Titanio oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella metallurgia, l'oro-titanio (Ti-Au o Au-Ti) si riferisce a una lega composta da titanio e oro. Tali leghe sono utilizzate in odontoiatria,[1][2] ceramica e gioielli .[3] Come molte altre leghe, le leghe d'oro al titanio hanno un carico di snervamento, resistenza alla trazione, durezza e magnetismo più elevati rispetto a ciascuno dei suoi metalli costituenti.[4]

Nel luglio 2016, i ricercatori hanno scoperto che una lega di titanio-oro, β-Ti 3 Au (in senso stretto, un intermetallico ), è fino a 4 volte più dura del titanio.[5][6]

Stando a ciò si prevede un incremento nell'utilizzo di tale materiale in campo Biomedico grazie alla sua Biocompatibilità e resistenza all'usura.[7]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Nel film del 2008 Iron Man, il protagonista Robert Downey Jr. indossa un'armatura realizzata con una lega di titanio e oro.[8][9] Tale armatura, grazie alla sua lega, potrà sopportare le basse temperature della stratosfera.

Nel libro del 2019 The Secret Commonwealth (parte dell'universo della trilogia di His Dark Materials), si scopre che l'aletiometro è costituito principalmente da una lega di titanio e oro.[10]

Nell'episodio 6x22 della serie TV The Blacklist, il mago del computer dello show, Aram Mojtabai, commenta che la gabbia originariamente creata per ospitare Reddington è realizzata in lega d'oro di titanio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fischer J, <678::AID-JBM12>3.0.CO;2-P Mechanical, thermal, and chemical analyses of the binary system Au-Ti in the development of a dental alloy, in J. Biomed. Mater. Res., vol. 52, n. 4, dicembre 2000, pp. 678-86, DOI:10.1002/1097-4636(20001215)52:4<678::AID-JBM12>3.0.CO;2-P, PMID 11033550.
  2. ^ P. Franke e D. Neuschütz, Au-Ti (Gold - Titanium), in Franke (a cura di), Au-Ti (Gold–Titanium), Landolt-Börnstein - Group IV Physical Chemistry, 19B5, SpringerMaterials, 2007, pp. 1-5, DOI:10.1007/978-3-540-45280-5_32, ISBN 978-3-540-45279-9.
  3. ^ Geoffrey Gafner, The development of 990 gold–titanium: its production, use and properties, in Gold Bull., vol. 22, n. 4, 1989, pp. 112-122, DOI:10.1007/BF03214709.
  4. ^ (EN) Eteri Svanidze, Tiglet Besara e M. Fevsi Ozaydin, High hardness in the biocompatible intermetallic compound β-Ti3Au, in Science Advances, vol. 2, n. 7, 1º luglio 2016, pp. e1600319, Bibcode:2016SciA....2E0319S, DOI:10.1126/sciadv.1600319, ISSN 2375-2548 (WC · ACNP), PMID 27453942.
  5. ^ news.rice.edu, http://news.rice.edu/2016/07/20/titanium-gold-new-gold-standard-for-artificial-joints/. URL consultato il 17 settembre 2016.
  6. ^ phys.org, https://phys.org/news/2016-07-lab-titanium-gold-alloy-harder-steels.html. URL consultato il 6 settembre 2018.
  7. ^ Ti3Au, su advances.sciencemag.org.
  8. ^ latimes.com, http://www.latimes.com/entertainment/la-et-iron1-2008may01,0,5392362.story.
  9. ^ bit-tech.net, http://www.bit-tech.net/gaming/pc/2008/05/09/iron-man/1.
  10. ^ The Secret Commonwealth, p. 313, ISBN 978-0553510669.