Tiberio Veturio Calvino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tiberio Veturio Calvino
Nome originale Tiberius Veturius Calvinus
Gens Veturia
Consolato 334 a.C., 321 a.C.

Tiberio Veturio Calvino (latino: Tiberius Veturius Calvinus; ... – ...) fu console romano per due volte, nel 334 e nel 321 a.C., avendo in entrambi i casi come collega Spurio Postumio Albino Caudino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu eletto console nel 334 a.C. con Spurio Postumio Albino Caudino[1]. Inviati per combattere i Sidicini, non portarono a termine la campagna militare, per il timore che i Sanniti stessero per prendere le armi contro i romani[2].


Fu eletto console nel 321 a.C. con Spurio Postumio Albino Caudino, entrambi al secondo consolato[3]. I due consoli condussero l'esercito romano, in territorio sannita, fino all'imboscata presso Caudio, passata alla storia come la battaglia delle Forche Caudine. I Romani vennero attirati da finti pastori verso un passo che i Sanniti avevano fortificato, e si trovarono in una situazione di difficoltà. I consoli decisero allora di trattare con i Sanniti per uscire dalla situazione di stallo così creatasi, ma il comandante degli avversari obbligò i Romani a passare nudi sotto un giogo di lance per aver salva la vita. [4].

Eletti i due nuovi consoli, Lucio Papirio Cursore e Quinto Publilio Filone, il Senato prese a discutere delle condizioni di pace accettata dai consoli Romani, Tiberio Veturio e Spurio Postumio, alle Forche caudine. Fu il console Spurio a parlare perché le condizioni fossero rigettate, e che lui e Tiberio fossero consegnati ai Sanniti. Condotti nei pressi di Caudio per essere consegnati ai Sanniti, furono rimandati indietro liberi da Gaio Ponzio[5].

La figura di Tiberio Veturio Calvino non venne mai riabilitata, e la gens Veturia, a causa della sua sconfitta, non ebbe più il consolato per cento anni, e subì una forte decadenza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • Gaetano de Sanctis, Storia dei Romani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Marco Atilio Regolo Caleno
Marco Valerio Corvo IV
334 a.C.
con Spurio Postumio Albino Caudino
Publio Cornelio Rufino
Primo anno dittatoriale
I
Lucio Fulvio Corvo
Quinto Fabio Massimo Rulliano
321 a.C.
con Spurio Postumio Albino Caudino II
Lucio Papirio Cursore II
Quinto Publilio Filone III
II