The Mauritanian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Mauritanian
TheMauritanian.png
Il logo del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Regno Unito
Anno2021
Durata129 min
Generethriller, drammatico
RegiaKevin Macdonald
Soggettodalle memorie di Mohamedou Ould Slahi
storia di M. B. Traven
SceneggiaturaRory Haines, Sohrab Noshirvani, M. B. Traven
ProduttoreAdam Ackland, Michael Bronner, Leah Clarke, Benedict Cumberbatch, Christine Holder, Mark Holder, Beatriz Levin, Lloyd Levin, Branwen Prestwood Smith
Produttore esecutivoMichael Bloom, Rose Garnett, Micah Green, Robert A. Halmi, Ryan Heller, Zak Kilberg, Jim Reeve, Russell Smith, Daniel Steinman, Maria Zuckerman
Casa di produzioneWonder Street, 30WEST, BBC Films, Convergent Media, Shadowplay Features, SunnyMarch, Topic Studios
Distribuzione in italianoBiM Distribuzione, Prime Video
FotografiaAlwin H. Küchler
MontaggioLarry Siems
Effetti specialiDoug Hardy
MusicheTom Hodge
ScenografiaMichael Carlin
CostumiAlexandra Byrne
TruccoKerry Skelton
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Mauritanian è un film del 2021 diretto da Kevin Macdonald.

Il film, adattamento cinematografico delle memorie 12 anni a Guantanamo (Guantanamo Diary) del 2015 di Mohamedou Ould Slahi,[1] narra le vicende di quest'ultimo, detenuto nel campo di prigionia di Guantánamo dal 2002 al 2016.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mohamedou Ould Slahi, nato in Mauritania nel 1970, vince una borsa di studio e frequenta un college in Germania dove diventa ingegnere. Rientra in patria nel 2000 e in seguito all'attentato dell'11 settembre, su richiesta degli Stati Uniti viene dapprima trattenuto dalle autorità mauritane, quindi trasferito in una prigione giordana, infine, nel 2002, viene trasferito presso il campo di prigionia di Guantánamo a Cuba, dove viene trattenuto senza un'accusa o un processo. Qui viene sottoposto a pesanti torture al fine di ottenere una confessione. Slahi trova degli alleati nell'avvocato difensore Nancy Hollander e nella sua associata Teri Duncan. Insieme riescono ad arrivare ad un processo ove viene portata alla luce l'inconsistenza del profilo accusatorio e gli abusi subiti durante la prigionia. La loro controversa difesa, insieme alla scoperta di prove fabbricate per incolparlo, porteranno ad una ricerca della giustizia. Processato, nel 2010 ottiene la richiesta di rilascio ma, a seguito di ricorso del governo americano, rimane in carcere sino al 2016. Al rilascio rientra in Mauritania. Nelle immagini finali del film compaiono il vero protagonista della vicenda, Mohamedou Ould Slahi e altri personaggi reali interpretati da attori nel film.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo iniziale del progetto era Prisoner 760.[2]

Le riprese del film sono iniziate il 2 dicembre 2019 in Sudafrica.[2]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 1º dicembre 2020.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, inizialmente fissata nel tardo 2020 e rinviata a causa della pandemia di COVID-19,[3] è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 12 febbraio 2021,[1] mentre in Italia arriva su Prime Video a partire dal 3 giugno 2021.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Filmato audio STXfilms, The Mauritanian - Official Trailer [HD] - February 19, su YouTube, 1º dicembre 2020. URL consultato il 1º dicembre 2020.
  2. ^ a b (EN) Anthony D'Alessandro, Jodie Foster, Tahar Rahim & Shailene Woodley Board ‘Prisoner 760’, STX Launching At AFM, su Deadline Hollywood, 1º novembre 2019. URL consultato il 1º dicembre 2020.
  3. ^ (EN) Naomi Ackerman, 'I'm trying to take the temperature of the world': Oscar-winning director Kevin Macdonald wants you to film your life, su standard.co.uk, 24 luglio 2020. URL consultato il 1º dicembre 2020.
  4. ^ Fabio Fusco, GOLDEN GLOBE 2021: TUTTE LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 3 febbraio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) GOLDEN GLOBE WINNERS 2021: FULL LIST OF WINNERS AT THE 78TH GOLDEN GLOBE AWARDS, su Rotten Tomatoes, 28 febbraio 2021. URL consultato il 1º marzo 2021.
  6. ^ (EN) 2021 EE British Academy Film Awards: The Nominations, su British Academy Film Awards, 9 marzo 2021. URL consultato il 9 marzo 2021.
  7. ^ (EN) Nominations, su European Film Award. URL consultato il 9 dicembre 0221.
  8. ^ Beatrice Pagan, LONDON CRITICS' CIRCLE FILM AWARDS 2021: SAINT MAUD DOMINA CON OTTO NOMINATION, su Movieplayer.it, 13 gennaio 2021. URL consultato il 13 gennaio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema