Tia Dalma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tia Dalma
Tialma.png
Tia Dalma nel terzo film
UniversoPirati dei Caraibi
Lingua orig.Inglese
Alter egoCalipso
StudioThe Walt Disney Company
1ª app. inPirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma
Ultima app. inPirati dei Caraibi - Ai confini del mondo
Interpretato daNaomie Harris
Voce italianaStella Musy
PoteriMagia vudù

« Molte cose sei stato, Davy Jones, ma mai crudele. Tu hai corrotto il tuo compito... e corrotto te stesso, e hai nascosto a me ciò che per sempre doveva essere mio. »

(Tia Dalma nel terzo film)

Tia Dalma è la sacerdotessa vudù (nella versione originale parla un inglese caratterizzato da un accento che ricorda quello dei vudù) che appare nel secondo e nel terzo capitolo di Pirati dei Caraibi, parto della mente di Gore Verbinski. È interpretata da Naomie Harris. Nel terzo film si scopre che in realtà è la dea Calypso, l'ex amante di Davy Jones. Il giorno in cui quest'ultimo, dopo 10 anni passati in mare, poté scendere a terra per restare con lei, Calypso non si presentò, e quindi Jones decise di rivelare ai Pirati Nobili come imprigionarla in forma umana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dei film

Calypso era la dea del mare, un giorno incontró e si innamorò di un uomo di nome Davy Jones, il quale era un brav'uomo, nonché lupo di mare. Gli assegnó un compito che gli avrebbe dato l'immortalità: essere il capitano di una nave indistruttibile: l'Olandese Volante, e traghettare le anime di coloro che sono morti in mare, fino a un luogo in confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti (che in futuro verrà rinominato “lo Scrigno di Davy Jones”) a patto che scenda a terra una volta ogni dieci anni. Quando Jones ebbe svolto il suo compito e tornò a terra, non trovó Calypso ad aspettarlo, poiché lo aveva tradito.

Calypso venne a sua insaputa tradita da Davy Jones, che persuase i Pirati a imprigionarla nella sua forma umana e così fu. Calypso divenne un essere umano, sotto il nome di Tia Dalma, mentre Jones corruppe se stesso e diventò un mostro umanoide ( il corpo da uomo, la faccia da polpo, i tentacoli al posto della barba, un lungo tentacolo al posto dell'indice della mano destra, una chela di granchio al posto del braccio destro e della mano destra, una gamba di granchio al posto della gamba destra). Tia Dalma fece la conoscenza con Jack Sparrow, il quale presumibilmente diventò il suo fidanzato in un breve periodo raggiunta la sua età adulta, i due diventarono amici e Tia Dalma dette a Jack una bussola magica che punta verso quello che si vuole di più al mondo.

Qualche anno dopo Tia Dalma prese il corpo del defunto Hector Barbossa dalla caverna Isla De Muerta e lo portò nella sua baracca preparandosi a resuscitarlo come alleato in una missione drastica e necessaria di un capitano.

Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma

Tia Dalma appare per la prima volta nel secondo film dove aiuta Jack Sparrow e i suoi amici a trovare Davy Jones (ora malvagio e noto come il Diavolo del Mare) e dona a Jack Sparrow un vaso di terra da usare in casi di emergenza.

Quando Jack Sparrow finisce nello Scrigno di Davy Jones, Tia Dalma riesce a saperlo e grazie ai suoi poteri da dea. Resuscitato Barbossa,rivela ai sopravvissuti che lo vuole usare come capitano della spedizione per salvare Jack dallo Scrigno di Davy Jones, rivelando anche che Jack non è morto, ma è tuttavia intrappolato in un luogo tra i confini del mondo.

Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo

Nel terzo film Tia Dalma fa parte della spedizione per salvare Jack Sparrow dallo Scrigno di Davy Jones.

Dopo alcuni ostacoli riescono a liberare Jack dallo Scrigno, salvandolo. In seguito Tia Dalma minaccia a Barbossa dicendogli che lo avrebbe rimandato nel mondo dei morti se non l’avesse fatta tornare dea.

Alla fine del film prima della battaglia finale Calypso viene liberata dalla sua forma umana (Tia Dalma) ma non aiuta i Pirati a sconfiggere Jones, anche se crea un tornado dove si svolge lo scontro.