The Midnight Sky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Miley Cyrus, vedi Midnight Sky.
The Midnight Sky
The Midnight Sky.png
George Clooney in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata118 min
Rapporto2,11:1
Generedrammatico, fantascienza, thriller, fantastico, avventura
RegiaGeorge Clooney
Soggettodal romanzo di Lily Brooks-Dalton
SceneggiaturaMark L. Smith
ProduttoreGeorge Clooney, Bard Dorros, Grant Heslov, Keith Redmon, Cliff Roberts
Produttore esecutivoGreg Baxter, Barbara A. Hall, Todd Shuster
Casa di produzioneAnonymous Content, Netflix, Smokehouse Pictures, Syndicate Entertainment, Truenorth Productions
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaMartin Ruhe
MontaggioStephen Mirrione
Effetti specialiChristopher Lawrence
MusicheAlexandre Desplat
ScenografiaJim Bissell
CostumiJenny Eagan
TruccoNatasha Nikolic-Dunlop
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Midnight Sky è un film del 2020 diretto e interpretato da George Clooney.

La pellicola fantascientifica, ambientata in un futuro post apocalittico, è l'adattamento cinematografico del romanzo del 2016 La distanza tra le stelle (Good Morning, Midnight) scritto da Lily Brooks-Dalton ed ha come protagonisti George Clooney, Felicity Jones, Kyle Chandler, Demián Bichir e David Oyelowo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

2049. Augustine Lofthouse è un astronomo che vive isolato in una stazione scientifica del Polo Nord. Una serie di cataclismi ha praticamente distrutto la Terra. Augustine, malato terminale, ha scelto di rifugiarsi nell'Artide, unico luogo ancora abitabile del pianeta e di non seguire gli altri esseri umani nei rifugi sotterranei, creati per sfuggire all'aria irrespirabile in superficie. Da lì, Augustine si mette in contatto con la nave spaziale Aether, di ritorno da una missione su un satellite di Giove, dove gli astronauti hanno verificato la presenza di un'atmosfera e di un clima adatti alla vita umana, quando scopre di non essere solo: una bambina di nome Iris infatti si è nascosta nella sua stazione scientifica in seguito all'evacuazione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film, iniziate il 21 ottobre 2019, sono terminate il 7 febbraio 2020 e si sono svolte anche in Finlandia.[1] Per interpretare il protagonista, Clooney ha perso dodici chili, venendo ricoverato per una pancreatite, causata dalla rapida perdita di peso.[1]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato diffuso il 26 ottobre 2020,[2] mentre il trailer esteso il giorno seguente.[3]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito limitatamente nelle sale cinematografiche nel dicembre 2020 e su Netflix dal 23 dicembre dello stesso anno.[3] La pellicola è stata la più distribuita, tra i titoli della piattaforma, nelle sale di tutto il mondo durante la pandemia di COVID-19.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato visto da settantadue milioni di account in tutto il mondo nelle prime quattro settimane di programmazione su Netflix, posizionandosi al primo posto in settantasette paesi e nei primi dieci posti in novantatré nazioni.[4]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 53% delle recensioni professionali positive su 176 critiche,[5] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 59 su 100 basato su 38 critiche.[6]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Valentina D'Amico, THE MIDNIGHT SKY: GEORGE CLOONEY È STATO RICOVERATO DOPO AVER PERSO 12 CHILI PER IL RUOLO, su Movieplayer.it, 10 dicembre 2020. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  2. ^ Filmato audio Netflix Italia, THE MIDNIGHT SKY con George Clooney - DATA D'USCITA - Netflix, su YouTube, 26 ottobre 2020. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  3. ^ a b Filmato audio Netflix Italia, THE MIDNIGHT SKY con George Clooney - Trailer ufficiale - Netflix, su YouTube, 27 ottobre 2020. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  4. ^ a b Andrea Bedeschi, The Midnight Sky: il film di George Clooney domina Netflix ed è il più presente nei cinema fra quelli della compagnia, su BadTaste.it, 4 gennaio 2021. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) The Midnight Sky, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 28 dicembre 2020. Modifica su Wikidata
  6. ^ (EN) The Midnight Sky, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 25 dicembre 2020. Modifica su Wikidata
  7. ^ Filmato audio Oscars, 93rd Oscars Nominations, su YouTube, 15 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  8. ^ Fabio Fusco, GOLDEN GLOBE 2021: TUTTE LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) Ryan Adams, Chloe Zhao's Nomadland Leads Chicago Film Critics Association 2020 Nominations, su awardsdaily.com, 18 dicembre 2020. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  10. ^ (EN) 2020 CIC Awards, su chicagoindiecritics.org, 3 gennaio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  11. ^ (EN) Clayton Davis, National Board of Review Names ‘Da 5 Bloods’ Best Picture, Spike Lee Becomes Second Black Director Winner, Variety, 26 gennaio 2021. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  12. ^ Andrea Francesco Berni, Art Directors Guild: Mank, Pinocchio, Tenet tra i nominati di quest’anno, su BadTaste.it, 26 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  13. ^ (EN) 2021 EE British Academy Film Awards: The Nominations, su British Academy Film Awards, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  14. ^ (EN) Film nominees for the 26th annual Critics Choice Awards have been announced, su Critics' Choice Awards, 8 febbraio 2021. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  15. ^ (EN) San Diego Film Critics Society 2020 Awards Nominations, San Diego Film Critics Society Awards, 8 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  16. ^ (EN) Mirjana Van Blaricom, 25th Satellite Awards Nominees for Motion Pictures and Television Announced, International Press Academy, 1º febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  17. ^ (EN) 2020 WINNERS, su pressacademy.com, 15 febbraio 2021. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  18. ^ Andrea Francesco Berni, VES Awards: Soul e The Mandalorian guidano le nomination ai premi per gli effetti visivi, su BadTaste.it, 3 marzo 2021. URL consultato il 3 marzo 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]