Theodore Besterman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Theodore Deodatus Nathaniel Besterman

Theodore Deodatus Nathaniel Besterman (Łódź, 22 novembre 1904Banbury, 10 novembre 1976) è stato un parapsicologo, bibliografo e traduttore polacco, considerato uno dei più grandi bibliografi sistematici del 20º secolo, particolarmente interessato all'opera di Voltaire e alla sua prolifica corrispondenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Theodore Deodatus Nathaniel Besterman è nato nel 1904 a Łódź, in Polonia ma si trasferì a Londra in gioventù. Nel 1925 fu eletto presidente della British Federation of Youth Movements. Nel 1930, tenne lezioni presso la London School of Librarianship, e pubblicò molte opere sulla bibliografia. Durante la seconda guerra mondiale, Besterman prestò servizio nella British Royal Artillery e nelL'Army Bureau of Current Affairs. Successivamente ha lavorato per l'UNESCO, in particolare su vari approcci internazionali alla bibliografia.

Negli anni '50, Besterman iniziò a concentrarsi sulla raccolta, la traduzione e la pubblicazione degli scritti di Voltaire, compresa molta corrispondenza precedentemente non pubblicata. Questo lo Tenne occupato per il resto della sua vita. Visse nella casa di Voltaire a Ginevra, dove fondò l'Institut et Musée Voltaire e pubblicò 107 volumi di lettere di Voltaire e una serie di libri intitolata Studies on Voltaire and the 18th Century. Il Forum per gli studi linguistici moderni ha definito l'edizione di Besterman della corrispondenza "il più grande pezzo unico di cultura voltairiana per oltre un secolo".[1]

Durante gli ultimi anni della sua vita, Besterman collaborò con l'Università di Oxford. Dopo la sua morte la sua vasta collezione di libri e manoscritti, che includeva molte edizioni, fu trasferita in un'elegante sala dell'Istituto Taylor (il centro universitario per le lingue moderne). Questa sala è stata ribattezzata come la Voltaire Room. Dopo la morte di Besterman, avvenuta il 10 novembre 1976, la Fondazione Voltaire fu conferita permanentemente all'Università di Oxford.[2]

Ricerche parapsicologiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1927 e il 1935 fu ufficiale investigativo della Society for Psychical Research (SPR). Ha scritto due libri su Annie Besant e molti lavori di ricerca psichica. Era un ricercatore critico, divenne scettico sulla maggior parte dei fenomeni paranormali riportati nel Journal of the Society for Psychical Research.[3]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • The Divining Rod: An Experimental and Psychological Investigation, 1926 (CON William F. Barrett)
  • Mind of Annie Besant, 1927
  • Some Modern Mediums, 1930
  • Inquiry into the Unknown, 1934
  • Mrs. Annie Besant, A Modern Prophet, 1934
  • Men Against Women: A Study of Sexual Relations, 1934
  • On Dreams, 1935 (editor)
  • The Beginnings of Systematic Bibliography, 1935
  • Water Divining, 1938
  • A World Bibliography of Bibliographies, 1939
  • The Love Letters of Voltaire to his Niece, 1958 (editor and translator)
  • Voltaire's Correspondence 1953–65, 107 vols
  • Philosophical Dictionary, 1971 (traduttore)
  • Crystal Gazing: A Study in the History, Distribution and Practice of Scrying, 1965
  • Collected Papers on the Paranormal, 1968
  • Voltaire, 1969

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The present state of Voltaire studies, in Forum for Modern Language Studies, Fmls.oxfordjournals.org, 1965, DOI:10.1093/fmls/I.3.230. URL consultato il 3 agosto 2009.
  2. ^ Giles Barber, Besterman, Theodore Deodatus Nathaniel (1904–1976), Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004. URL consultato il 28 novembre 2009.
  3. ^ Wokler, Robert. (1998). The Subtextual Reincarnation of Voltaire and Rousseau. American Scholar 67 (2): 55-64.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24597980 · ISNI (EN0000 0001 0879 2127 · LCCN (ENn80036697 · GND (DE119086840 · BNF (FRcb118918391 (data) · BAV ADV10167598 · NDL (ENJA00916095 · WorldCat Identities (ENn80-036697
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie