Tintorera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tintorera
Tintorera.jpg
I titoli di testa del film
Titolo originale¡Tintorera!
Paese di produzioneMessico, Regno Unito
Anno1977
Durata126 min (versione originale messicana)
117 min (versione censurata messicana)
85 min (versione statunitense)
Rapporto1.85:1
Generethriller, drammatico, orrore
RegiaRené Cardona Jr.
SoggettoRamón Bravo
René Cardona Jr.
SceneggiaturaRamón Bravo
René Cardona Jr.
Christina Schuch
ProduttoreGerald Green
Casa di produzioneConacine, Hemdale
Productora Filmica Real
Distribuzione (Italia)P.A.C. Produzioni Atlas Consorziate
FotografiaRamón Bravo
Leon Sanchez
MontaggioPeter Zinner
Earle Herdan
Effetti specialiRaul Martinez Cardenas
Miguel Vazquez
MusicheBasil Poledouris
ScenografiaCarlos Arjona
TruccoGuadalupe Gorráez
Olga Ruiseco
Interpreti e personaggi

Tintorera (¡Tintorera!) è un film del 1977 diretto da René Cardona Jr. ed è una coproduzione anglo-messicana conosciuta anche con i titoli internazionali Tintorera: Killer Shark e Tintorera: Tiger Shark. La trama del film trae spunto dall'omonimo libro[1] di Ramón Bravo (pubblicato in tempi non sospetti) ciò nonostante risulta essere una delle tante pellicole girate sulla scia del successo de Lo squalo di Spielberg e basate, come il loro capostipite, sul tema dello squalo assassino. Tra gli interpreti è da segnalare la presenza, fra gli altri, di Hugo Stiglitz e Priscilla Barnes.

Quentin Tarantino, grande estimatore della pellicola, ha dichiarato pubblicamente di possederne una copia nella sua collezione privata.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Io preferisco cacciare le "tintorere" in bikini che sono là sulla spiaggia »

(Il turista Steve al pescatore Colorado tornando da una battuta di pesca allo squalo)

Durante una vacanza in Messico il benestante Steve, un giovane apparentemente scontroso, incontra Patricia una affascinante turista appena giunta sul posto per una breve vacanza. Senza perdere tempo inizia a corteggiarla fino a farle accettare un invito a cena sulla sua barca. Dopo questo breve flirt, a causa di una banale incomprensione, i due si separano. Il giorno seguente Steve ritrova la ragazza in compagnia di Miguel, un playboy con due passioni: le donne e la caccia agli squali. Inizialmente rivali per via della ragazza i due giovani litigano fino ad arrivare alle mani. Quando però Patricia scompare, senza lasciare detto nulla, diventano amici. Iniziano così ad andare a pesca insieme, a spartirsi le donne, fino al punto di arrivare a formare un consolidato triangolo amoroso con Gabriella, una turista inglese in cerca di avventure. Steve, prima ostico nei confronti di chi prende la vita con leggerezza senza pensare al futuro ma solo a divertirsi, confessa all'amico Miguel di provare gusto per questa nuova esperienza e che il merito, di questo cambiamento, è tutto suo. Ma quello che era iniziato come un semplice e innocente divertimento estivo finisce presto in tragedia a causa della presenza di una femmina di squalo tigre (una tintorera) decisa a rendere la vita impossibile al gruppo di amici.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La coppia di attori Stiglitz-García, scelta da René Cardona Jr. per questo film, verrà poi impiegata dallo stesso regista anche in alcuni suoi lavori successivi come Il triangolo delle Bermude e Cyclone.

Nel film compare anche una sconosciuta Priscilla Barnes divenuta poi famosa per aver interpretato per alcuni anni una delle componenti della serie tv americana Tre cuori in affitto.

Lo squalo tintorera[modifica | modifica wikitesto]

Lo squalo protagonista del film appartiene ad una specie realmente esistente. Il termine tintorera, infatti, viene utilizzato in alcuni paesi di lingua spagnola per indicare una specie di squalo tigre.[3]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono state effettuate nello stato messicano di Quintana Roo e più precisamente nelle località Isla Mujeres, Cancún, Tulum e Puerto Juarez dal 3 luglio 1976 al 15 settembre dello stesso anno.[4]

Tutte le riprese sottomarine (realizzate sempre con squali veri) sono state affidate all'esperto operatore di riprese subacquee Ramón Bravo.

Durata[modifica | modifica wikitesto]

Nella versione originale messicana la durata del film è superiore alle 2 ore mentre nella versione riadattata e rivista per il mercato internazionale è di soli 85 minuti.[5]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Locandine[modifica | modifica wikitesto]

In alcune locandine originali dell'epoca, oltre al titolo principale "Tintorera" è presente anche il sottotitolo "Lo squalo che uccide".[6] Questa aggiunta, probabilmente, era dovuta al tentativo di sfruttare al massimo il successo generato dal film di Spielberg.

Slogan[modifica | modifica wikitesto]

"Su un panfilo nasce un violento, morboso amore a tre... arriva « TINTORERA » lo squalo tigre... la morte!" è lo slogan utilizzato per pubblicizzare il film, sui quotidiani dell'epoca, nelle pagine dedicate alla programmazione cinematografica.[7][8]

Campagna virale[modifica | modifica wikitesto]

All'uscita del film si sparse la voce che durante le riprese un uomo morì realmente a causa dell'attacco di uno squalo tigre. La notizia non ebbe mai smentite ufficiali ma nemmeno conferme. Tale vicenda risultò utile comunque alla promozione stessa del film.[9]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane a cavallo tra l'agosto e il settembre del 1977.[10][11][12]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Alcune date di uscita internazionali nel corso degli anni sono state[13]:

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Diverse nazioni hanno imposto dei divieti ad un pubblico minore:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Costato 2 milioni di dollari, il film ha avuto un incasso globale al botteghino di 40 milioni di dollari.[15]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'inevitabile accostamento come figlio illegittimo della celebre pellicola Lo squalo[16] il film ha ricevuto anche critiche positive. A.V. sul giornale La Stampa, in un articolo del 1977 dedicato alla presentazione del film, scrisse che "in confronto al modello di Spielberg ha il vantaggio di mostrare pescicani veri, non di plastica e col motorino dentro come nell'antecedente pellicola hollywoodiana" e che erano presenti "suggestive e frequenti riprese sottomarine, curiosamente alternate a scene mondane e addirittura erotiche, ravvivate queste dalla piacevole presenza di Susan George".[17]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Quentin Tarantino ha presentato al Festival Internazionale del Cinema di Morelia (FICM) una proiezione speciale della copia di Tintorera proveniente dalla sua collezione privata. Il suo scopo (oltre a rendere omaggio al film, al regista e agli attori) era quello di far conoscere al pubblico messicano la versione "statunitense" del film così come lui la conobbe da ragazzo quando venne proiettata nelle sale del suo paese.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ramón Bravo, Tintorera, Editorial Diana, 1975.OCLC 2467507
  2. ^ Quentin Tarantino presenta, moreliafilmfest.com. (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2018).
  3. ^ Tiger Shark, itis.gov. (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2018).
  4. ^ Tintorera - Filming Locations, imdb.com. URL consultato il 16 agosto 2015.
  5. ^ Tintorera Technical Specifications, imdb.com.
  6. ^ Tintorera - Dettaglio scheda, internetculturale.it. URL consultato il 16 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2018).
  7. ^ Spettacolo, cultura e varietà, in La Stampa, nº 202, 1977, p. 6.
  8. ^ Schermi e ribalte, in L'Unità, nº 250, 1977, p. 13.
  9. ^ Intervista a Hugo Stiglitz in La Historia detrás del Mito: "Hugo Stiglitz", TV Azteca, 13 giugno 2009, a 0 h 24 min 40 s.
  10. ^ Prime visioni a Savona, in Stampa Sera, nº 190, 1977, p. 23.
  11. ^ Cinema - Prime visioni a Torino - Tintorera, in La Stampa, nº 202, 1977, p. 6.
  12. ^ Cinema - Prime visioni a Napoli - Tintorera, in L'Unità, nº 249, 1977, p. 11.
  13. ^ Tintorera Release Info, imdb.com. URL consultato il 16 agosto 2015.
  14. ^ Cronache della Liguria - Prime visioni a Savona, in La Stampa, nº 191, 1977, p. 11.
  15. ^ Mexicanos y tan indestructibles como Stallone, eluniversal.com.
  16. ^ John Kenneth Muir, Horror films of the 1970s, McFarland, 2002.OCLC 49760591
  17. ^ La "moglie" dello squalo, in La Stampa, nº 206, 1977, p. 9.
  18. ^ Tarantino, principal promotor del cine mexicano de terror, elindependientedehidalgo.com.mx. URL consultato il 2 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2018).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema