Tinka (imbarcazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tinka (barca)
Progetto Tinka.jpg
Tinka disegno originale 1951
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg
TipoVeliero
CantiereStaniland & Co Ltd. (n°207) a Thorne nello (Yorkshire), UK
Varo1951
Caratteristiche generali
Dislocamento6.85 t
Lunghezzafuori tutto (bompresso compreso): 32.5 ft =9,90m
pr/pp:25.8 ft =7,86 m
Larghezza10.00 ft =3,04 m
Pescaggio5.0 ft =1,52 m
PropulsioneSuperficie velica: 450 sq ft

dati presi da[1]

voci di navi presenti su Wikipedia

Tinka è un cutter Marconi progettato alla fine degli anni '40 del secolo scorso da Maurice Griffiths e realizzata nel 1951 in Inghilterra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Tinka fu progettata da Maurice Griffiths (disegno nº 149b).

Lo stesso disegnatore ne cita la storia in un suo testo Sixty Years A Yacht Designers (pag. 69-70-71).

Sugli stessi disegni fu costruita nello stesso anno una gemella Koonawarra e precedentemente nel 1948 la sorella Sixpence ([2]).

A differenza di Sixpence però fu modificata l'opera viva durante la costruzione e infatti dal raffronto con le tavole originali è evidente come la chiglia fu aumentata di volume. Lo stesso Maurice Griffith interpellato a proposito spiegò i motivi che lo portarono a modificarne la parte immersa ottenendo una chiglia a “cuneo”.

I volumi della chiglia furono aumentati dai 2.2 T di Sixpence ai 2.65 T di Tinka.

La Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Tinka è stata costruita i cantieri Staniland & Co Ltd. (nº207) a Thorne nello Yorkshire nel 1951.

È realizzata in mogano (west african mahogany) chiodato in rame su struttura in rovere.

Il fasciame fu irrobustito rispetto alla sorella e pur non avendo modificato albero e piano velico il risultato fu una barca estremamente più robusta.

I primi anni di navigazione[modifica | modifica wikitesto]

Non si hanno notizie dei primi anni di navigazione della barca fino al 1985, anno in cui Tinka venne trovata in pessime condizioni da Chris Keenan a Gosport in Hampshire (Regno Unito).

Il primo restauro[modifica | modifica wikitesto]

Chris Keenan nato sul mare a Leigh, lavorò presso Johnson & Jago come maestro d'ascia, marinaio e rigger decise il restauro di Tinka a Benfleet nell'Essex.

Il viaggio verso l'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 Tinka arriva via mare fino in Sardegna dove Keenan avvia una scuola di vela per la US Navy.

Gli ultimi armatori[modifica | modifica wikitesto]

Tinka fu acquistata nel 2006 da un armatore italiano con la quale nello stesso anno partecipò alla regata Vele d'Epoca di Imperia classificandosi al secondo posto.

Nel 2008 fu restaurata e fu sostituito il precedente motore con l'attuale Volvo Penta 3 cilindri.

Nel dicembre dello stesso anno fu messa nuovamente in vendita.

Nel 2012 fu acquistata dall'ultimo armatore che la mantenne fino a quando, nel settembre 2014, Tinka è affondata all'ormeggio presso il Porto Antico di Genova.

Il nuovo restauro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 è stata acquistata dall'associazione vele d'epoca Verbano per il nuovo restauro.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Progetto Tinka sul sito dell’Associazione Vele d’epoca Verbano
  2. ^ Copia archiviata, su eventideowners.org.uk. URL consultato il 5 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2016).

Sixty Years A Yacht Designers di Maurice Griffiths (1988)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]