Tisifone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio dei Cavalieri dello zodiaco, vedi Tisifone (I Cavalieri dello zodiaco).
Tisifone
Nome orig.Τισιφόνη
SessoFemmina

Tisifone (in greco antico: Τισιφόνη, Tisiphónē) è un personaggio della mitologia greca ed era una delle Erinni o Furie insieme ad Aletto e Megera.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Era incaricata di castigare i delitti di assassinio: parricidio, fratricidio, matricidio, omicidio.

Un mito racconta che si innamorò di Citerione, che uccise col morso di uno dei serpenti presenti sul suo capo.

Nel VI libro dell'Eneide di Virgilio Tisifone è rappresentata come uno dei guardiani dei cancelli del Tartaro[1].

In suo onore è stato battezzato l'asteroide 466 Tisiphone, scoperto nel 1901.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Virgilio, Eneide 6.552

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca