The Untouchables - Gli intoccabili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Untouchables - Gli intoccabili
Intoccabili.png
Eliot Ness (Kevin Costner) e Jimmy Malone (Sean Connery) in una scena del film
Titolo originaleThe Untouchables
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1987
Durata120 min
Genereazione, drammatico, gangster
RegiaBrian De Palma
SoggettoDavid Mamet
SceneggiaturaDavid Mamet
ProduttoreArt Linson
FotografiaStephen H. Burum
MontaggioJerry Greenberg, Bill Pankow
Effetti specialiAllen Hall, Chuck E. Stewart
MusicheEnnio Morricone
ScenografiaHal Gausman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Untouchables - Gli intoccabili (The Untouchables) è un film del 1987 diretto da Brian De Palma e scritto da David Mamet.

Il cast annovera Kevin Costner nel ruolo dell'agente federale Eliot Ness, Sean Connery nei panni del poliziotto irlandese Jimmy Malone, Andy García, il giovane poliziotto italo-americano George Stone, e Robert De Niro nel ruolo del boss Al Capone. Il film è ispirato all'autobiografia di Ness, che aveva già dato vita in USA alla serie televisiva Gli intoccabili con Robert Stack. Per la sua interpretazione Connery vinse un Oscar come miglior attore non protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Chicago, 1930: durante il periodo del Proibizionismo, la città è governata dal famigerato e spietato boss mafioso Al Capone, il cui commercio si basa principalmente sul contrabbando di alcool. L'agente del Tesoro Eliot Ness decide di combattere Capone organizzando una crociata contro il suo impero economico. Le prime indagini di Ness, una serie di irruzioni nei magazzini dove è nascosta la merce di contrabbando, portano alla scoperta di alcuni casi di corruzione all'interno del Dipartimento di Polizia, a causa dei quali le retate di Ness falliscono.

Ness ottiene l'aiuto del saggio Jimmy Malone, incorruttibile poliziotto irlandese, il quale gli consiglia di trovare altri elementi per formare una vera e propria squadra speciale anti-crimine. I due si recano a osservare le esercitazioni di tiro al Dipartimento di Polizia, e individuano un possibile candidato nel giovane italo-americano Giuseppe Petri, che ha cambiato il suo nome in George Stone. Il giovane agente, che dimostra un carattere fermo, un atteggiamento onesto e un approccio risoluto, riesce a convincerli e viene arruolato. Il quarto membro della squadra è invece Oscar Wallace, un contabile che viene assegnato a Ness da Washington e che tenta di dimostrare la disonestà di Capone studiando gli aspetti fiscali e tributari legati all'attività criminale del boss.

La prima azione condotta dalla squadra di Ness ha come obiettivo un ufficio postale dove, secondo una soffiata, sarebbe nascosto il liquore contrabbandato. Mentre Ness perquisisce il posto, Wallace lo informa di aver scoperto che Capone non paga le tasse dal 1926. Si tratta di un appiglio legale che potrebbe compromettere l'attività del boss e portarlo addirittura all'arresto. Al Capone, irritato, mette di guardia i suoi alleati durante una cena e uccide il suo scagnozzo che gestiva il magazzino sotto l'ufficio postale colpendolo violentemente con una mazza da baseball. Un aldermanno corrotto tenta di offrire denaro a Ness e ai suoi uomini per far loro abbandonare il caso, ma viene respinto con fermezza. Una notte, mentre si reca a casa, Ness incontra Frank Nitti, sicario e braccio destro di Capone, che lo minaccia costringendolo a trasferire fuori città la moglie incinta e la loro figlia, per tenerle al sicuro.

In un successivo raid sul confine canadese, Ness e la sua squadra uccidono diversi criminali, riescono a confiscare un grosso carico di whisky destinato a Capone e a catturare uno dei suoi contabili, George. I quattro lo conducono a Chicago e lo convincono a collaborare per svelare loro tutti i segreti della banda del boss. Questo fatto farà irritare ulteriormente Capone. Infatti, mentre Wallace scorta il prigioniero verso un'auto della polizia, viene sorpreso da Frank Nitti, travestito da ascensorista, che lo uccide insieme al contabile. Il fatto scoraggia Ness, che in preda al dolore e alla rabbia si presenta nell'hotel dove risiede Capone e incomincia a provocare il potente boss. Mentre i due si fronteggiano con toni accesi, Malone arriva nell'hotel e allontana Ness. Malone consiglia a Ness di continuare ad agire nonostante la pressione del procuratore generale che lo spinge a mollare il caso. Ben presto l'agente del Tesoro viene a conoscenza dell'identità del principale contabile di Capone, Walter Payne, grazie a Malone che ne scopre il nome picchiando l'ufficiale Mike Dorsett, un agente di polizia corrotto.

Quella notte, Nitti sorprende Malone sulla porta di casa grazie allo stratagemma di un suo scagnozzo, gli spara dal pianerottolo di fronte con un mitra e i due si danno alla fuga. Poco dopo Ness e Stone arrivano per prestare soccorso all'amico, ma troppo tardi: Malone è stato ferito gravemente e qualche istante dopo muore, non prima di aver rivelato ai compagni di aver scoperto che il contabile è in partenza da Chicago con un treno che parte a mezzanotte per Miami. Ness e Stone si recano immediatamente alla Union Station, dove attendono l'arrivo di Payne. Il contabile è scortato da numerosi gangster, e al termine di una feroce sparatoria sulla scalinata della stazione, Ness e Stone riescono a eliminare i criminali e portano via Payne con loro.

Il processo per evasione fiscale ha inizio e Payne testimonia in tribunale contro Al Capone, che corrompe regolarmente la polizia, pagando una grossa mazzetta annuale. Durante l'udienza, Ness si accorge che Nitti, seduto dietro Capone, porta una pistola sotto la giacca e avvisa i poliziotti, che lo conducono fuori dall'aula. Durante la perquisizione, Nitti risulta essere in possesso di una raccomandazione del sindaco di Chicago. Ness si accorge che sulla confezione di fiammiferi del gangster è annotato l'indirizzo di Malone e quindi si rende conto che è stato lui a uccidere l'amico quella notte. Nitti approfitta di un attimo di disattenzione dei presenti per tentare la fuga ai piani superiori, ma viene raggiunto e bloccato da Ness. All'ennesima provocazione verbale di Nitti, che lo canzona, sicuro di farla franca grazie alle sue amicizie potenti, Ness perde il controllo e spinge nel vuoto Nitti dal tetto del palazzo. Il gangster precipita sopra una delle auto parcheggiate nel cortile, sfondandola e morendo sul colpo.

Scoperto, grazie a una nota nella tasca della giacca di Nitti, che i membri della giuria del processo contro Capone risultano essere stati corrotti, Ness ottiene dal giudice lo scambio della giuria con quelli di un processo di divorzio, che si sta svolgendo nell'aula accanto. Il difensore di Capone, malgrado le vivaci proteste del proprio assistito, cambia la dichiarazione dell'imputato da "non colpevole" a "colpevole". Il processo si conclude e il boss viene riconosciuto colpevole di evasione fiscale e condannato a undici anni di prigione.

Prima di lasciare l'incarico, Ness affida a Stone il medaglione di San Giuda appartenuto a Malone come regalo di addio. Mentre esce dalla stazione di polizia, Ness viene raggiunto da un giornalista che gli riferisce la probabile abolizione del Proibizionismo e gli chiede che cosa farà in tal caso. Ness gli risponde: «Andrò a bere un bicchiere».

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Costner ottenne la parte per cui erano stati presi in considerazione anche Harrison Ford, Mel Gibson e William Hurt. Per il ruolo di Capone, inizialmente si pensò a Bob Hoskins, ma il regista insistette per avere nella parte Robert De Niro.[1]

Personaggi reali[modifica | modifica wikitesto]

  • Eliot Ness, agente federale e protagonista del film.
  • Al Capone, soprannominato Scarface, è il boss mafioso che la squadra capitanata da Eliot Ness cerca di incastrare.
  • Frank Nitti è il braccio destro di Capone. Nel film viene ucciso da Ness poco prima della condanna del suo capo, mentre nella realtà assunse la guida dell'impero di Capone.

Personaggi fittizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Jimmy Malone è un piedipiatti irlandese nella Chicago degli anni trenta, un poliziotto che ha trascorso l'esistenza come un sopravvissuto. Il suo cinismo è il riflesso di tutta la corruzione che ha visto. Amareggiato e disilluso dal dilagare della malavita a Chicago, Malone rivede la speranza in Eliot Ness.
  • George Stone, vero nome Giuseppe Petri, è un poliziotto di origine italiana e tiratore scelto della polizia.
  • Oscar Wallace è un contabile dall'aria ingenua che cerca di incastrare Capone per evasione fiscale. Viene ucciso da Frank Nitti.
  • Mike Dorsett è il capitano della polizia corrotto.
  • Catherine è la moglie di Ness e madre di sua figlia.
  • Walter Payne è il contabile di Capone. Dopo la morte di Jimmy Malone, la squadra di Ness riesce a rintracciarlo, salvandolo durante una sparatoria con gli uomini del boss e a convincerlo a testimoniare contro Capone.
  • George è uno dei contabili di Capone che la squadra di Eliot Ness riesce a catturare oltre il confine. Decide di testimoniare contro il suo capo, ma viene ucciso insieme a Wallace da Frank Nitti.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato a Chicago, Illinois; Hardin, Montana; e l'area sottostante delle Great Falls (Montana).

La scena iniziale del barbiere con Al Capone è stata girata utilizzando delle suppellettili originali del barbiere di Capone.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola ottenne un notevole successo al botteghino, incassando 106 240 936 di dollari.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Inesattezze storiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Nitti in realtà non fu ucciso, anzi, prese le redini dell'impero di Al Capone.
  • La sentenza, così come la si sente nel film, è incompleta; Capone sarebbe stato sì condannato ad 11 anni (di cui ne avrebbe scontati solo 9) di carcere, ma avrebbe anche dovuto pagare 80.000 dollari di multa.
  • All'epoca dei fatti Eliot Ness non aveva nessuna figlia. Adottò il suo unico figlio, Robert, soltanto nel 1947.
  • Nel primo incontro tra Eliot Ness e Malone, quest’ultimo vede Ness gettare in acqua una carta e gli domanda se si tratta di marijuana. In realtà la marijuana è stata dichiarata illegale solo nel 1937.
  • All'epoca dei fatti Al Capone aveva 31 anni mentre nel film è interpretato da Robert De Niro che dimostra l’età che aveva all’epoca delle riprese: 44 anni.

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 la Ocean Software pubblicò il videogioco The Untouchables per diverse piattaforme: gli home computer dell'epoca, il PC, il Nintendo (1990) e anni dopo il Super Nintendo (1994)[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuliana Zuccoli Bellantoni, Cine Collection - Il grande cinema di oggi (Milano, Fabbri Editori), nº 1, 1994, p. 3.
  2. ^ Box Office
  3. ^ IGN: The Untouchables
  4. ^ IGN: The Untouchables

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema