Tiziana Panella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Tiziana Panella, all'anagrafe Emerenziana Panella (Napoli, 24 aprile 1968), è una giornalista, autrice televisiva e conduttrice televisiva italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originaria di San Paolo Bel Sito (NA) e cresciuta a San Nicola la Strada, alle porte di Caserta, a 18 anni vince un premio letterario organizzato dal settimanale L'Espresso e successivamente inizia a collaborare con i quotidiani Il Giornale di Napoli ed Il Mattino. Nel 1990 inizia a lavorare in televisione, conducendo i telegiornali di varie emittenti locali di Caserta. Nel 1992 torna alla carta stampata collaborando con Visto. L'anno seguente, dopo un reportage realizzato in Mozambico, pubblica il suo primo libro Le parole della fame (1995). A partire dal 1994 è in Rai per contribuire alla realizzazione dei programmi come I fatti vostri, Indagine e Chi l'ha visto?.[1]

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 conduce per sei mesi Chi l'ha visto? in sostituzione di Marcella De Palma, assieme a Fiore De Rienzo, Pino Rinaldi e Filomena Rorro. Nel 2001 lavora con Michele Santoro ne Il Raggio Verde, in onda su Rai 2, e nel successivo programma di Sciuscià. Dal settembre 2001 passa a LA7 con contratto da praticante, dove conduce il telegiornale per tre anni. Nel febbraio 2003 diviene giornalista professionista.[2] Nel 2004 vince con Alessandra Anzolini il 4º Festival Cinemambiente con un documentario sui rifiuti in Campania. Dal novembre del 2003 si occupa anche della trasmissione Orlando insieme a Susanna Schimperna, sempre su La7.

A settembre 2007 la Panella approda a Omnibus, un programma di LA7, come conduttrice del "Tema del giorno" nella versione Omnibus Weekend, in onda appunto il fine settimana. Da aprile 2008 conduce, nella fascia mattutina, il programma Le vite degli altri, 60 puntate di biografie di personaggi famosi (replicato anche nell'estate 2011). Da ottobre 2010 a marzo 2011 ha condotto anche il Magazine del TG LA7, Life. Dal 2011 conduce, ogni mattina dalle 09.40 alle 10.30 su LA7, il talk show Coffee Break giunto alla sua quarta edizione, in origine insieme ad Enrico Vaime. A partire dalla stagione 2015-2016, e precisamente dal 26 ottobre, conduce Tagadà, nuovo contenitore pomeridiano su LA7.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

È stata assessore alle Politiche e ai Beni Culturali, ai Grandi Eventi, al Marketing territoriale e all'Editoria nella giunta a guida PD della provincia di Caserta di Sandro De Franciscis, dal 2005 al 2008, anno in cui si è dimessa per motivi professionali.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2008 viene iscritta nel registro degli indagati per falso ideologico assieme al suo compagno Anthony Acconcia, direttore generale della provincia di Caserta, nell’ambito dello scandalo sulle varianti al piano regolatore di Casagiove[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • con Silvestro Montanaro, Le parole della fame, Dalai Editore, 1995

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24200405 · ISNI (EN0000 0000 4319 8513 · LCCN (ENno97007886 · WorldCat Identities (ENlccn-no97007886