Three Dollar Bill, Yall$

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Three Dollar Bill, Yall$
ArtistaLimp Bizkit
Tipo albumStudio
Pubblicazione1º luglio 1997
Durata61:23
Dischi1
Tracce13
GenereAlternative metal
Rap metal
Nu metal
Funk metal
Rap rock
EtichettaFlip/Interscope
ProduttoreRoss Robinson
Registrazione/
Note/
Certificazioni
Dischi d'oro1
Dischi di platino2
Limp Bizkit - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1999)
Singoli

Three Dollar Bill, Yall$ è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense Limp Bizkit, pubblicato nel 1997.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della loro carriera, i Limp Bizkit già persero temporaneamente il chitarrista Wes Borland, che non andava molto d'accordo col cantante e fondatore Fred Durst, entrati in contrasto dopo un'esibizione di apertura per i Korn al locale Dragonfly di Hollywood. Inizialmente il gruppo firmò per l'etichetta discografica Mojo, sussidiaria della MCA Records, ma mentre si recò in California per le prime registrazioni, il bus si ribaltò. I membri ne uscirono illesi ma senza possibilità di spostamento, così Durst assunse di nuovo Borland e cominciò a registrare brani sotto casa. Dopo una disputa con la Mojo, i Limp Bizkit firmarono per la Flip, sussidiaria della Interscope Records.[1]

Reginald Arvizu, bassista dei Korn, convinse Ross Robinson ad ascoltare in backstage un demo degli emergenti Limp Bizkit, che conteneva le prime versioni dei brani "Pollution", "Counterfeit" e "Stuck". Dopo aver ascoltato il demo, convinto anche dalla compagna di allora, Robinson comprese le possibilità stilistiche del gruppo e decise di produrre il loro album d'esordio, permettendogli di rivisitare i brani del demo e di scriverne altri. Il gruppo cominciò così a lavorare alle registrazioni a Indigo Ranch.[1] Durante le sessioni di registrazione, il gruppo registrò anche una prima versione del brano "I'm Broke", che però fu considerato troppo lontano dalle sonorità del debutto, e poi fu rielaborato e inserito nella lista tracce dell'opera seconda, Significant Other.[2]

Attenendosi alla loro politica di usare nomi che non potessero piacere a possibili futuri ascoltatori, il gruppo intitolò l'album di debutto traendo ispirazione dalla frase "assurdo come un assegno da tre dollari" e poi aggiungendo l'espressione tipicamente floridiana "Y'all", battezzando l'album col titoloThree Dollar Bill, Y'all$.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album fu prodotto da Ross Robinson, noto per aver lavorato con altri gruppi nu metal. Grazie ai vari concerti[3] e ai risultati di vendite del successivo Significant Other, Three Dollar Bill, Yall$ fu premiato con due dischi di platino dalla RIAA, nel 2001.[4]

L'album fu registrato in soli sei giorni (di cui tre per comporre nove tracce) e fu pubblicato il 1º luglio 1997. Il mixaggio fu effettuato al Soundtrack Studio da Andy Wallace e la masterizzazione da Howie Weinberg alla Masterdisk, a New York.

Il suo singolo di maggior successo fu una cover di "Faith", che lanciò George Michael solista nel 1987. Altri singoli estratti furono "Counterfeit" e "Sour".

L'intro dell'album (chiamata erroneamente "Infest" su alcune copie) era in origine lo stacco di apertura di "Pollution", nella versione demo. La traccia fantasma "Stereotype Me" è il rifacimento del brano "Blind" da Mental Aquaducts. La finale "Everything" consiste in realtà in una lunga jam session.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Three Dollar Bill, Y'all$ ricevette critiche prevalentemente positive. Stephen Thomas Erlewine di AllMusic lodò l'album, scrivendo "che il gruppo ci sapeva fare malgrado la mancanza di originalità. Hanno una potente sezione ritmica e agganci memorabili, particolarmente in linea con la scrittura dei testi." Nel libro The Essential Rock Discography, Martin Charles Strong diede all'album 7 su 10. Robert Christgau diede invece un giudizio negativo.[5] Il chitarrista Wes Borland disse in un'intervista che George Michael, l'autore del brano "Faith", detestò la cover dei Limp Bizkit e "questi ultimi per averla fatta". Malgrado numerose esibizioni dal vivo e la successiva entrata nel gruppo nei grossi giri musicali, l'album ricevette due dischi di platino dalla RIAA solo nel 2001, trainato dai grandi risultati di vendite dei due seguiti.[6]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Fred Durst eccetto dove indicato.

  1. Intro – 0:48
  2. Pollution – 3:52
  3. Counterfeit – 5:08
  4. Stuck – 5:24
  5. Nobody Loves Me – 4:27
  6. Sour – 3:32
  7. Stalemate – 6:14
  8. Clunk – 4:03
  9. Faith – 3:52 (testo: George Michael)contiene la traccia fantasma Stereotype Me
  10. Stink Finger – 3:03
  11. Indigo Flow – 3:23
  12. Leech (demo version) – 2:11
  13. Everything – 16:26

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Colin Devenish, Limp Bizkit, St. Martin's, 2000, pp. 36–49, ISBN 0-312-26349-X.
  2. ^ Colin Devenish, Limp Bizkit, St. Martin's, 2000, p. 89, ISBN 0-312-26349-X.
  3. ^ Three Dollar Bill Y'All - Limp Bizkit | AllMusic
  4. ^ Album artist 279 - Limp Bizkit
  5. ^ Christgau, Robert, Review of Three Dollar Bill, Y'all$, su robertchristgau.com. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  6. ^ Album artist 279 - Limp Bizkit, Tsort.info. URL consultato il 13 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]