The Prodigy - Il figlio del male

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Prodigy - Il figlio del male
The Prodigy - Il figlio del male.png
Miles Blume in una scena del film
Titolo originaleThe Prodigy
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata92 minuti
Genereorrore
RegiaNicholas McCarthy
SceneggiaturaJeff Buhler
ProduttoreTara Farney, Tripp Vinson
Casa di produzioneVinson Films
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaBridger Nielson
MontaggioTom Elkins, Brian Ufberg
MusicheJoseph Bishara
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Prodigy - Il figlio del male (The Prodigy) è un film horror del 2019 diretto da Nicholas McCarthy con protagonisti Taylor Schilling e Jackson Robert Scott.[1][2][3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

22 agosto 2010, Ohio. Il serial killer Edward Scarka viene colpito a morte durante un'incursione della polizia nella sua fattoria. Al momento della sua morte, una coppia di sposi della Pennsylvania, Sarah e John, danno alla luce un maschio, Miles, che fin da subito mostra estrema saggezza, intelligenza e capacità di parlare fluentemente l'inglese prematuramente.

2018. Miles compie otto anni e i genitori iniziano a notare cambiamenti comportamentali in lui. Una notte il bambino fa uno scherzo alla sua baby-sitter, Zoe, ferendola gravemente, non ricordandosi in seguito dell'accaduto, ed, alcuni giorni dopo a scuola, attacca un compagno di classe con una chiave inglese che sottrae dall'armadio del custode. Sarah, quindi, decide di portarlo dalla psicologa Elaine Strasser, alla quale la madre consegna un nastro sul quale sono state registrate le parole apparentemente senza senso che il bambino pronuncia nel sonno. Elaine dà il nastro a un collega, Arthur Jacobson, un esperto di rinascita e reincarnazione, il quale le rivela che le parole di Miles sul nastro sono in realtà in lingua ungherese e che tradotte significano

(EN)

«I'll cut your eyes out and watch you die, whore»

(IT)

«Ti taglierò gli occhi e ti guarderò morire, puttana»

(Miles Blume)

Non volendo credere alle parole di Arthur, Sarah se ne va. Più tardi a casa, il cane della famiglia scompare e John si infuria quando scopre che Miles ha ripreso la camera da letto della coppia con un baby monitor. In seguito, John va a trovare suo fratello, lasciando Sarah da sola con Miles in casa. Quest'ultimo sveglia la madre nel mezzo della notte; quando la donna si alza trova la casa invasa da uno sciame di mosche e, nel seminterrato, il cane smembrato. Il bambino si scusa, rivelando che qualcuno lo sta possedendo ogni notte.

La madre decide quindi di riportarlo da Arthur, il quale lo ipnotizza nella speranza di intraprendere una regressione della vita passata, che gli permetterà di parlare con lo spirito che convive nel corpo di Miles. Arthur scopre che i genitori dello spirito erano in realtà immigrati ungheresi e chiede insistentemente a Miles di rivelare il nome della persona che occupa il suo corpo. L'entità assume il totale controllo del bambino e dice all'uomo che se rivelerà qualsiasi cosa alla madre lo denuncerà alla polizia fingendo un abuso. Durante il ritorno a casa di Miles e Sarah, Arthur trova la parola "Scarka" incisa nel suo divano di pelle con le unghie del bambino. Arthur decide di chiamare Sarah, spiegandole che il corpo di Miles è posseduto dall'anima dell'assassino Edward Scarka. Sarah scopre che quest'ultimo è morto solo pochi minuti prima della nascita di Miles, ed è sorpresa nel vedere come Miles abbia due occhi di colore diverso proprio come lui. John e Sarah decidono allora di internare il bambino in una struttura psichiatrica; l'uomo va a prendere in macchina il figlio a scuola, ma, durante il tragitto di ritorno, Miles lo pugnala con delle forbici provocando un grave incidente. John finisce in ospedale in coma. Nel frattempo, nella stanza di Miles, Sarah scopre una serie di ritagli di giornale sui crimini di Edward, così come un libro di Margaret St. James, l'ultima vittima di Edward che è riuscita a sopravvivere. Sarah pensa quindi che quest'ultimo sia tornato per tentare di ucciderla e completare il lavoro. Decide allora di uccidere lei stessa la donna: si munisce di pistola, droga Miles con dei sonniferi e si dirige alla casa dell'ignara signora. Lì giunta si accinge a spararle ma non ci riesce, poi all'improvviso entra il bambino e uccide la donna con un coltello da cucina. Sarah insegue Miles fuori dalla casa in un frutteto sperando che lo spirito dell'assassino se ne sia andato, ma scopre che Edward ha ormai preso il pieno controllo del corpo del bambino. Inorridita, Sarah estrae la sua pistola per sparargli, ma viene a sua volta uccisa da un contadino di passaggio che le spara con un fucile. Qualche tempo dopo, Miles viene accolto in una nuova famiglia: nella sua camera da letto, fissa uno specchio e scorge l'immagine di Edward.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2018, Orion Pictures annunciò che il film sarebbe stato distribuito nel febbraio 2019[4] e si sarebbe dovuto intitolare Descendants[5].

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo poster e trailer del film sono stati pubblicati in contemporanea con Halloween nell'ottobre 2018[3].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 6 milioni di dollari durante il primo giorno di proiezione, 350,000 dollari durante l'anteprima, classificandosi al sesto posto al botteghino[6]. Rotten Tomatoes riporta un indice di gradimento del 43% basato su 69 recensioni, con un punteggio di 4.98/10[7]. Metacritic, invece, dà al film un punteggio di 45/100[8]., mentre CinemaScore dà al film un voto "C+"[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sandy Schaefer, The Prodigy Trailer & Poster: Taylor Schilling's Son Has Issues, ScreenRant, 22 ottobre 2018. URL consultato il 18 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) Greg Evans, ‘The Prodigy’ Teaser: Something Evil Is Inside Sweet Little Miles And Wants Out, in Deadline Hollywood, 22 ottobre 2018. URL consultato il 18 febbraio 2019.
  3. ^ a b (EN) Jim Vorel, "What's Wrong With Miles?" in the First Trailer for The Prodigy, in Paste Magazine, 22 ottobre 2018. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  4. ^ (EN) Brad Miska, Orion Sets ‘The Pact’ Director’s ‘The Prodigy’ for Early 2019 Release, Bloody Disgusting, 28 luglio 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Mia Galuppo, Taylor Schilling to Lead Thriller 'Descendant' for Orion Pictures (Exclusive), The Hollywood Reporter, febbraio 2018. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato il 18 febbraio 2019).
  6. ^ a b (EN) Anthony D'Alessandro, ‘Lego Movie 2’ Comes Apart With $34M+ Opening; ‘What Men Want’ Solid With $19M In Another Blasé B.O. Weekend, Deadline Hollywood, 10 febbraio 2018. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato il 18 febbraio 2019).
  7. ^ (EN) The Prodigy (2019), Rotten Tomatoes. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  8. ^ (EN) The Prodigy Reviews, Metacritic. URL consultato il 10 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema