The Replacements - Agenzia sostituzioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Replacements - Agenzia sostituzioni
serie TV d'animazione
Thereplacementssigla.PNG
Titolo orig.The Replacements
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreDan Santat
RegiaHeather Martinez
Produttore esecutivoJack Thomas
MusicheDarian Sahanaja
ReteDisney Channel
1ª TV28 luglio 2006 – 30 marzo 2009[1]
Episodi52 (completa)
Durata ep.22 min
Rete it.Disney Channel, RaiDue
1ª TV it.16 febbraio 2007
Episodi it.52 (completa)
Durata ep. it.22 min
Studio dopp. it.Royfilm
Dir. dopp. it.Loris Scaccianoce

The Replacements - Agenzia sostituzioni è una serie animata di Disney Channel che ha visto la sua entrata in programmazione negli USA il 28 luglio 2006, mentre in Italia il 16 febbraio 2007 sempre su Disney Channel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie segue le avventure di due fratelli orfani chiamati Todd e Riley che vivono a Washington. Un giorno mentre stavano pulendo la loro casa in affidamento (come definito nella sigla), i ragazzi scoprono un giornaletto comico su cui è riportato il nome di una compagnia chiamato Fleemco. L'inserto dice che per soli $1.98 qualunque persona può avere libero accesso all'Agenzia Sostituzioni, ovvero persone che rimpiazziano altrettante persone nella propria vita. Così Todd e Riley chiedono due nuovi genitori dalla Fleemco. Loro padre è Dick Daring, un famoso stuntman, mentre la loro madre è l'Agente K, una spia britannica.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The Replacements - Agenzia sostituzioni.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Crew[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Replacements : Irreplaceable - Zap2it, su web.archive.org, 24 febbraio 2012. URL consultato il 17 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2012).
  2. ^ a b c d e f g AntonioGenna.net presenta: IL MONDO DEI DOPPIATORI - ZONA ANIMAZIONE: "The Replacements - Agenzia sostituzioni", su www.antoniogenna.net. URL consultato il 17 luglio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]