Then an Alley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Then an alley)
Jump to navigation Jump to search
Then an Alley
Lingua originaleinglese
StatoItalia
Anno1967
GenereOpera rock
RegiaTito Schipa Jr.
SoggettoJulian Chapman
SceneggiaturaMario Fales
MusicheThe Pipers
Personaggi e attori

Then an Alley ("E poi una strada", in inglese) è un'opera beat ideata e realizzata da Tito Schipa Jr. che debuttò al Piper Club di Roma il 17 maggio 1967, dove l'autore lavorava all'epoca come presentatore. È considerata il primo esperimento al mondo di opera rock.[1][2]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Giuliano Ferrara cantante in Then an Alley nel 1967

L'opera fu realizzata usando 18 temi musicali di Bob Dylan uniti tra loro dallo stesso Schipa in una sequenza che alternava arie e recitativi. Il libretto, scritto in inglese, fu creato da Mario Fales, su un'idea di Julian Chapman, e arrangiato dal complesso dei The Pipers.[3] Vennero ingaggiati gli attori Billy Anastasi, Penny Brown e Simon Catlin.[4]

I clamori del successo, che in seguito gli permisero di collaborare con Gian Carlo Menotti e Giorgio De Lullo, giunsero ai manager di Bob Dylan che gli intimarono di smettere con le rappresentazioni. Tito Schipa Jr. dovette quindi rinunciare a proseguire e si impegnò a scrivere musiche originali per una nuova opera rock, riutilizzando molti spunti presenti in Then an Alley.[3]

Il risultato fu l'Orfeo 9 rappresentato nel 1970 al Teatro Sistina di Roma.

Tra i coristi figurava un giovanissimo Giuliano Ferrara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1][collegamento interrotto]
  2. ^ [2][collegamento interrotto]
  3. ^ a b il popolo del blues Archiviato il 23 gennaio 2010 in Internet Archive.
  4. ^ Musica & Memoria / Piper Club e Patty Pravo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]