Thelma (film 2017)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thelma
Thelma film 2017.jpg
Eili Harboe in una scena del film
Titolo originaleThelma
Paese di produzioneNorvegia, Danimarca, Francia, Svezia
Anno2017
Durata116 min
Generedrammatico, thriller, giallo, fantastico, sentimentale
RegiaJoachim Trier
SceneggiaturaEskil Vogt, Joachim Trier
ProduttoreThomas Robsahm
Produttore esecutivoSigve Endresen, Joachim Trier, Eskil Vogt
Casa di produzioneMotlys, Film i Väst, Le Pacte, Filmpool Nord, Snowglobe, B-Reel Films, Dont Look Now
Distribuzione in italianoTeodora Film
FotografiaJakob Ihre
MontaggioOlivier Bugge Coutté
MusicheOla Fløttum
ScenografiaRoger Rosenberg
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Thelma è un film del 2017 diretto da Joachim Trier, thriller paranormale con protagonista Eili Harboe.

Il film è stato selezionato per rappresentare la Norvegia ai premi Oscar 2018 nella categoria Oscar al miglior film in lingua straniera,[1] non entrando però nella shortlist.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Thelma è una timida ragazza, proveniente da una famiglia molto religiosa, che lascia la campagna per trasferirsi a Oslo e intraprendere gli studi universitari. Nell'infanzia di Thelma si nasconde un brutto evento: un giorno suo padre l'aveva portata con sé per una battuta di caccia con lo scopo di ucciderla, tuttavia alla fine non ne aveva avuto il coraggio e lei non si era accorta di niente. Ora cerca di costruirsi, a fatica, una sua vita in un contesto completamente nuovo. I suoi genitori la vanno anche a trovare, scoprendo una Thelma decisamente più presuntuosa di quella a cui erano abituati, ma che comunque cerca di tenere a freno questo lato del suo carattere. Un giorno, mentre si trova in biblioteca, viene colta da un attacco epilettico e viene soccorsa dalla studentessa Anja. Le due ragazze si incontrano dopo pochi giorni in piscina e fra loro si instaura una forte amicizia: Thelma si presenta con una scusa in un locale in cui Anja è uscita con amici, e riesce in questo modo a integrarsi nel gruppo, sebbene venga giudicata per via dei precetti con cui è cresciuta.

Quella stessa sera Anja soccorre Thelma durante una seconda crisi epilettica: le due passano la notte insieme dopo di che Anja invita Thelma ad uno spettacolo di danza organizzato da sua madre. Durante l'esibizione Thelma inizia a sentirsi strana e teme una nuova crisi: subito dopo fra lei e Anja si sviluppa una sincera attrazione, che però Thelma tenta di respingere a causa della sua educazione religiosa. Pur di non confessare questo a suo padre finge di essere preoccupata per aver bevuto delle birre: il genitore le consiglia di lasciarsi andare senza esagerare in quanto sta diventando un adulta, dunque la sera dopo partecipa ad una festa con Anja e i suoi amici. Durante la serata non solo Thelma beve ma accetta anche di fumare: i ragazzi le fanno credere stia fumando erba ma in realtà si tratta di semplice tabacco, ciononostante la ragazza prova delle strane allucinazioni. Spaventata da questa esperienza, Thelma inizia a fare alcuni test e scopre che da piccola le era stato diagnosticato un disturbo del sonno che il suo stesso padre (che è medico) aveva curato con farmaci usati molto raramente su bambini.

Un ricordo infantile di Thelma riaffiora: quando aveva 6 anni, i suoi genitori avevano appena avuto un altro bambino di cui la ragazzina era gelosa. Un giorno, mentre il bimbo piangeva, Thelma era sembrata riuscire a farlo scomparire e riapparire in un altro punto della casa, mettendo a rischio la sua vita. Durante i successivi test, sembra sempre più ovvio che Thelma possegga dei poteri extrasensoriali a cui sono legati anche le sue crisi: quando Thelma è agitata riesce infatti a ottenere particolari effetti sugli animali, sui macchinari elettronici, sull'elettricità e può perfino scatenare eventi in luoghi lontani da quello in cui si trova in quel momento. Proprio mentre Thelma subisce una seduta d'ipnosi in cui è costretta a soffermarsi su Anja, infatti, la ragazza scompare nel nulla dalla propria abitazione. Quando Thelma prova a contattarla dunque non riesce a farlo. I test eseguiti dai medici scartano l'epilessia fra le ipotesi relativi al disturbo di Thelma: sembrerebbe che le convulsioni derivino da un forte stress o trauma.

Thelma scopre dal suo medico che sua nonna aveva avuto disturbi psichici e che potrebbe aver ereditato una predisposizione a ciò. Alcune ricerche effettuate dalla ragazza le permettono tuttavia di appurare che un tempo manifestazioni come la sua venivano considerate di natura sovrannaturale: decide allora di recarsi presso la clinica in cui sua nonna è tuttora ricoverata, incontrandola dunque per la prima volta. Thelma scopre che sua nonna è ormai in uno stato di completa incoscienza e che la donna era impazzita dopo essersi convinta di aver fatto scomparire nel nulla suo marito e di aver evocato il proprio cancro. Dopo aver ricevuto un messaggio dalla madre di Anja, che non riesce a trovare sua figlia, Thelma ha una crisi in piscina e si ritrova come intrappolata al di sotto di uno strato solido d'acqua per alcuni minuti. Dopo quest'ennesima crisi, la ragazza decide di tornare a casa e rivelare ai suoi genitori cos'è accaduto: loro tuttavia le servono un tè drogato per poterle raccontare qual è il suo vero problema senza correre rischi. La vicenda ritorna a quando Thelma era bambina: un giorno, mentre dormiva, la ragazzina aveva inavvertitamente teletrasportato il suo fratellino all'interno di un lago ghiacciato, condannandolo ad una morte immediata. Ciò ha causato una crisi depressiva a sua madre, la quale ha dunque tentato il suicidio, fallendo ma condannando se stessa alla sedia a rotelle.

Il padre di Thelma le spiega che il suo potere è quello di far accadere ciò che desidera più intensamente e ricomincia a somministrarle farmaci e a spronarla a pregare affinché i suoi poteri siano tenuti sotto controllo. Thelma confessa a suo padre cosa è davvero accaduto con Anja: l'uomo insinua che sia stata la stessa Thelma a generare l'attrazione di Anja nei suoi confronti. La madre di Thelma rivela di essere scettica sull'efficacia della terapia e suggerisce l'uccisione della ragazza come unica soluzione. L'uomo continua tuttavia a prendersi cura della figlia, fingendo col resto del mondo che non stia accadendo nulla di strano. Thelma chiede a suo padre di interrompere le cure invece di ridurla nello stato in cui versa sua nonna e lo supplica di lasciarla andare via: l'uomo tuttavia rifiuta e va a fare un giro in barca, lasciandola riposare. Mentre l'uomo è sul lago il potere di Thelma gli fa prendere fuoco e non serve a nulla tuffarsi in acqua: quando riemerge le fiamme si formano di nuovo. Compreso cosa è accaduto, Thelma si tuffa in quelle stesse acque e sogna di essere di nuovo nella piscina universitaria, libera di vivere il suo amore con Anja. Tornata a casa, la ragazza si imbatte in sua madre, che intuisce cosa è successo: invece di fornirle spiegazioni la ragazza le restituisce il pieno controllo del suo corpo e va via di casa, tornando dunque all'università. Qui riesce a far tornare Anja e la loro vita riprende come se nulla fosse accaduto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Per il film è stato speso un budget di 5,8 milioni di dollari.[2] L'opera è stata girata a partire dal 20 settembre 2016 in un lasso di tempo di soli 44 giorni.[3][4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima al Norwegian International Film Festival, dove ha vinto il premio come miglior film,[5] e successivamente al Toronto International Film Festival.[6] Nel corso del 2017 è stato presentato in numerosi festival cinematografici internazionali.

È stato distribuito nelle sale cinematografiche norvegesi il 15 settembre 2017, mentre in Italia è stato distribuito dal 21 giugno 2018.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 93% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 7,3 su 10 basato su 147 critiche,[7] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 74 su 100 basato su 31 critiche.[8]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Joachim Trier’s ‘Thelma’ Chosen by Norway for Foreign-Language Oscar, su variety.com. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  2. ^ (EN) Thelma, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) Wendy Mitchell, Le Pacte joins Joachim Trier’s 'Thelma', su Screen, 2016-09-2. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  4. ^ (NO) Montages | https://montages.no, Se den lekre kinoplakaten til Joachim Triers Thelma | Montages, su Montages.no. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) Thelma wins over Norwegian critics in Haugesund, su cineuropa.org. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Toronto Film Festival 2017 Unveils Strong Slate, su deadline.com. URL consultato il 30 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) Thelma (2017). URL consultato il 16 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Thelma. URL consultato il 16 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]