Theodor Hosemann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Friedrich Wilhelm Heinrich Theodor Hosemann

Friedrich Wilhelm Heinrich Theodor Hosemann (Brandeburgo sulla Havel, 24 settembre 1807Berlino, 15 ottobre 1875) è stato un illustratore, disegnatore e pittore tedesco.

The Kirsch Seller (1856)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hosemann era il figlio di un ufficiale dell'esercito prussiano, all'età di dodici anni, fu apprendista della ditta Arnz & Winckelmann a Düsseldorf.[1] Tre anni dopo, fu impiegato come disegnatore, con uno stipendio di 200 talleri all'anno. Allo stesso tempo, si occupò anche di pittura frenquentando l'Accademia di Düsseldorf.

Nel 1828, Winckelmann si mise in affari in proprio, creando una casa editrice chiamata Winckelmann and Sons a Berlino. Hosemann andò con lui[2] come capo Illustratore, prendendo il doppio stipendio di quello precedente. Quell'anno, fornì numerosi disegni per bambini e nel 1830 era ben noto per i suoi disegni umoristici, fornì anche delle illustrazioni a diversi editori. Dal 1834 al 1852 ha goduto di una proficua collaborazione con il satirico Adolf Glassbrenner; pubblicando una serie di 32 libri intitolati Berlin wie es ist und - trinkt.

Dal 1842 al 1855 fu membro di una società letteraria chiamata Tunnel über der Spree. Nel 1850, si associò col gruppo Rütli, una società illustrativa.

Nel 1857, fu nominato professore presso l'Accademia delle arti di Prussia e tre anni dopo fu membro a pieno titolo. L'illustratore e fotografo Heinrich Zille è stato uno dei suoi studenti.

Nel 1910, una strada nel quartiere berlinese di Pankow gli è stata intitolata.

Illustrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Una grande raccolta di sue illustrazioni sono state digitalizzate dall'Università e Biblioteca di Stato di Düsseldorf, comprese le opere complete di E. T. A. Hoffmann:

  • E. T. A. Hoffmann’s gesammelte Schriften. Mit Federzeichnungen von Theodor Hosemann. Reinmer, Berlino 1857.[3]
    • Bd. 3: Die Serapion-Brüder.[4]
    • Bd. 4: Die Serapion-Brüder.[5]
    • Bd. 5: Nachtstücke.[3]
    • Bd. 6: Die Elixiere des Teufels: Nachgelassene Papiere des Bruders Medardus, eines Capuziners.[6]
    • Bd. 7: Fantasiestücke in Callot’s Manier: Blätter aus dem Tagebuch eines reisenden Enthusiasten.[7]
    • Bd. 8: Lebens-Ansichten des Katers Murr: nebst fragmentarischer Biographie des Kapellmeisters Johannes Kreisler in zufälligen Makulaturblättern.[8]
    • Bd. 11: E.T.A. Hoffmann’s Erzählungen aus seinen letzten Lebensjahren: Theil 1.[9]
    • Bd. 12: E.T.A. Hoffmann’s Erzählungen aus seinen letzten Lebensjahren: Theil 2.[10]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Wolfgang Freiherr von Löhneysen, Hosemann, Theodor, in Neue Deutsche Biographie, vol. 9, Berlin, Duncker & Humblot, 1972, ISBN 3-428-00190-7, p. 648 s. (online).
  2. ^ (DE) Joseph Eduard Wessely, Hosemann, Friedr. Wilh. Heinr. Theodor, in Allgemeine Deutsche Biographie, vol. 13, Lipsia, Duncker & Humblot, 1881, p. 180.
  3. ^ a b DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  4. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  5. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  6. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  7. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  8. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  9. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  10. ^ DFG-Viewer: Version 3.0, su nbn-resolving.de. URL consultato il 18 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lothar Brieger, Theodor Hosemann. Ein Altmeister Berliner Malerei. With a catalog by Karl Hobrecker. Delphin-Verlag, Munich, 1920.
  • Hans Ludwig, Theodor Hosemann. Eulenspiegel-Verlag, Berlin (DDR) 1973 (other editions: Rogner und Bernhard, Munich 1974; Eulenspiegel-Verlag, Berlin 1980 and 1987; Stapp, Berlin 1981)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22288875 · ISNI (EN0000 0001 1044 640X · LCCN (ENn82127837 · GND (DE118553771 · BNF (FRcb13336922z (data) · BNE (ESXX1048978 (data) · ULAN (EN500014336 · NLA (EN35207249 · CERL cnp01321521 · NDL (ENJA00919217 · WorldCat Identities (ENlccn-n82127837