Tim Saunders

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Berry Tower a Bodmin, città natale di Tim Saunders

Tim Saunders (St. Tudy, 7 febbraio 1952) è un poeta, giornalista e linguista britannico, tra i massimi esponenti della lingua e della letteratura cornica moderna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tim Saunders scrive poesia e giornalismo in lingua cornica, bretone, gallese e irlandese. Risiede a Cardiff, in Galles; ma è nato a St. Tudy, nel distretto di Bodmin, in Cornovaglia[1]. È un bardo del Gorseth Kernow (Festival della Cornovaglia); e uno storico letterario, come dimostrato dalle sue ottime antologie The Wheel e Nothing Broken. Mentre The High Tide è la sua più conosciuta raccolta di poesie personali[2][3].

Ha due figlie, Gwenno Saunders e Ani Saunders, un tempo cantanti del gruppo musicale britannico pop indie The Pipettes, dove Gwenno era anche tastierista. Ora sono artiste soliste[4][5].

Dopo avere scritto per anni in lingua cornica "unificata", Tim Saunders fu il primo a proporne una riforma, creando un proprio stile che revisionava ogni aspetto della lingua. Con questo suo stile personale scrisse dell'ottima poesia, ma non riuscì a trovare seguaci. Quando nel 1976 Ken George creò una nuova riforma, il "cornico comune", poi approvato nel 1977 dal Kesva an Taves Kernewek - Cornish Language Board (Consiglio della lingua cornica), Saunders aderì a questo nuovo stile, con il quale ha scritto e tuttora scrive la sua letteratura successiva alla riforma. Si è dichiarato contrario all'elaborazione della Standard Written Form (Forma scritta unificata), affermando che "L'idea offensiva che ci vuole tanto sciocchi da avere bisogno di "esperti esterni imparziali" per accomodare le differenze tra di noi è semplicemente assurda. Questo chiaro snobismo chiederebbe a studiosi che hanno una conoscenza limitata della comunità praticante la lingua cornica, e nessun affidamento, di stabilire le regole per la comunità stessa. Nessun accademico serio distruggerebbe la propria reputazione dedicandosi a questa attività delegata"[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • T.S., Teithiau (Cyfres y Beirdd Answyddogol), Y Lolfa, Talybont 1977 (in gallese)
  • T.S., Gomebydd Arbennig, Y Lolfa, Talybont, 1985 (in gallese)
  • T.S., Cliff Preis: Darlithydd Coleg, Y Lolfa, Talybont, 1986 (in gallese)
  • T.S., Saer Swyn a Storïau Eraill o Gernyw, Gomer Press, Llandysul 1994 (in gallese)
  • T.S., The High Tide: Collected Poems in Cornish 1974-1999, Francis Boutle Publishers, London (ISBN 978-0-953238-86-6)
  • T.S. (Edited by), The Wheel: An Anthology of Modern Poetry in Cornish 1850-1980, Francis Boutle Publishers, London 1999 (ISBN 978-0-953238-87-3)
  • T.S., Gol Snag Bud ha Gwersyow Whath, Spyrys a Gernow, 2003 (in cornico)
  • T.S., (Adapted by) Cornish Is Fun: An Informal Course in Living Cornish, Y Lolfa, Talybont 2003
  • T.S. (Edited by), Nothing Broken: Recent Poetry in Cornish, Francis Boutle Publishers, London 2006 (ISBN 978-1-903427-30-9)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Berresford Ellis, The Cornish Language and Its Literature, Routledge & Keagan Paul, London 1971 (Chapter Seven: The Revivalists. Pagg. 147-176)
  • Brian Murdoch, Cornish Literature, D.S. Brewer, Cambridge 1993 (Chapter Six: Nebbaz Gerriau... Survivals and Revivals. Pagg. 127-150)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]