Thomas Lauren Friedman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thomas L. Friedman nel 2005.

Thomas Lauren Friedman (Minneapolis, 20 luglio 1953) è un saggista e famoso editorialista statunitense.

Friedman scrive di politica estera per il New York Times (di cui è anche stato per anni corrispondente dal Medio Oriente) ed è uno dei più noti opinion leader americani. Egli è impegnato su molti fronti, fra cui la risoluzione del conflitto israelo-palestinese, la modernizzazione del mondo arabo, la globalizzazione e la difesa dell'ambiente. Pur avendo inizialmente appoggiato la Guerra in Iraq, ha poi più volte criticato la gestione del conflitto e la stessa amministrazione Bush. Ha vinto tre premi Pulitzer, nel 1983 e nel 1988, rispettivamente per i reportage dall'invasione israeliana del Libano e per la prima intifada palestinese e poi nel 2002 come commentatore. In Italia a Friedmann è stato conferito l'Urbino Press Award 2009.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Friedman during the WEF 2013

Friedman è nato il 20 luglio 1953 a Minneapolis, Minnesota,[1] figlio di Margaret Blanche (nata Phillips) e Harold Abe Friedman.[2] Harold, fu vice presidente di una società produttrice di cuscinetti a sfera, la United Bearing, e morì di attacco di cuore nel 1973, quando Tom era diciannovenne. Margaret, che fece parte della Marina Militare degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale e studiò economia domestica all' Università del Wisconsin, era casalinga e contabile a part-time. Margaret fu anche Senior Life Master a bridge duplicato, e morì nel 2008. Friedman ha due sorelle più grandi, Shelly e Jane.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN110855387 · ISNI (EN0000 0001 2147 7519 · LCCN (ENn84028119 · GND (DE132103958 · BNF (FRcb13072890h (data)
  1. ^ Archived copy, su thomaslfriedman.com. URL consultato il 19 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2016).
  2. ^ Archived copy, su familysearch.org. URL consultato il 25 gennaio 2015 (archiviato il 5 marzo 2016).