Tiradentes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Tiradentes, vedi Tiradentes (disambigua).
Martírio de Tiradentes di Francisco Aurélio de Figueiredo e Melo .

Tiradentes, pseudonimo di Joaquim José da Silva Xavier (Minas Gerais, 12 novembre 1746Rio de Janeiro, 21 aprile 1792), è stato un patriota brasiliano.

Il soprannome era dovuto alla sua professione di dentista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tiradentes fu adottato e dopo la morte dei genitori adottivi (la madre nel 1755, il padre nel 1757), si trasferì a Vila Rica (oggi Ouro Preto).[1] Diventato Alfiere dei Dragoni brasiliani durante il servizio militare, fu l'artefice, insieme ad altri compagni, del tentativo insurrezionale,per l'indipendenza del Brasile dal Portogallo, noto con il nome di Inconfidência Mineira, cioè il tradimento di Minas. Nel 1789 venne arrestato. Durante il processo si prese tutta la colpa del tentativo insurrezionale scagionando gli altri compagni, per questo venne condannato a morte.

Venne impiccato il 21 aprile 1792. Il cadavere venne decapitato e squartato e i resti furono esposti alla popolazione in segno di monito.[2] L'anniversario della sua morte si commemora con una festa nazionale in Brasile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tiradentes, Brasil Escola. URL consultato l'8 agosto 2014.
  2. ^ Sentenza proclamata nei confronti del reo Joaquim José da Silva Xavier

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32800717 · LCCN: (ENn80150122 · ISNI: (EN0000 0000 6136 3375 · GND: (DE119172771 · BNF: (FRcb119396547 (data) · CERL: cnp00549156