Théodore Dubois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Theodore Dubois)
Théodore Dubois

Théodore Dubois (Rosnay, 1837Parigi, 1924) è stato un compositore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Théodore Dubois nacque a Rosnay.

Studiò prima con Louis Fanart (il maestro di coro della Cattedrale di Reims) e poi al Conservatorio di Parigi con Ambroise Thomas.

Vinse il Prix de Rome nel 1861. Nel 1868, divenne Maestro di Coro alla Chiesa della Madeleine. Nel 1877, succedette a Camille Saint-Saëns come organista.

Dal 1871 insegnò al conservatorio di Parigi, annoverando fra i suoi allievi Pierre de Bréville, Guillaume Couture, Gustave Doret, Paul Dukas, Achille Fortier, Xavier Leroux, Albéric Magnard, Édouard Risler, Guy Ropartz, Spiro Samara e Florent Schmitt.

Dubois fu direttore del Conservatorio dal 1896 al 1905.[1]

Incontrò e fu insegnante di composizione di Henriette Renié, che incoraggiò, nonostante i pregiudizi sulle "donne", sulla via della composizione.[2]

I suoi più importanti e conosciuti lavori sono l'oratorio Le sette parole di Cristo ("The Seven Last Words of Christ"-1867); la sua Toccata (1889) per organo. Ebbe una grande influenza nell'insegnamento, con i suoi lavori teorici Trattato di contrappunto e fuga (sul contrappunto e sulla fuga) e Trattato d'armonia teorica e pratica (sull'armonia), utilizzati ancora oggi.[2]

Traité d'harmonie théorique et pratique

Inoltre è autore di un prestigioso trattato di Armonia, che tutt'oggi è largamente utilizzato nei conservatori per preparare gli studenti sui primi principi compositivi.[2]

Selezione di Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere Teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • La prova di un'opera seria, (non pubblicata, composta a Roma, 1863);
  • La guzla de l'émir, opera comica;
  • Le pain bis, opera comica;
  • L'enlèvement de Proserpine, scena lirica;
  • Aben-Hamet, 16 dicembre 1884 al Théâtre du Châtelet di Parigi con Emma Calvé;
  • Miguela;
  • La fiancée d'Abydos, (mai realizzata);
  • Le florentin, (mai realizzata).

Balletti[modifica | modifica wikitesto]

Opere vocali[modifica | modifica wikitesto]

  • Les Sept Paroles du Christ, (1867);
  • Le Paradis Perdu, oratorio, (1878);
  • Numerose cantate, tra cui: L'enlèvement de Proserpine, Hylas, Bergerette, Les Vivants et les Morts;
  • Messe e composizioni religiose.

Opere Orchestrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Marche héroïque de Jeanne d'Arc;
  • Fantaisie triomphale, per organo e orchestra;
  • Hymne nuptial;
  • Méditation, Prières, per orchestra, oboe, arpa e organo;
  • Concerto-Cappricioso, per pianoforte e orchestra (1876);
  • Concerto pour piano n° 2, (1897);
  • Concerto pour violon;
  • Notre-Dame de la Mer, poema sinfonico;
  • Adomis, poema sinfonico;
  • Symphonie française, (1908);
  • Fantasietta, (1917);
  • Suite concertante per violoncello, pianoforte e Orchestra, (1912-13);
  • Suite concertante per pianoforte e Orchestra d'archi, (1917).

Altre composizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Per pianoforte : Chœur et Danse des Lutins, six poèmes sylvestres, etc.;
  • Douze Pièces pour orgue ou piano-pédalier, (1889), con la famosa Toccata in Sol (no. 3);
  • Douze Pièces Nouvelles pour orgue ou piano-pédalier, (1893);
  • Deux Petites Pièces pour orgue ou harmonium, (1910);

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Théodore Dubois, (1901), Traité de contrepoint et de fugue, Parigi: Heugel.
  • Théodore Dubois, (1921), Notes et études d'harmonie pour servir de supplément au Traité d'harmonie, Parigi: Conservatorio di Parigi.
  • Théodore Dubois, (1921?), Traité d'harmonie théorique et pratique, Parigi: Heugel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Théodore Dubois (1837-1924), organista nel suo tempo, su accademiasanmartino.it. URL consultato il 2 aprile 2018.
  2. ^ a b c Andrea Della Corte e Guido M. Gatti, Dizionario di musica, Torino, Paravia, 1956, p. 197.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Theodore Baker, Dictionnaire biographique des musiciens, Parigi, Robert Laffont, 1995.
  • (FR) Georges Favre, Compositeurs français méconnus, E. Guiraud et ses amis E. Paladilhe et Th. Dubois, Parigi, La Pensée universelle, 1983.
  • (FR) Charles-Marie Widor, Notice sur la vie et les travaux de Théodore Dubois, Parigi, 1924.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44484901 · ISNI (EN0000 0001 2130 5477 · SBN IT\ICCU\LO1V\141740 · LCCN (ENn84093561 · GND (DE104270500 · BNF (FRcb13893454k (data) · BAV ADV10202397