Thomas Tien Ken-sin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Tien Ken-sin, S.D.V.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Ignatius Cardina Tin.jpg
Coat of arms of Thomas Tien Ken Sin.svg
Adveniat Regnum Tuum
Incarichi ricoperti
Nato 24 ottobre 1890, Chantsui
Ordinato presbitero 9 giugno 1918 dal vescovo Augustin Henninghaus, S.V.D.
Nominato vescovo 11 luglio 1939 da papa Pio XII
Consacrato vescovo 29 ottobre 1939 da papa Pio XII
Elevato arcivescovo 10 maggio 1946 da papa Pio XII
Creato cardinale 18 febbraio 1946 da papa Pio XII
Deceduto 24 luglio 1967, Chiayi

Thomas Tien Ken-sin (Chantsui, 24 ottobre 1890Chiayi, 24 luglio 1967) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico cinese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Chantsui il 24 ottobre 1890 da Kilian Tien Ken-sin e Maria Yang.

Papa Pio XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 18 febbraio 1946, il che fa di Ken-Sin il primo porporato nato in Cina.

Morì a Chiayi il 24 luglio 1967 all'età di 76 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johannes Fleckner: Kardinal Tiens Fahrt zum Konklave, in: Steyler Missionschronik 1959, Steyler Verlagsbuchhandlung : Kaldenkirchen, Rheinland 1959, pp. 7–14.
  • Johannes Fleckner : Thomas Kardinal Tien. Erzbischof von Peking 1890-1967, in: Steyler Missionschronik 1968, 183-188; ibidem in: J. Fleckner, So waren sie, Bd. 1, St. Augustin 1991, 164-175.
  • Johannes Fleckner: Thomas Kardinal Tien. Studia Instituti Missiologici Societatis Verbi Divini 16, 138 S. 1975, ISBN 3-87787-080-5
  • Ernest Brandewie: The Last Shall Be First. The Life of Thomas Tien Keng-hsin, China's First Cardinal. Studia Instituti Missiologici Societatis Verbi Divini 89, 203 S. 2007, ISBN 978-3-8050-0552-4.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • SVD Hagiography: Thomas Cardinal Tien, SVD [1]
  • (EN) David Cheney, Thomas Tien Ken-sin, su Catholic-Hierarchy.org. Modifica su Wikidata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77108923 · LCCN (ENno2008054471 · GND (DE118622617