco di ruolo fantasy Dungeons & Dragons e per le sue copertine dei romanzi di R. A. Salvatore[2], la sua arte è apparsa anche sui libri della Tor e della Firebird, nonché in copertine di riviste, come Asimov's Science Fiction, Analog Science Fiction and Fact, Realms of Fantasy, Dragon e Dungeon Adventures.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Todd ha studiato al The Art Institute of Colorado di Denver, in Colorado, laureandosi nel 1981[1] con la vincita del "portfolio par excellence" e andando immediatamente a lavorare nel campo della pubblicità come freelance[1]. Per quindici anni circa ha illustrato prodotti, tra cui la birra Coors che era il suo principale cliente[1]. Dopo aver illustrato alcune copertine per la rivista Satelite Orbits, venne soprannominato The satellite dish guy ("il ragazzo delle parabole satellitari")[1].

Stanco e annoiato delle limitazioni nel suo lavoro nella pubblicità decide di tentare le illustrazioni fantasy e di fantascienza e illustrò alcune copertine dell'Asimov's Science Fiction Magazine, quindi portò queste e altri lavori alla World Science Fiction Convention, a Winnipeg, nel Canada per farsi conoscere[1]. Qui tra gli altri incontra anche uno dei suoi modelli di ispirazione, Michael Whelan, e il suo giudizio positivo sui suoi lavori in bianco e nero lo fece tornare a casa ancora più motivato[1].

I suoi primi lavori nel campo dei giochi sono per la Chaosium per cui illustra alcune carte del gioco XXXenophile di Phil Foglio[1].

Nel 1996 riesce a trovare impiego nello staff della TSR, la compagnia che a quel tempo pubblicava il popolare gioco di ruolo fantasy Dungeons & Dragons. Nel 1997, la Wizards of the Coast ha acquisito la TSR e i suoi marchi; Todd si è così trasferito con la famiglia nello Stato di Washington, dove ha continuato a lavorare alla linea dei prodotti D&D e al gioco di carte collezionabili Magic: l'Adunanza. Nel 1999, ha collaborato alla ridefinizione dell'estetica di Dungeons & Dragons nel suo passaggio alla terza edizione. Nel 2002, dopo l'acquisto della Wizards of the Coast da parte di Hasbro, Todd è ritornato a essere un freelance.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

I suoi lavori sono stati onorati con la pubblicazione nella rivista Spectrum e nel Communication Arts Illustration Annual, con la vincita di numerosi premi Chesleys e World Fantasy. Vive con la moglie e i suoi tre figli nello Stato di Washington. Il suo primo libro illustrato, Transitions: Art of Todd Lockwood, è stato pubblicato nel settembre del 2003.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Stephen Kenson, ProFiles: Todd Lockwood, in Dragon, n. 258, Wizards of the Coast, p. 96.
  2. ^ (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls (a cura di), Todd Lockwood, in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78150000 · ISNI (EN0000 0000 3701 4829 · Europeana agent/base/85128 · LCCN (ENn2003014115 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003014115
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie