Thomas Burke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Thomas Burke (disambigua).
Thomas Burke
Thomas Burke 1918.jpg
Thomas Burke nel 1918.
Nome Thomas Edmund Burke
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 66 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
100 m 11"8 (1896)
Società East Boston Athletic Association
Boston Athletic Association
Carriera
Nazionale
1896 Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Giochi olimpici 2 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Thomas Edmund Burke, detto Tom (Boston, 15 gennaio 1875Boston, 14 febbraio 1929), è stato un atleta statunitense, vincitore di due medaglie d'oro nei 100 e nei 400 metri piani alle prime Olimpiadi moderne di Atene nel 1896.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studente all'Università di Boston, reputò di potersi cimentare ai Giochi olimpici avendo vinto i 400 metri e le 440 iarde alla AAU nel 1895.[1]

Gareggiò nei 100 metri ad Atene 1896 dove vinse, grazie anche all'assenza di forti velocisti come il suo connazionale Bernie Wefers, specialista incontrastato della disciplina. In quell'occasione venne notato per la sua partenza rannicchiata, poco comune allora, mentre normalissima oggi, considerata una delle prime innovazioni olimpiche.[2]

Tuttavia tutti e tre gli statunitensi adottarono il rivoluzionario sistema di partenza messo a punto dall'allenatore Mike Murphy che era stato sperimentato fin dal 1888 dal connazionale Charles Sherrill. In una foto rimastaci si nota appunto un atleta ranicchiato che per tanti anni si pensava fosse Burke, mentre in realtà è Thomas Curtis.

Burke vinse la propria batteria in 11"8 e la finale in 12"0, precedendo il tedesco Fritz Hofmann. Nella stessa edizione dei Giochi olimpici gareggiò anche nei 400 metri, la gara in cui era maggiormente accreditato; corse il primo turno in 58"4 e vinse con un distacco di circa un metro e mezzo la finale, concludendo la gara in 54"2, nuovo record olimpico della distanza.[3]

È l'unico atleta che sia riuscito a vincere due ori olimpici sia nella gara dei 100 m piani che in quella dei 400 m piani.[4]

In seguito continuò la sua carriera atletica vincendo le 440 e le 880 iarde all'IC4A (Intercollegiate Association of Amateur Athletes of America).[1] Nel 1897 fu uno degli iniziatori della maratona di Boston ispirata dal successo della maratona olimpica del 1896.

Divenne poi avvocato ma fu anche giornalista sportivo, scrivendo per il Boston Journal e successivamente per il Boston Post, e allenatore di atletica leggera nel tempo libero.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1896 Giochi olimpici Grecia Atene 100 m piani Oro Oro 12"0
400 m piani Oro Oro 54"2 Record olimpico

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Thomas Burke, indicato con il numero 14.
La delegazione statunitense. Da sinistra a destra nel vagone centrale: J. Graham (allenatore), James Connolly, Thomas Curtis, Arthur Blake e Thomas Burke.
Arrivo della finale dei 100 m. Da sinistra: in 6ª corsia Fritz Hofmann (2º), in 5ª Thomas Burke (1º), in 4ª Alexandros Khalkokondilis (5º), in 3ª Alojz Sokol (3º) ed in 2ª Francis Lane (4º). La prima corsia è vuota in quanto lo statunitense Thomas Curtis rinunciò a disputare la finale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Tom Burke Bio, Stats, and Results, su sports-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 29 settembre 2013.
  2. ^ Radiografia della città che dopo 108 anni ospitera' i Giochi, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 6 settembre 1997. URL consultato il 29 settembre 2013.
  3. ^ (EN) Tom Burke Olympic medals and stats, su databasesports.com, Database Sports. URL consultato il 29 settembre 2013.
  4. ^ Elio Trifari, L'enciclopedia delle Olimpiadi, Milano, La Gazzetta dello Sport, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Thomas Burke, su sports-reference.com, Sports Reference LLC.