Tobia Scarpa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Tobia Scarpa (Venezia, 1º gennaio 1935) è un architetto e designer italiano.

Ha lavorato per buona parte della sua carriera al fianco della moglie Afra Bianchin (Montebelluna, 28 marzo 1937Trevignano, 30 luglio 2011). Le loro opere possono essere trovate in molti musei negli Stati Uniti ed in Europa, fra cui il MoMa e il Louvre[1]. Ha collaborato con aziende come B&B Italia, San Lorenzo Silver e Knoll International[2]. È stato inoltre insignito di numerosi riconoscimenti e premi come il Compasso d'Oro nel 1969 e l'International Forum Design nel 1992. Il lavoro di design della coppia è composto da architettura e oggetti di uso quotidiano tra cui mobili, abbigliamento, design degli interni e lavoro del vetro. Nelle loro progettazioni si sono concentrati sulle possibilità tecniche ed estetiche dei materiali usati. Il lavoro di Tobia e di Afra è stato grandemente influenzato da suo padre, l'architetto e designer Carlo Scarpa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'architetto e designer Carlo Scarpa, Tobia Scarpa nasce a Venezia il 1º gennaio del 1935. Laureatosi nel 1957 insieme alla futura moglie e collega Afra Bianchin nell'Università Iuav di Venezia, dal 1957 al 1961 Tobia ha lavorato come designer del vetro alla vetreria di Murano Venini, prima di aprire con Bianchin un ufficio di design a Montebelluna[3]. Nel 1960 hanno la prima collaborazione con Gavina, per il quale disegnano la poltrona Bastiano, la sedia Pigreco e il letto di metallo Vanessa. Quest'ultimo è stato rieditato nel 2005 da Cassina nella collezione SimonCollezione, come gli altri arredi un tempo prodotti da Simon. In seguito progettano per B&B Italia le poltrone Coronado ed Erasmo, per Cassina le poltrone Soriana, Compasso d'oro nel 1970, e 925, e per Meritalia, la sedia Libertà, esposta al Louvre[4]. Dal 1960 diventano, insieme agli architetti Castiglioni, progettisti alla Flos[4]. Nel 1964 hanno collaborato con l'azienda di abbigliamento Benetton per progettare la prima fabbrica tessile della compagnia. I coniugi Scarpa hanno disegnato vari negozi Benetton in tutto il mondo, fra cui quello di Friburgo, Parigi e New York[3]. Nel 1973 hanno disegnato la lampada Papillona per Flos, una delle prime ad usare tecnologia alogena[3]. I due hanno in seguito lavorato anche per Fabbian, con le lampade Saturnina e Galeto, e per Veas, con la lampada di metallo Scandola[1].

Per il suo lavoro ha ricevuto numerosi premi tra cui il Compasso d'oro e l'IF Industrie Forum Design Hannover nel 1992. Alcuni oggetti disegnati da Scarpa sono esposti nei più importanti musei del mondo: tra cui la sedia Libertà al Louvre di Parigi[5]. Scarpa, dal 2004 al 2007, sempre con Bianchin, ha partecipato al restauro di palazzi storici italiani, fra cui il Palazzo della Ragione di Verona[6]. Dal 2002, Scarpa insegna nel Dipartimento di Design dell'Università IUAV di Venezia[7].

Tobia Scarpa è stato sposato con la collega Afra Bianchin, conosciuta all'Università, fino alla sua morte, avvenuta nel 2011[8]. Con lei ha avuto i figli Sebastiano, Niccolò, morti in due incidenti automobilistici diversi[8], e Carlotta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Restauro di Villa Spineda, Venegazzù, Treviso (Italia), 1999
  • Sedia Veronica - Casas, 1991
  • Lampade Papillona e Pierrot - Flos, 1977 e 1990
  • Sedia Libert - Meritalia, 1989
  • Casa Molteni, Padova (Italia), 1985
  • Sistema di contenitori Torcello e letto Accademia - Stildomus, 1964 e 1981
  • Magazzino robotizzato Benetton, 1980
  • Studio distributivo e di arredo degli uffici Istat e Inps, 1979
  • Casa Lorenzin, Abano Terme (Italia), 1976
  • Arredamento dello show-room B&B, New York (USA), 1976
  • Palazzina per uffici Maxaito, Novedrate (Italia), 1976
  • Poltrona Bonanza e sedia Africa - B&B, 1970 e 1975
  • Progetto di arredo per l'Hotel Danieli, Venezia (Italia), 1972
  • Casa Scarpa, Trevignano (Italia), 1969
  • Poltrona Modell 917 e sedia Soriana - Cassina, 1963 e 1969
  • Applique Foglio, 1966
  • Poltrona e divani Coronado - B&B, 1966 - Con Afra Bianchin
  • Lampade Fantasma e Biagio - Flos, 1962 e 1968
  • Fabbrica di maglieria Benetton, Paderno di Ponzano (Italia), 1964
  • Letto Vanessa - Gavina, 1959 - Cassina, 2005
  • Divano Bastiano - Gavina, 1962 - Knoll, 1968
  • Ristrutturazione Villa Persico Guarnieri - Relais Monaco Country Hotel & Spa, Ponzano Veneto (Italia) 1999
  • Allestimento dell'esposizione Imago mundi, Fondazione Benetton, 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Afra & Tobia Scarpa - San Lorenzo Silver, L'eclaireur. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2014).
  2. ^ (EN) Afra e Tobia Scarpa, Fabbrian. URL consultato il 12 novembre 2015.
  3. ^ a b c (EN) Tobia & Afra Scarpa, Pamono. URL consultato l'11 novembre 2015.
  4. ^ a b AFRA E TOBIA SCARPA, B&B Italia. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2015).
  5. ^ Tobia Scarpa Architetto, Atanor. URL consultato l'11 novembre 2015.
  6. ^ (EN) Afra and Tobia Scarpa architects 1959-1999. Tobia Scarpa architect 2000-2009, Floornature. URL consultato l'11 novembre 2015.
  7. ^ Tobia Scarpa, Flos. URL consultato l'11 novembre 2015.
  8. ^ a b Enzo Favero, Addio ad Afra Scarpa, designer alter ego di Tobia, Il mattino di Padova, 31 luglio 2011. URL consultato l'11 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72246236 · ISNI (EN0000 0000 7863 3554 · SBN IT\ICCU\RAVV\007198 · LCCN (ENn85289067 · GND (DE121309444 · BNF (FRcb150435792 (data) · ULAN (EN500094099