Thomas Williams (cardinale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Thomas Stafford Williams)
Thomas Stafford Williams
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coat of arms of Thomas Stafford Williams.svg
Unity in Christ
Titolo Cardinale presbitero di Gesù Divin Maestro alla Pineta Sacchetti
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Wellington
Ordinario militare emerito per la Nuova Zelanda
Incarichi ricoperti Arcivescovo metropolita di Wellington
Presidente della Conferenza Episcopale della Nuova Zelanda
Presidente della Federazione delle Conferenze dei Vescovi Cattolici dell'Oceania
Ordinario militare per la Nuova Zelanda
Nato 20 marzo 1930 (88 anni) a Wellington
Ordinato presbitero 20 dicembre 1959 dal cardinale Krikor Bedros XV Aghagianian
Nominato arcivescovo 30 ottobre 1979 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo 20 dicembre 1979 dal vescovo Owen Noel Snedden
Creato cardinale 2 febbraio 1983 da papa Giovanni Paolo II

Thomas Stafford Williams (Wellington, 20 marzo 1930) è un cardinale e arcivescovo cattolico neozelandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Wellington nel 1930, è ordinato sacerdote diocesano il 20 dicembre 1959.

Eletto arcivescovo di Wellington il 30 ottobre 1979, è consacrato il 20 dicembre successivo. Si dimette, per raggiunti limiti d'età, il 21 marzo 2005 lasciando la cattedra a monsignor John Atcherley Dew.

Presiede la Conferenza Episcopale Neozelandese dal 1980 al 1988 e successivamente dal 1992 al 1999. È inoltre ordinario militare per la Nuova Zelanda dal 1º giugno 1995 fino al 1º aprile 2005, il giorno precedente alla morte di Giovanni Paolo II.

Papa Giovanni Paolo II lo innalza alla dignità cardinalizia nel concistoro del 2 febbraio 1983.

Dal 20 marzo 2010, giorno del suo 80º compleanno, è cardinale non elettore.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine della Nuova Zelanda - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine della Nuova Zelanda
— 5 giugno 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4627139 · ISNI (EN0000 0000 5348 6762 · LCCN (ENno2003096035