The Shannara Chronicles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Shannara Chronicles
The Shannara Chronicles.jpg
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale The Shannara Chronicles
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2016 – in produzione
Formato serie TV
Genere fantasy, avventura
Stagioni 1
Episodi 10
Durata 42 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Rapporto 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Alfred Gough, Miles Millar
Soggetto Terry Brooks (romanzi)
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Felix Erskine, Lukas Burton
Scenografia Robert Gillies
Costumi Jane Holland
Produttore Tim Scanlan
David Gardner
Tim Coddington
Jenna Glazier
Produttore esecutivo Alfred Gough
Miles Millar
Jonathan Liebesman
Jon Favreau
Eugene Stein
Stewart Till
Dan Farah
Terry Brooks
Casa di produzione Farah Films, Millar Gough Inc, Raygun One, Sonar Entertainment, MTV Production Development
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 5 gennaio 2016
Al in corso
Rete televisiva MTV
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 15 gennaio 2016
Al in corso
Rete televisiva Sky Atlantic

The Shannara Chronicles è una serie televisiva fantasy statunitense sviluppata da Alfred Gough e Miles Millar per MTV, che la trasmette dal 5 gennaio 2016. Basata sull'omonima serie di romanzi fantasy scritti da Terry Brooks, vede nel cast la presenza di Austin Butler, Poppy Drayton, Ivana Baquero, Manu Bennett.

Nell'aprile 2016 è stata confermata la produzione di una seconda stagione[1] che verrà trasmessa nel corso del 2017.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata migliaia di anni dopo le Grandi Guerre che hanno portato alla distruzione della vecchia civiltà, la serie segue le avventure della principessa elfa Amberle Elessedil, nipote del re Eventine Elessedil, del giovane mezzelfo Wil Ohmsford nipote di Flick, figlio di Shea Ohmsford e discendente del primo re Shannara, e della nomade Eretria, "figlia" acquisita di Cephalo, un importante capoclan dei Nomadi; i tre, inviati da Allanon, ultimo druido di Paranor, si imbarcano in un viaggio per salvare l'Eterea (antico albero nato dalla magia che ha la funzione di mantenere in vita il Divieto, regno creato anch'esso dalla magia dove ogni creatura malvagia è imprigionata) e proteggere le Quattro Terre dall'esercito demoniaco.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 10 2016 2016

Personaggi ed interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Wil Ohmsford (stagione 1-in corso), interpretato da Austin Butler, doppiato da Alessandro Campaiola.
    Un ragazzo per metà elfo e metà umano, ultimo per discendenza dell'antica famiglia Shannara. È destinato a salvare le Quattro Terre dai demoni e possiede tre pietre magiche appartenute al suo defunto padre.
  • Amberle Elessedil (stagione 1), interpretata da Poppy Drayton, doppiata da Giulia Franceschetti.
    Una principessa elfica, prima donna ad essere accettata dagli Eletti, un gruppo di elfi responsabili della protezione e della cura di un antico albero chiamato l'Eterea.
  • Eretria (stagione 1-in corso), interpretata da Ivana Baquero, doppiata da Erica Necci.
    Una giovane umana cresciuta dai Nomadi, un gruppo di ladri.
  • Allanon (stagione 1-in corso), interpretato da Manu Bennett, doppiato da Andrea Lavagnino.
    Un umano e ultimo druido che è sopravvissuto per più di 300 anni per mezzo del Sonno Druido. Guida e protegge il gruppo nella missione per proteggere l'Eterea.
  • Ander Elessedil (stagione 1-in corso), interpretato da Aaron Jakubenko, doppiato da Emiliano Coltorti.
    Un principe elfico, figlio di Eventine e fratello di Arion.
  • Mareth Ravenlock (stagione 2-in corso), interpretata da Malese Jow.
    Una potente giovane donna con poteri magici che si unirà al gruppo di Wil.
  • Lyria (stagione 2-in corso), interpretata da Vanessa Morgan.
    Una bellissima ragazza legata romanticamente ad Eretria.
  • Garet (stagione 2-in corso), interpretato da Gentry White.
    È un cacciatore di taglie conosciuto nelle Quattro Terre come "Il maestro delle armi".
  • Regina Tamlin di Leah (stagione 2-in corso), interpretata da Caroline Chikezie.
    È la sovrana dell'unico regno umano nelle Quattro Terre.
  • Generale Rigam (stagione 2-in corso), interpretato da Desmond Chaim.
    È il capo del gruppo di soldati estremisti i Cremisi, dedicato a spazzare via tutta la magia dalle Quattro Terre.

Secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Eventine Elessedil (stagione 1), interpretato da John Rhys-Davies, doppiato da Stefano De Sando.
    Nonno di Emberle che ha regnato per decenni il Regno Elfico di Arborlon.
  • Arion Elessedil (stagione 1), interpretato da Daniel MacPherson, doppiato da Edoardo Stoppacciaro.
    Un principe elfico, figlio di Eventine e fratello di Ander.
  • Cephalo (stagione 1-in corso), interpretato da James Remar, doppiato da Roberto Draghetti.
    Il capo dei Nomadi e padre adottivo di Eretria.
  • Dagda Mor (stagione 1), interpretato da Jed Brophy, doppiato da Alessandro Budroni.
    È un antico druido demone elfico, il suo potere aumenta quando l'Eterea si indebolisce.
  • Catania (stagione 1-in corso), interpretata da Brooke Williams, doppiata da Chiara Gioncardi.
    Un'elfa, servitrice di Amberle, migliore amica e confidente.
  • Comandante Diana Tilton (stagione 1), interpretata da Emelia Burns, doppiata da Sara Ferranti.
    Un'elfa e una dei comandanti dell'armata elfica.
  • Lorin (stagione 1), interpretato da Mattias Inwood, doppiato da Manuel Meli.
    Un elfo, è il ragazzo di Amberle e un membro degli Eletti.
  • Bandon (stagione 1-in corso), interpretato da Marcus Vanco, doppiato da Alessio Nissolino.
    Un elfo scaltro salvato dal gruppo, in seguito si scoprirà essere un veggente.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 la Sonar Entertainment acquistò i diritti televisivi della serie di libri di Shannara, scritti da Terry Brooks.[2] Nel dicembre 2013 è stato annunciato che MTV avrebbe co-prodotto e trasmesso la serie, la cui prima stagione è basata sul secondo libro della serie, Le pietre magiche di Shannara.[3] Nel luglio 2014 MTV ha ordinato ufficialmente la prima stagione, composta da 10 episodi.[4]

La serie è girata in Nuova Zelanda.[5]

Il 20 aprile 2016 la serie è stata rinnovata per una seconda stagione.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Un primo teaser trailer è stato proiettato al San Diego Comic-Con del 2015, venendo poi trasmesso durante gli MTV Video Music Awards 2015.[6] Negli Stati Uniti la serie ha debuttato il 5 gennaio 2016 su MTV.[7]

In Italia viene trasmessa da Sky Atlantic, canale pay di Sky Italia, dal 15 gennaio 2016[8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Shannara Chronicles Renewed at MTV, in TVLine, 20 aprile 2016. URL consultato il 20 aprile 2016.
  2. ^ (EN) Jeff Sneider, Sonar, Farah to adapt 'Shannara' for TV, in Variety, 10 settembre 2012. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) 'Shannara' Series in the Works at MTV With Jon Favreau, 'Smallville' Duo, in The Hollywood Reporter, 6 dicembre 2013. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Tim Molloy, MTV Orders Fantasy 'Shannara' to Series; 'Catfish' Gets 4th Season, in The Wrap, 11 luglio 2014. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Todd Martens, Comic-Con: MTV unveils first look at 'The Shannara Chronicles', in Los Angeles Times, 10 luglio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) Max Evry, The Shannara Chronicles Comic-Con Trailer is Now Online!, su ComingSoon.net, 10 luglio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  7. ^ (EN) Kinsey Lowe, The Shannara Chronicles’ New Trailer: MTV Series Debuts January 5 – New York Comic Con, in Deadline, 10 ottobre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2015.
  8. ^ Aspettando Shannara, su Sky Atlantic dal 15 gennaio, Sky Italia, 18 dicembre 2015. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  9. ^ Lucca 2015: The Shannara Chronicles in Italia su Sky Atlantic HD, in badtv.it, 29 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]