Thomas Joseph O'Brien

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Joseph O'Brien
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
To build the body of Christ
Titolo Phoenix
Incarichi attuali Vescovo emerito di Phoenix
Nato 29 novembre 1935 (81 anni) a Indianapolis
Ordinato presbitero 7 maggio 1961
Nominato vescovo 9 novembre 1981 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Consacrato vescovo 6 gennaio 1982 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)

Thomas Joseph O'Brien (Indianapolis, 29 novembre 1935) è un vescovo cattolico statunitense.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Thomas Joseph O'Brien è nato a Indianapolis il 29 novembre 1935.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Sentendosi chiamato al sacerdozio fin dalla tenera età è entrato nel seminario di Saint Meinrad.[2] È stato ordinato presbitero per la diocesi di Tucson il 7 maggio 1961.[3] In seguito ha operato come vicario parrocchiale presso la chiesa dell'Immacolata Concezione a Douglas.

Nel 1964 è stato trasferito nel territorio che sarebbe poi diventato parte della diocesi di Phoenix,[4] come vicario parrocchiale presso la chiesa di Santa Teresa e in quella di San Gregorio. Nel 1979 è stato nominato parroco della chiesa di San Caterina a Phoenix e vicario generale della diocesi.[2]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 novembre 1981 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato terzo vescovo di Phoenix. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 6 gennaio successivo a Roma dallo stesso pontefice, coconsacranti gli arcivescovi Eduardo Martínez Somalo, sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato, e Lucas Moreira Neves, segretario della Congregazione per i vescovi. Ha preso possesso della sede il 18 gennaio ed ha scelto come motto la frase "per costruire il corpo di Cristo".[5]

Durante il suo mandato, O'Brien si è fatto una reputazione come raccoglitore di fondi, costruttore di scuole e avvocato dei poveri.[2] Ha convinto papa Giovanni Paolo II e Madre Teresa di Calcutta a visitare Phoenix rispettivamente nel 1987 e nel 1989. Nell'ambito della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti ha presieduto il Comitato su matrimonio e famiglia.

Scandalo sugli abusi su minori in diocesi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 i procuratori della contea di Maricopa hanno avviato una grande indagine sulle accuse di abusi sessuali da parte di sacerdoti cattolici della diocesi di Phoenix. Il vescovo O'Brien era un obiettivo di tale indagine con l'accusa di aver insabbiato le accuse contro i sacerdoti. L'inchiesta si è conclusa quando il vescovo ha ammesso di aver protetto i sacerdoti abusatori.[6] O'Brien ha accettato di cedere la sua autorità sulla politica di vigilanza sugli abusi sessuali in diocesi in cambio dell'immunità dal rinvio a giudizio per ostruzione della giustizia.[7]

Incidente stradale e fuga[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 2003, meno di due settimane dopo la firma del contratto con i procuratori, O'Brien ha investito e ucciso il quarantatreenne Jim Reed in un incidente d'auto da cui è poi fuggito.[8] Una persona che guidava dietro al vescovo ha riferito il numero di targa alla polizia.[9] Gli inquirenti hanno anche scoperto un dente in un parafango e una crepa nel parabrezza della Buick Park Avenue del prelato.[8] O'Brien ha poi affermato che non aveva segnalato l'incidente perché pensava di aver colpito un cane, un gatto o un sasso. Il vescovo è stato arrestato per aver lasciato la scena di un incidente e rilasciato dopo aver pagato 45 000 dollari di cauzione.[8] Si è dimesso come vescovo il 18 giugno 2003.[3]

Il 17 febbraio 2004 O'Brien è stato riconosciuto colpevole di aver lasciato la scena di un incidente mortale dopo un rapido processo.[9] Il 26 marzo 2004 è stato condannato a quattro anni di libertà vigilata e mille ore di servizio alla comunità, oltre che al ritiro della patente di guida per cinque anni.[10] Ha poi chiesto di dedurre dalla mille ore di servizio il tempo di viaggio e flessibilità nel numero di ore da fare ogni mese.[11] È il primo vescovo statunitense ad essere stato condannato per un reato.

Premio della Catholic Community Foundation[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2011 la Catholic Community Foundation di Phoenix ha annunciato che aveva intenzione di premiare il vescovo O'Brien.[12] Quando la notizia del premio è diventata pubblica, alcuni hanno reagito con indignazione dato che la fondazione avrebbe onorato un vescovo che si era dimesso dopo aver ammesso il coinvolgimento nello scandalo degli abusi sessuali e che era stato condannato per il reato di fuga da un incidente stradale mortale. Pochi giorni dopo, O'Brien ha rifiutato il premio e la fondazione, affermando di non aver previsto la reazione avversa del pubblico, si è scusata con la comunità.[13]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Phoenix Successore BishopCoA PioM.svg
James Steven Rausch 9 novembre 1981 - 18 giugno 2003 Michael Jarboe Sheehan
(amministratore apostolico)
Controllo di autorità VIAF: (EN38583758 · LCCN: (ENn93034458