Thomas Stoltz Harvey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Thomas Stoltz Harvey (10 ottobre 1912Titusville, 5 aprile 2007) è stato un patologo statunitense che eseguì l'autopsia sul corpo di Albert Einstein, presso il Princeton Hospital, il 18 aprile 1955.

Sebbene non avesse lasciato nulla di scritto, Einstein espresse il desiderio di mettere il proprio corpo a disposizione della scienza. Così il Dr. Harvey decise di rimuovere il cervello e conservarlo per effettuare degli studi. Dopo aver ricevuto il permesso della famiglia, iniziò a compiere studi. Il cervello pesava 1230 grammi, un peso né eccessivo né ridotto rispetto alla media umana, venne dunque dissipato il concetto che l'intelligenza e il peso cerebrale fossero direttamente collegati. Presso un laboratorio della Pennsylvania University, Harvey sezionò il cervello in 240 parti, impiegando tre mesi per completare l'intero processo. Studiò personalmente la materia cerebrale di Einstein e diede l'opportunità ad altri patologi di compiere ricerche, consegnando, a chiunque l'avesse chiesto, vetrini sui quali aveva applicato personalmente alcuni frammenti cerebrali. Prima di morire, Harvey cercò un degno sostituto a cui consegnare la reliquia del fisico. Dopo un rifiuto della nipote, consegnò questa al nuovo patologo di Princeton, dove tuttora è conservata.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Paterniti, Driving Mr. Albert: A Trip Across America With Einstein's Brain (G K Hall & Co, December, 2000) (ISBN 0-7838-9298-5)
  • Carolyn Abraham, Possessing Genius: The Bizarre Odyssey of Einstein's Brain (St Martins Press, March, 2002) (ISBN 0-312-28117-X)
Controllo di autorità VIAF: (EN106319130 · LCCN: (ENn00003753 · GND: (DE140510397