La zona d'interesse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Zone of Interest)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
La zona d'interesse
Una scena del film
Titolo originaleThe Zone of Interest
Lingua originaletedesco, polacco, yiddish
Paese di produzioneStati Uniti, Regno Unito, Polonia
Anno2023
Durata105 min
Rapporto1,78:1
Generedrammatico
RegiaJonathan Glazer
Soggettodal romanzo di Martin Amis
SceneggiaturaJonathan Glazer
ProduttoreJames Wilson, Ewa Puszczyńska
Produttore esecutivoReno Antoniades, Len Blavatnik, Danny Cohen, Tessa Ross, Ollie Madden, Daniel Battsek, David Kimbangi
Casa di produzioneExtreme Emotions, Film4 Productions, House Productions
Distribuzione in italianoI Wonder Pictures
FotografiaŁukasz Żal
MontaggioPaul Watts
Effetti specialiGuillaume Ménard
MusicheMica Levi
ScenografiaChris Oddy
CostumiMałgorzata Karpiuk
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La zona d'interesse (The Zone of Interest) è un film del 2023 scritto e diretto da Jonathan Glazer, vincitore di due premi Oscar: miglior film internazionale e miglior sonoro.

La pellicola, adattamento cinematografico del romanzo omonimo del 2014 scritto da Martin Amis, è stata presentata in concorso al Festival di Cannes 2023.[1]

1943. Rudolf Höß, l'SS a comando del campo di concentramento di Auschwitz, sua moglie Hedwig e i loro cinque figli vivono la quotidianità all'interno della cosiddetta zona di interesse (Interessengebiet), un’area di circa 25 miglia attorno al campo di concentramento, ignorando volutamente gli spari, le urla e rumori di treni e fornaci provenienti dall’altra parte del muro che divide casa e campo: Rudolf porta i figli a nuotare e a pescare mentre alcuni detenuti lo aiutano con i lavori più pesanti, invece Hedwig cura il giardino, che ha progettato lei stessa, e si occupa della casa aiutata da alcune ragazze polacche, una delle quali, la notte, esce di nascosto dalla casa per nascondere del cibo nei luoghi di lavoro dei prigionieri; inoltre, occasionalmente, gli effetti personali dei prigionieri (abiti, gioielli o cosmetici) vengono consegnati agli Höß, che se ne appropriano incuranti della loro provenienza (es.: una delle figlie si mette a dieta pur di indossare un abito pur sapendo che l’ex proprietaria, in quel momento, stia morendo di fame).

Col tempo, mentre il campo diventa sempre più efficiente con Rudolf che approva il progetto di un nuovo crematorio realizzato da J.A. Topf und Söhne e il giardino della casa diventa sempre più rigoglioso e fiorito grazie a Hedwig, la famiglia incappa nei primi inconvenienti del vivere così vicina al campo: prima i bambini entrando in contatto con le ceneri umane disperse nel fiume dove stanno pescando e, in seguito, la madre di Hedwig, giunta in visita, se ne va di nascosto (lascia un biglietto alla figlia, che lei brucia irritata) perché sconvolta dalle fiamme del crematorio visibili dalla camera delle bambine.

A novembre, Höß riceve l’ordine di trasferirsi a Oranienburg, vicino a Berlino, così Hedwig, scontenta della notizia, gli chiede di convincere i suoi superiori a lasciare che lei e i bambini rimangano in quella casa, seppur ciò significhi che rimarrà lontana dal marito per vari mesi. Mentre Höß, prima di partire, ha un rapporto sessuale con una ragazza [2], la richiesta di Hedwig viene accolta permettendo a lei e ai bambini di continuare la propria vita in quello che loro definiscono un paradiso.

Arrivato a Berlino, Höß viene incaricato da Oswald Pohl di dirigere l’Aktion Höß, un’operazione a lui intitolata che consiste nel trasporto di 800.000 ebrei ungheresi nei diversi campi di concentramento del Reich, e che permetterà all’uomo di tornare ad Auschwitz e ricongiungersi alla sua famiglia.

Dopo la festa organizzata dall'Ufficio centrale economico e amministrativo delle SS, Höß, che ha passato la serata pensando al modo più efficace per gassare tutti i partecipanti, ha dei conati di vomito così, cercando di scoprire se qualcuno l'ha visto, scruta i corridoi che si trasformano nel Museo statale di Auschwitz-Birkenau, in cui degli inservienti passano tra le camere a gas, i forni crematori e le stanze in cui sono conservate le migliaia di oggetti personali delle vittime per pulire.

Il film è una co-produzione anglo-polacca-americana.[3] Le riprese si sono svolte nella seconda metà del 2021 ad Auschwitz.[4] Il film è stato girato da Glazer e il direttore della fotografia Łukasz Żal piazzando delle macchine da presa operate da remoto nella residenza degli Höß, ricostruita dallo scenografo Chris Oddy, utilizzando la luce naturale e permettendo agli attori di muoversi liberamente all'interno della scena mentre erano ripresi da più di dieci angolazioni contemporaneamente.[1]

Distribuzione

[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima il 19 maggio 2023 in concorso al 76º Festival di Cannes.[3][5] È distribuito negli Stati Uniti d'America da A24.[3] È distribuito in Italia da I Wonder Pictures dal 22 febbraio 2024[6].

Il film ha incassato globalmente 52012667 $,[7] di cui 4690834  in Italia, con 697933 presenze.[8]

Il film è stato osannato dalla critica. Su Rotten Tomatoes ha una percentuale di gradimento del 93% sulla base di 344 recensioni, con un voto medio di 8,70 su 10.[9] Su Metacritic il voto medio ponderato di 58 critici è di 92 su 100.[10]

Ondacinema, riguardo al lavoro di Glazer, ha affermato: «La zona d'interesse propone allo spettatore un'osservazione raggelata ed entomologica, capace di resistere all'impassibilità dei personaggi per cogliere l'attimo in cui la normalità diventa affezione patologica». Cinefacts loda l'opera del cineasta inglese, sottolineando come «La zona d'interesse riesca incredibilmente a dare una rilevanza straordinaria allo sguardo che la Storia ha riservato all’Olocausto, mettendo in scena questa come fosse quasi un’entità soprannaturale che vive nel film».[11][12][13]

Di parere opposto, il sito Cinematographe si è espresso nei seguenti toni: «A metà strada tra cinema documentaristico, biopic e thriller dell’anima, il quarto lungometraggio da regista dell’autore di Birth – Io sono Sean e Under The Skin, non convince appieno, pur riflettendo tra surrealismo ed intimismo».[14]

Steven Spielberg in una intervista al The Hollywood Reporter lo ha definito «[...] il miglior film sull'Olocausto che abbia mai visto dopo il mio», aggiungendo che il film «sta facendo un ottimo lavoro di sensibilizzazione, soprattutto sulla banalità del male».[15]

Riconoscimenti

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ a b (EN) David Rooney, ‘The Zone of Interest’ Review: Jonathan Glazer’s Audacious Film Is a Bone-Chilling Holocaust Drama Like No Other, in The Hollywood Reporter, 19 maggio 2023. URL consultato il 19 maggio 2023.
  2. ^ L'episodio si riferisce probabilmente alla relazione clandestina che Höß intrattenne con una detenuta politica austriaca, Eleonor Hodys, internata nel campo di Auschwitz. Nella realtà storica, sembra infatti che questa relazione, e il fatto che la donna fosse rimasta incinta, insieme a episodi di appropriazione indebita e malversazione da parte di Höß, fossero state le cause dell'allontanamento di Höß dalla guida di Auschwitz a seguito di alcune indagini condotte dal giudice amministrativo Konrad Morgen.
  3. ^ a b c (EN) Christopher Vourlias, Poles Share Their Souls With the World, in Variety, 19 maggio 2023. URL consultato il 19 maggio 2023.
  4. ^ (PL) Oświęcim. Ulica Mayzla wygląda jak w czasach okupacji niemieckiej. W piątek późnym popołudniem rozpoczęły się tu zdjęcia do filmu, su Gazeta Krakowska, 11 settembre 2021. URL consultato il 18 maggio 2023.
  5. ^ (ENFR) Calendario delle proiezioni (PDF), su festival-cannes.com, Festival di Cannes, 10 maggio 2023. URL consultato l'11 maggio 2023.
  6. ^ Data uscita nelle sale italiane, su elledecor.com.
  7. ^ (EN) La zona d'interesse, su Box Office Mojo, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  8. ^ BoxOffice, su www.cinetel.it. URL consultato il 29 giugno 2024.
  9. ^ (EN) La zona d'interesse, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. Modifica su Wikidata
  10. ^ (EN) La zona d'interesse, su Metacritic, Fandom, Inc. Modifica su Wikidata
  11. ^ La zona d'interesse - Recensione: a discapito dell'umanità, su CineFacts. URL consultato il 22 maggio 2023.
  12. ^ La zona d'interesse, su ondacinema.it. URL consultato il 22 febbraio 2024.
  13. ^ La zona d'interesse. URL consultato il 22 febbraio 2024.
  14. ^ Eugenio Grenna, Roma FF18 – La zona d'interesse: recensione del film di Jonathan Glazer, su Cinematographe.it, 19 gennaio 2024. URL consultato il 22 febbraio 2024.
  15. ^ Steven Spielberg: "La zona d'interesse è il miglior film sull'olocausto dal mio Schindler's List", su movieplayer.it. URL consultato il 19 marzo 2024.
  16. ^ (ENFR) Le Palmarès du 76e Festival de Cannes, su festival-cannes.com, Festival di Cannes, 27 maggio 2023. URL consultato il 28 maggio 2023.
  17. ^ (EN) Clayton Davis, ‘Killers of the Flower Moon’ Named Best Picture by National Board of Review, Lily Gladstone and Paul Giamatti Nab Top Acting Honors, su Variety, 6 dicembre 2023. URL consultato l'8 dicembre 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema