Timarcha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Timarcha
Timarcha (Timarcha) nicaeensis Villa, 1835 MG 7493.jpg
Timarcha nicaeensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Cucujiformia
Superfamiglia Chrysomeloidea
Famiglia Chrysomelidae
Sottofamiglia Chrysomelinae
Tribù Timarchini
Genere Timarcha
Latreille, 1829
Sottogeneri
  • vedi testo

Timarcha Latreille, 1829 è un genere di insetti dell'ordine dei Coleotteri.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dalla sua caratteristica autoemorrea riflessa ovvero la capacità di espellere dalla bocca o dalle giunture dell'emolinfa di colore rosso come avvertimento quando si sente minacciato da qualche predatore.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della famiglia Chrysomelidae le specie appartenenti al genere Timarcha sono, come dimensioni, fra le più grandi; con una lunghezza che varia dai 12 a 20 mm.[senza fonte] Hanno una colorazione scura, spesso blu nero con a volte riflessi metallici.

Le elitre sono saldate insieme e quindi non possono volare.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Hanno un andamento lento e abitudini notturne, di giorno tendono a nascondersi.

Fitofagi, si nutrono principalmente di Rubiacee[senza fonte].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte del centinaio di specie conosciute vive in Nord Africa; in Europa sono presenti solo poche specie e sono concentrate in Europa meridionale e centrale. È presente anche nelle steppe asiatiche fino al Giappone.
Fra le specie più diffuse in Italia Timarcha nicaeensis è presente in tutte le regioni ad eccezione di Sardegna e Sicilia, T. tenebricosa è diffusa al nord dal Piemonte al Friuli e T. pimelioides è presente in Campania, Puglia fino alla Sicilia[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

È diviso in tre sottogeneri:

  • Timarcha (Timarcha) Dejean, 1821
  • Timarcha (Timarchostoma) Motschulsky, 1860
  • Timarcha (Metallotimarcha) Motschulsky, 1860
Timarcha tenebricosa (Fabricius, 1775) maschio
Timarcha sardea (Villa, 1835)
Timarcha lusitanica (Fabricius, 1781)
Timarcha olivieri
Timarcha balearica
Timarcha lugens

Comprende le seguenti specie:

In Italia le specie presenti sono:

  • Timarcha (Timarcha) apuana Daccordi & Ruffo, 1990
  • Timarcha (Timarcha) nicaeensis Villa, 1835
  • Timarcha (Timarcha) pimelioides Herrich-Schaeffer, 1838
  • Timarcha (Timarcha) tenebricosa (Fabricius, 1775)
  • Timarcha (Timarchostoma) fracassii Meier, 1900
  • Timarcha (Timarchostoma) pratensis Duftschmid, 1825
  • Timarcha (Timarchostoma) sardea A. Villa & G. B. Villa, 1835
  • Timarcha (Timarchostoma) sicelidis Reiche, 1860
  • Timarcha (Metallotimarcha) gibba (Hagenbach, 1825)
  • Timarcha (Metallotimarcha) metallica (Laicharting, 1781)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi