Tobermory (Regno Unito)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Veduta panoramica di Tobermory, nell'isola di Mull
Tobermory
villaggio; anticamente: burgh
(EN) Tobermory/(GD) Tobar Mhoire
Tobermory – Veduta
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Scozia Scozia
Area di consiglioArgyll e Bute
Territorio
Coordinate56°37′12″N 6°04′12″W / 56.62°N 6.07°W56.62; -6.07 (Tobermory)Coordinate: 56°37′12″N 6°04′12″W / 56.62°N 6.07°W56.62; -6.07 (Tobermory)
Abitanti954 (2011)
Altre informazioni
LingueInglese
Cod. postalePA75
Prefisso(+44)
Fuso orarioUTC+0
ConteaArgyll
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Tobermory
Tobermory
Sito istituzionale
Il porto di Tobermory
Gli edifici variopinti di Tobermory
Tobermory: la Main Street

Tobermory (in gaelico scozzese: Tobar Mhoire[1][2][3]) è una località costiera della Scozia nord-occidentale e centro principale dell'isola di Mull, isola sull'Oceano Atlantico appartenente all'arcipelago delle Ebridi Interne. Un tempo burgh della contea tradizionale di Argyll, conta una popolazione di circa 900 abitanti[4]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo gaelico Tobar Mhoire (da cui: Tobermory) significa letteralmente "fonte (tobar) di Maria (Moire)" e fa riferimento ad un'antica fonte dedicata alla Vergine Maria[1][2][3]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Tobermory si trova nell'estremità nord-orientale dell'isola di Mull e si affaccia sul Sound of Mull, lo stretto che separa l'isola dalla terraferma.[5] La cittadina è attraversata dal fiume omonimo.[6]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2001, Tobermory contava una popolazione pari a 954 abitanti.[4]

Nel 2001, contava invece 980 abitanti[4], mentre nel 1991 ne contava 926[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tobermory si sviluppò a partire dalla fine del XVIII secolo, quando John Knox, agente della British Fisheries Society, in visita sull'isola di Mull, decise di sfruttare il porto della località ad uso della società.[1]

L'architettura cittadina fu così realizzata a partire dal 1788 su progetto di Thomas Telford.[2]

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una leggenda, nel 1588 sarebbe affondata di fronte alla località una delle navi dell'Invincibile Armata spagnola con un carico d'oro.[2]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'architettura di Tobermory si caratterizza per la fila di edifici variopinti che si affacciano sul porto.[2]

Edifici e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Mull Museum[modifica | modifica wikitesto]

Nella Main Street di Tobermory ha sede il Mull Museum, un museo dedicato alla storia e alla geologia dell'isola di Mull.[1][2][7]

Tobermory Distillery[modifica | modifica wikitesto]

Altro luogo d'interesse è la Tobermory Distillery, dove viene prodotto lo whisky Tobermory (non torbato), e lo whisky Ledaig (questo invece torbato), che fu fondata nel 1798 da John Sinclair come Ledaig Distillery.[6]

La Tobermory Distillery

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Da Tobermory partono e giungono traghetti che collegano l'isola di Mull con la penisola di Adnamurchan e con Arinagour, nell'isola di Coll.[5]

Tobermory nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Tobermory fu la location della serie televisiva per bambini Balamory, trasmessa dal 2002 al 2005 dalla BBC.[1][2][8] La serie rese la località molto popolare e ne ha fatto diventare una sorta di meta di "pellegrinaggio".[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Tobermory su Undiscovered Scotland
  2. ^ a b c d e f g Tobermory & North Mull su Visit Scotland
  3. ^ a b Tobermory Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive. su Gaelic Place Names
  4. ^ a b c d Tobermory su City Population
  5. ^ a b A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, Milano, 2007, p. 441
  6. ^ a b Tobermory Distillery su Undiscovered Scotland
  7. ^ Mull Museum su Undiscovered Scotland
  8. ^ Balamory su Undiscovered Scotland

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143503147 · LCCN (ENnr00010096